Edo Bertoglio - Figurines 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva UBS ​ Piazzetta Della Posta Lugano 6900

Lugano - dal 21 novembre 2006 al 14 gennaio 2007

Edo Bertoglio - Figurines

Edo Bertoglio - Figurines

 [Vedi la foto originale]
UBS
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazzetta Della Posta (6900)
www.ubs.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra “Figurines” è dedicata ad una serie di fotografie realizzate dal regista e fotografo ticinese Edo Bertoglio
biglietti: free admittance
vernissage: 21 novembre 2006. ore 18-20
catalogo: in mostra
curatori: Igor Zanti
autori: Edo Bertoglio
genere: fotografia, personale
email: galleriabmahler@bluewin.ch

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra “Figurines” è dedicata ad una serie di fotografie realizzate dal regista e fotografo ticinese Edo Bertoglio.

Negli anni ottanta Edo Bertoglio viveva a New York dove, lavorando come fotografo per diverse riviste tra cui Interview di Andy Wharol, GQ, Vogue, Rolling Stone e Vanity, è divenuto in breve tempo uno dei più interessanti esponenti della “downtown scene”, entrando in contatto con il vivacissimo mondo culturale newyorchese.

Le Figruines, da un punto di vista formale, sono sostanzialmente dei ritratti fotografici di giovani donne che Edo, attraverso l’uso del flash anulare, ha voluto in qualche modo smaterializzare fisicamente, annullando il più possibile i lineamenti e le imperfezioni del volto, per trasformarle in magnifiche bambole, più simili a personaggi di cartoons che a donne in carne ed ossa.

Il risultato finale è una sorprendente galleria di ritratti di forte impatto emotivo, dove la semplicità delle composizioni rimanda ad una sensibilità in bilico tra una cultura estetica quattro- cinquecentesca, con evidenti riferimenti ad Antonello da Messina, a Pontormo e alla pittura rinascimentale del nord europea e ispirazioni pop, con accenti legati alla fotografia di moda degli anni Ottanta.

Riscontriamo nelle opere di Edo Bertoglio una ricerca di classicismo mediato da accenti di schietta matrice contemporanea, che propongono una intrinseca rielaborazione del concetto di ritratto.

Chi entra in contatto con questi ritratti sarà inevitabilmente costretto a intraprendere un viaggio nella memoria, riscoprendo il gusto e la cultura di una realtà ormai scomparsa, che nei suoi momenti finali ha dovuto fare i conti con le devastazioni della droga e della malattia, e avrà il privilegio di penetrare questo mondo attraverso l’insostituibile viatico dello sguardo di uno dei suoi più interessanti protagonisti.

Nel corso della serata inaugurale verrà presentato il libro fotografico in edizione limitata: Edo Bertoglio: Figurines, con prefazione di Glenn O’Brien e commento critico di Igor Zanti.


Si ringrazia la collaborazione di UBS per aver reso possibile questo evento.

Si ringraziano inoltre:

Etnica-Massimo Giudici, Fiori e Decorazioni-Mascioni, Hotel Collection-Astoria-Vago.com, Design Diffusion
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram