Lawrence Fane - Macchine inadempienti 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SOLARIA ARTE ​ Via Roma 99 Piacenza 29100

Piacenza - dal 19 novembre al 2 dicembre 2006

Lawrence Fane - Macchine inadempienti

Lawrence Fane - Macchine inadempienti

 [Vedi la foto originale]
SOLARIA ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Roma 99 (29100)
+39 0523305638 , +39 0523304983 (fax)
info@solariaarte.it
www.solariaarte.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una mostra di 40 disegni e di alcune esemplari sculture dell’artista americano
orario: 10:30/12:30, 16:00/19:30. Domenica aperto; giovedì pomeriggio e lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 novembre 2006. ore 18
editore: MAZZOTTA
autori: Lawrence Fane
genere: arte contemporanea, personale, disegno e grafica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione della pubblicazione del libro di Luigi Ballerini Le macchine inadempienti di Lawrence Fane (Milano, Mazzotta, 2006), la Galleria Solaria Arte di Piacenza allestirà una mostra di 40 disegni e di alcune esemplari sculture dell’artista americano. L’opera di Lawrence Fane che si è svolta fin dall’inizio lungo tracciati e coordinate spesso conflittuali rispetto alle mode prevalenti, e che non ha mai disdegnato la sfida del disegno e dell’oggetto, si è di recente indirizzata verso un’esplorazione della progettualità rinascimentale, intessendo un vero e proprio dialogo con artisti-ingegneri come Francesco di Giorgio Martini e Mariano Taccola. Di questo dialogo danno testimonianza, oltre che moltissimi disegni e sculture, anche un recente artist book intitolato M.T. / L.F.: A Sculptor’s Dialogue. (Per M.T. s’intende, appunto, Mariano Taccola e per L.F., Lawrence Fane). Il libro stampato in tiratura limitata contiene 24 disegni al tratto e un resoconto dell’incontro e dell’affinità elettiva che l’artista contemporaneo avverte per il suo illustre predecessore senese. Fane, che ha lavorato sia in ferro, sia in pietra, e opera oggi, quasi esclusivamente in legno (ma con interventi in vetro e cemento), conduce oggi una intensa ricerca nell’ambito delle forme fluide, per non dire addirittura liquide, e del concetto, ad esse associato, di purificazione. Molte opere degli ultimi anni hanno, in effetti, titoli assai significativi quali, Purifier, Conduit, Vessel, etc.

La mostra alla Solaria Arte che apre domenica 19 novembre alla presenza dell’artista e rimarrà aperta fino al 2 dicembre 2006, segue di due settimane la presentazione del libro M.T. / L.F. alla Zabriskie Gallery di New York, dove a partire dal primo di novembre saranno in mostra i disegni originali e una serie di Purifiers.



Nato a Kansas City, nel Missouri, nel 1933, Lawrence Fane vive e lavora a New York.

Laureatosi ad Harvard, comincia la sua carriera di scultore come apprendista nello studio di George Demetrios. Vincitore del Rome Prize, lavora per tre anni all’American Academy di Roma. Fane ha anche ottenuto riconoscimenti e premi dall’Ingrahm Merrill Foundation e dal New York Foundation for the Art.

E’ membro della National Academy of Design.

Trasferitosi a New York nel 1966, ha svolto attività didattica presso il Queens College Art Department fino al 1996. Numerose le sue personali alla Zabriskie Gallery, alla Marilyn Pearl, alla Bill Bace Gallery e alla Kouros Gallery, tutte di New York.

Sue opere sono state incluse in diverse mostre collettive sia in America sia in Italia.

Nel 2002 il Museo dell’Università di Richmond in collaborazione con il Muscarelle Museum gli hanno dedicato una retrospettiva venticinquennale intitolata Machines of the Mind.

Le sue opere più recenti, in legno e cemento, sono illustrate nell’Artist Book M.T. / L.F.: A Sculptor’s Dialogue with Mariano Taccola recentemente pubblicato dalla Pont La Vue Press.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram