Maccaia 3161 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NAVE - PARCO CULTURALE LE SERRE ​ Via Tiziano Lanza 31 Grugliasco 10095

Grugliasco (TO) - dal 16 novembre al 30 dicembre 2006

Maccaia

Maccaia
Piero Bonaccorsi Lasagno
 [Vedi la foto originale]
NAVE - PARCO CULTURALE LE SERRE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Tiziano Lanza 31 (10095)
cultura@comune.grugliasco.to.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per questa quarta edizione LAMPI FUORI cambia sede e rivolge lo sguardo in direzione della fotografia contemporanea, con una particolare attenzione agli autori emergenti della scena torinese
orario: lunedì - sabato, ore 10:00 - 19:30 (domenica chiuso)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 novembre 2006. ore 18:30
curatori: Fulvio Bortolozzo
autori: Simona Balma Mion, Piero Bonaccorsi Lasagno, Fabio Callèri, Silvia Grassi, Gianni Pavesi, Giuseppe Piersantelli, Delio Trapani, Franco Valle
genere: fotografia, collettiva
email: info@casasonora.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Per questa quarta edizione LAMPI FUORI cambia sede e rivolge lo sguardo in direzione
della fotografia contemporanea, con una particolare attenzione agli autori emergenti
della scena torinese.

MACCAIA è la parola del dialetto genovese che indica la bonaccia di scirocco.
Paolo Conte la inserisce nella sua notissima canzone Genova per noi come metafora
di una condizione visionaria: "Maccaia, scimmia di luce e di follia, foschia,
pesci, Africa, nausea, fantasia". Così come visionarie sono le opere in mostra
nella collettiva d'apertura. Simona Balma guarda alla sua famiglia con occhi
stupefatti; Piero Bonaccorsi Lasagno compie furiosi inseguimenti periferici,
Fabio Calleri coglie momenti in cui i luoghi diventano potenziali set cinematografici,
Silvia Grassi rende mentali e coloratissimi dei banali dettagli urbani, Gianni
Pavesi misura la resistenza concettuale delle cose, Giuseppe Piersantelli si
immerge nel fascino indiscreto della periferia, Delio Trapani prende possesso
diretto della sua realtà, Franco Valle osserva con distacco appassionato la sua
cangiante Torino.

Fulvio Bortolozzo
 
trovamostre
@exibart on instagram