Epidermis. Strategie mimetiche di vitalità organica 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TOBE ARTSPACE ​ Via Giuseppe Mazzini 37 Torino 10123

Torino - dal 19 settembre al 14 ottobre 2006

Epidermis. Strategie mimetiche di vitalità organica
[leggi la recensione]

Epidermis. Strategie mimetiche di vitalità organica
[leggi la recensione]
TOBE ARTSPACE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Mazzini 37 (10123)
+39 0115690384 , +39 3334955645
info@artobe.net
www.artobe.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

collettiva inaugurale per la galleria genovese, che apre uno spazio a Torino e uno a Barcellona
orario: mart – sab 15:30 – 19:00 e su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 settembre 2006. ore 18:30
curatori: Gianluca Marziani
autori: Karin Andersen, Corrado Bonomi, Massimo Festi, Luisa Raffaelli, Vittorio Valente
genere: arte contemporanea, inaugurazione, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
EPIDERMIS come la pelle che ricopre le forme umane, animali, vegetali

EPIDERMIS come una geografia mutante, uno schermo reattivo, un registratore di eventi

EPIDERMIS come il primo strato su cui tutto accade e trova la sua sintesi estetica

Strategie mimetiche di vitalità organica… ecco l’epidermide registrare emozioni e sentimenti, intelligenze ed involuzioni, eventi privati e globali. La pelle come superficie che sintetizza la complessità biologica e psicanalitica. Una mostra in cui le forme vive raccontano di strane ibridazioni, fatti anormali, cambiamenti esteriori, mimetismi. Cinque artisti per altrettante visioni su come gli organismi si adattano agli habitat contemporanei. Ma anche su come gli habitat creino nuovi dialoghi con le forme viventi, le loro storie, le ragioni individuali e collettive dietro ad ogni vicenda.


Karin Andersen narra di strani personaggi teriomorfi, umanoidi erettili le cui tipologie fisiognomiche stanno mutando con modi tra il verosimile e il plausibile. Seguiamo storie di scoperta, conquista, perdita, confusione. Eventi del quotidiano in cui luoghi e oggetti dialogano con le nuove identità “aliene”. Tutto si trasforma secondo sottili spostamenti: e proprio la pelle diventa il principale recettore del cambiamento, il sismografo che registra l’urgenza di un mondo a misura di alterazione.

Corrado Bonomi agisce sugli oggetti, sui feticci e sulle molteplici protesi del quotidiano. Fiabe perverse, giochi crudeli, invenzioni da brevettatore folle: un viaggio nell’ironia sarcastica dove la scultura rompe le vecchie certezze sui passatempo, sui gadget, sui feticci, sugli oggetti d’uso comune. Quella di Bonomi è una saga di piccoli personaggi che ci somigliano e fanno cose tra la norma e l’assurdo. Figure di varia natura che, dietro le apparenze delle loro superfici, stravolgono le regole del gioco.

Massimo Festi mette la maschera ad alcuni volti in primo piano. Il suo intervento essenziale agisce sulla connotazione frontale del ritratto, evidenziando così la zona d’ombra, il confine da svelare, il lato ambiguo della natura umana. I protagonisti assumono tratti animaleschi che rimandano ad immaginari filmici, alla cultura del feticismo, a spunti di natura letteraria. In realtà racchiudono l’ambivalenza che si ricrea davanti alla maschera come seconda pelle sempre più necessaria.

Luisa Raffaelli ci trasferisce in un giorno di ordinaria follia, tra camere da pura nevrosi, strade dal pathos montante, città che pulsano per adrenalina. Una donna domina la singola scena, sottolineando il punto di tensione emotiva e il climax carico degli eventi. Il suo corpo, la sua pelle, gli abiti e accessori: tutto ricrea un archetipo femminile che si batte contro i possibili nemici. Un viaggio attorno alla “divisa” d’ordinanza del gender, vera epidermide artificiale con cui la donna alimenta il proprio “ruolo”.

Vittorio Valente cammina lungo il sottile e affascinante confine tra arte e scienza. Crea forme inclassificabili che mescolano la tecnologia di nuovi materiali al biomorfismo dei volumi plastici. La sua scultura è un viaggio ossessivo nelle possibili mutazioni epidermiche, un trip visionario in cui la forma si tramuta nei modi più imprevisti e spiazzanti. I suoi sono oggetti inclassificabili, incroci dove i materiali creano entità epidermiche di cui intuiamo qualcosa senza avere una soluzione definitiva.
 
trovamostre
@exibart on instagram