Carmelo Zotti - Antologica 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DELLA PERMANENTE ​ Via Filippo Turati 34 Milano 20121

Milano - dal 9 gennaio al 4 febbraio 2007

Carmelo Zotti - Antologica
[leggi la recensione]

Carmelo Zotti - Antologica
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DELLA PERMANENTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Filippo Turati 34 (20121)
+39 026551445 , +39 026590840 (fax)
info@lapermanente.it
www.lapermanente.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

una vasta antologica di Carmelo Zotti, uno dei casi più singolari e fervidi della figurazione italiana del secondo dopoguerra
orario: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 20; giovedì sino alle 22; lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 gennaio 2007. ore 18.30
editore: SKIRA
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Flaminio Gualdoni, Dino Marangon
autori: Carmelo Zotti
genere: arte contemporanea, personale
web: www.carmelozotti.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 10 gennaio al 4 febbraio 2007, la Permanente propone una vasta antologica di Carmelo Zotti, uno dei casi più singolari e fervidi della figurazione italiana del secondo dopoguerra.

Oltre cento le opere del maestro riunite per questa grande rassegna, opere esemplificative di tutti i periodi della sua attività. La mostra, curata da Flaminio Gualdoni e Dino Marangon, è stata promossa dal “Gruppo Euromobil per la cultura”, il gruppo trevigiano che in questi mesi è presente, come main sponsor, nelle mostre bresciane di Turner e di Mondrian al Museo di Santa Giulia e ad Arte Fiera Bologna 2007.



Cresciuto alla scuola veneziana di Bruno Saetti nella Venezia degli anni Cinquanta, vicino dapprima al clima informale, Zotti matura nel confronto/scontro con la Pop, affermatasi alla Biennale di Venezia nello stesso 1964 che vede una sua fondamentale presenza.

Una pittura, la sua, a forte componente narrativa non lontana dai riferimenti al “nuovo racconto” italiano e a maestri internazionali come Rafael Canogar e Alan Davie, Wols e Pierre Alechinsky, Graham Sutherland e Philip Martin.

Tale atteggiamento si nutre dello studio del clima sospeso e onirico metafisico/surreale, e dell’iconografia straniata della grande arte centroamericana e indiana, dalle quali Zotti estrapola il proprio tipicissimo repertorio iconografico.

Scrive Flaminio Gualdoni nel saggio introduttivo: “La mano, la sfinge, l’elefante, la piramide, il magrittiano rubinetto/fallo, la mummia, l’angelo, e poi Salomé e Giuditta, Lazzaro e Orfeo, Venere e Cleopatra, Ganesha e Mosè… Più saviniano che dechirichiano appare in questi anni Settanta l’approccio di Zotti (e ben lo ha ribadito Enzo Di Martino, scrivendone nel 1995), per quel suo evitare la cristallizzazione lucida della visione in favore di un sentimento più oscuro e mutante dell’immagine, e soprattutto per una meno esibita, ma non meno retoricamente padroneggiata, teatralità”.



Negli ultimi anni la sua pittura, ha scritto Dino Marangon, si apre a “una più sensibile e immanente modulazione delle luci, dei timbri e delle tonalità cromatiche” e a “una più viva attenzione per la delineazione della consistenza plastica delle figure”. In altri termini, non l’iconografia mitica vi è dominante, ma la sua capacità di metabolizzarsi nell’esperienza della pittura e della vita, posto che i due termini siano per Zotti effettivamente distinguibili.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram