Elena Arzuffi - Spifferi 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CIOCCA ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Lecco 15 Milano 20124

Milano - dal 14 dicembre 2006 al 9 marzo 2007

Elena Arzuffi - Spifferi
[leggi la recensione]

Elena Arzuffi - Spifferi
[leggi la recensione]
“spifferi” disegno pennarello su carta frame dal video “spifferi” 2006 durata 0:03:22
 [Vedi la foto originale]
CIOCCA ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Lecco 15 (20124)
+39 0229530826 , +39 0220421206 (fax)
gallery@rossanaciocca.it
www.rossanaciocca.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una rassicurante dimensione domestica accoglierà lo spettatore al suo ingresso in galleria, dove sei differenti ambienti della casa conterranno altrettanti video che hanno come unici protagonisti gli “spifferi”, ideati e realizzati dall’artista elena arzuffi alla sua prima prova personale presso la Galleria Ciocca
orario: dal martedì al sabato 14-19,30
Chiusura Natalizia: dal 22 Dicembre al 9 Gennaio
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 dicembre 2006. ore 18.30
autori: Elena Arzuffi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una rassicurante dimensione domestica accoglierà lo spettatore al suo ingresso in galleria, dove sei differenti ambienti della casa conterranno altrettanti video che hanno come unici protagonisti gli “spifferi”, ideati e realizzati dall’artista elena arzuffi alla sua prima prova personale presso la Galleria Ciocca.

Lo spiffero, molesto soffio di aria o di vento che entra da una stretta apertura, viene qui interpretato dall’artista come un elemento di disturbo, che insinuandosi dalla finestra o da una porta aperta, è in grado di spostare l’attenzione dei nostri pensieri e di modificare le nostre azioni.

I sei video sono interamente realizzati dall’artista con l’uso di disegni in bianco e nero successivamente animati, riuscendo ad ottenere quella sospensione in cui delicatezza e semplicità restano l’elemento centrale, cuore fondamentale della poetica che da sempre caratterizza il suo lavoro . Unico momento in cui è possibile vedere un’immagine ripresa dal vero, è l’attimo in cui lo spiffero si insinua nelle azioni quotidiane dei personaggi riportandoci così alla cruda realtà in cui le cose accadono.

“itinerari”, “semplici spifferi”, “In interno”, “solo spifferi”, “spifferi” e “spiffero acre” sono i titoli dei video in mostra, le immagini che scorrono sono semplici rappresentazioni di vita quotidiana e si sviluppano fra le poche pareti domestiche.

Scopriamo così, fra le storie narrate, una giovane madre che accudisce il proprio figlio, un ragazzo che rompe la propria monotonia percorrendo in roller blade la sua casa, oppure una ragazza non vedente che si aggira per il suo appartamento, mentre giovani donne fanno aerobica in salotto. Sono semplici storie senza tempo di tutti i giorni di tutti i luoghi imbevute di una quotidianità di pascoliana memoria.

Richiamati dal suono insistente di una sirena proveniente dal giardino, ci ritroveremo incuriositi a scostare le tende oltre le quali l’immagine inquietante di una centrale nucleare,

icona assoluta d’insicurezza e pericolo, sposterà repentinamente i nostri pensieri dall’accogliente sicurezza della casa e delle sue mura domestiche all’incerta provvisorietà del mondo esterno

Dietro ad ogni nostra azione quotidiana c’è una vita che scorre, ogni momento può essere vissuto con l’intensità di una vita, come con la leggerezza di un soffio di vento, la nostra strada può essere modificata da un qualsiasi spiffero in ogni attimo della nostra vita.

Ed è proprio questo l’aspetto più interessante di questo progetto, perdersi nella propria quotidianità rende l’uomo miope verso i problemi reali e comuni al mondo, perché non solo un soffio di vento non conosce confini né dogane, né mura domestiche ma entra e si insinua nella nostra vita e nei nostri pensieri.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram