Claude Closky - Climb at your own risk 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA ​ Via Luigi Settembrini 79 Napoli 80139

Napoli - dal 24 febbraio al 30 aprile 2007

Claude Closky - Climb at your own risk
[leggi la recensione]

Claude Closky - Climb at your own risk
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Settembrini 79 (80139)
+39 08119313016
www.museomadre.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una serie di « gradini », simili alle scalette utilizzate nelle biblioteche, conducono verso lo spazio, salendo dal cortile centrale del Madre, proprio al di sopra della project room, in cui viene proiettato Manège, l’installazione video che Claude Closky ha esposto di recente al Centro Pompidou in occasione del premio Marcel Duchamp
orario: dal lunedì al giovedì e domenica ore 10.00 - 21.00
venerdì e sabato ore 10.00 - 24.00 chiuso il martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: € 7.00
Ridotto: € 3.50
vernissage: 24 febbraio 2007. ore 19
editore: ELECTA
ufficio stampa: CIVITA
curatori: Marie Muracciole
autori: Claude Closky
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Una serie di « gradini », simili alle scalette utilizzate nelle biblioteche, conducono verso lo spazio, salendo dal cortile centrale del Madre, proprio al di sopra della project room, in cui viene proiettato Manège, l’installazione video che Claude Closky ha esposto di recente al Centro Pompidou in occasione del premio Marcel Duchamp. Nel cuore dell’antico palazzo Donnaregina, rinnovato dalla mano dell’architetto Alvaro Siza, Claude Closky presenta nel cortile un’opera inedita, Climb at your own risk. Nella project room, letteralmente “coperta” dall’area del cortile, sedici schermi al plasma trasmettono in ordine casuale migliaia di immagini di azioni elementari, rappresentate come tante sequenze narrative in un movimento rotatorio simile a quello delle lancette di un orologio. Climb at your risk si intreccia con Manège, e ne propone una « traduzione » che si avvicina alla storia della scultura e a quelle del ready-made e dell’arte performativa. L’opera che dà il titolo alla mostra ci ricorda anche, in una ironica versione casalinga, le numerose levitazioni che punteggiano la storia della rappresentazione nella tradizione occidentale e cristiana.

In effetti, le dieci scalette che compongono Climb at your own risk offrono allo spettatore la possibilità di elevarsi da terra, ma piuttosto che promettergli un qualche beneficio spirituale o magico, la frase (ripresa da un comunicato di utilità pubblica) riportata su ciascuna scaletta ricorda a chi sale che è totalmente responsabile della sua partecipazione. In questo modo lo spettatore potrà godere di una vista dall’alto, pur restando sul fondo di un cortile di una sobrietà monacale.

L’ascesa potenziale è « en kit », un anglicismo che si può tradurre come “prêt-à-monter”, cioè pronta per salirci, ed è disponibile in sette formati diversi, che non superano mai i 2,26 metri di altezza. Ha chiaramente un significato simbolico che non altera in alcun modo la dimensione formale e ideologica della questione. In realtà, se gli spettatori decidono di salire, il loro sguardo non potrà mai andare al di là del primo piano del museo, non raggiungerà i suoi tetti né la vista mitica che si apre sul golfo di Napoli e verso il Vesuvio. Al contrario, Climb at your own risk sarà visibile ai visitatori delle collezioni e delle mostre ospitate dal primo al terzo piano attraverso la maggior parte delle finestre lungo i percorsi del museo che affacciano sul cortile. In questo modo, al passaggio, l’installazione sottolineerà che ogni spazio espositivo è, letteralmente e potenzialmente, uno spazio di performance, in quanto coinvolge il corpo di chi guarda, oltre che un dispositivo che apre una visuale per lo sguardo. Le scalette costituiscono una pedana per lo spettatore e un piedistallo per la sua esperienza del cortile, della visione e di una mostra su due livelli.

L'organizzazione e la gestione del museo MADRE sono affidate alla SCABEC S.p.A., società campana per i Beni Culturali.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram