Albert Steiner - Sopra valli e uomini 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA GOTTARDO ​ Viale Stefano Franscini 12 Lugano 6900

Lugano - dal 30 gennaio al 21 aprile 2007

Albert Steiner - Sopra valli e uomini

Albert Steiner - Sopra valli e uomini
Curling - Bruno Bischofberger, Meilen
Atmosfera temporalesca a Locarno - Collezione HJ. e Regula Ruch
© Bruno Bischofberger, Meilen
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA GOTTARDO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Stefano Franscini 12 (6900)
+41 0918081988 , +41 0918082447 (fax)
galleria@gottardo.com
www.galleria-gottardo.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’opera fotografica
orario: martedì 14.00 - 17.00; mercoledì - sabato 11.00 - 17.00. Chiuso domenica e lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 gennaio 2007. ore 18-20
catalogo: in mostra
ufficio stampa: UESSEARTE
curatori: Peter Pfrunder, Beat Stutzer
autori: Albert Steiner
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Galleria Gottardo, Fondazione per la Cultura della Banca del Gottardo presenta dal 31 gennaio al 21 aprile 2007, la mostra Albert Steiner “Sopra valli e uomini”, curata da Peter Pfrunder e Beat Stutzer.

Tra i numerosi fotografi che si sono dedicati ai paesaggi alpini, Albert Steiner (1877-1965) occupa una posizione particolare. Formatosi nel rinomato atelier di Jean Moeglé (Thun) e Frédéric Boissonas (Ginevra), ispirato da pittori quali Giovanni Segantini e Ferdinand Hodler, Steiner è riuscito a tradurre il suo stupore per l’incontaminato mondo delle montagne in immagini piene di magia. Per 46 anni ha vissuto e lavorato in Engadina, trovando il paesaggio primordiale e paradisiaco in grado di assecondare al meglio la sua nostalgia. Oltre a evocare un grande rispetto per la natura, gli scatti di Steiner testimoniano gli sforzi instancabili che il fotografo ha dedicato alla ricerca di valori senza tempo e verità universali, dando vita a spettacolari scenari accuratamente concepiti, intrisi di luce e in grado di esprimere l’esperienza della fugacità umana.

Tra il 1910 e il 1930 le opere di Albert Steiner raggiunsero la piena maturità. In quel ventennio, nell’avanguardia fotografica si erano, infatti, affermate nuove interpretazioni circa la natura e le possibilità offerte dalla fotografia. Il pittorialismo aveva cercato di nobilitare la fotografia con la ricerca di effetti pittorici, contorni sfumati, tonalità soffuse e con motivi romantici, ma perse sempre più attrattiva. Verso il 1930, i rappresentanti di una concezione moderna della fotografia diffusero un linguaggio figurativo basato sull’immediatezza, l’obiettività, le forme nette e le composizioni rigorose.

Il passaggio dalla vecchia alla nuova concezione della fotografia si rispecchia chiaramente nelle opere di Steiner. La tecnica e l’interpretazione che permeano i suoi primi scatti sono in gran parte di ispirazione pittorica, e anche in anni successivi i suoi ingrandimenti si avvicinano al dipinto. Le sue fotografie sono tuttavia ripetutamente caratterizzate da una composizione precisa dell’immagine, dall’interesse nei confronti di superfici e strutture e da una rappresentazione semplice e diretta di ciò che appare alla vista. In questo senso Albert Steiner può considerarsi proiettato verso la modernità, come si evince al meglio dalle sue immagini su carta lucida in neutre tonalità di grigio, estremamente nitide e ricche di dettagli, in forma di negativi su vetro (18x24cm), che riproducono la realtà in modo oggettivo. Queste stampe a contatto non solo rappresentano il fondamento del suo archivio, ma sono anche la matrice delle riproduzioni su riviste e libri coevi, come l’opera Schnee Winter Sonne (1930), primo vero saggio fotografico sulla Svizzera, che rispecchia una concezione moderna della fotografia, paragonabile al più famoso Die Welt ist schön (1928) di Albert Ranger-Patzsch, uno dei principali esponenti della Nuova oggettività.

L’intenso, quasi ossessivo, legame di Steiner con il mondo della montagna è il frutto di una visione artistica molto personale. Diversamente da molti suoi contemporanei, per Steiner era chiaro che la fotografia si prestasse a creare opere d’arte in grado, non solo di documentare la realtà, ma di illustrare anche stati d’animo e atteggiamenti interiori.

Le opere esposte alla Galleria Gottardo - stampe ai sali d’argento eseguite personalmente - provengono da diverse collezioni private e pubbliche. Si tratta in parte di stampe a contatto (di solito firmate sul retro e recanti un titolo) e in parte di immagini su carta opaca colorata.

Albert Steiner ha datato i suoi lavori soltanto in casi eccezionali, ma in base a riscontri paralleli si può tuttavia presumere che le opere esposte risalgano in gran parte agli anni ’10 e ’20 del secolo scorso.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram