Pinacoteca Capitolina. Catalogo generale 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEI CAPITOLINI ​ Piazza Del Campidoglio 1 Roma 00186

Roma - gio 15 febbraio 2007

Pinacoteca Capitolina. Catalogo generale

Pinacoteca Capitolina. Catalogo generale

 [Vedi la foto originale]
MUSEI CAPITOLINI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Campidoglio 1 (00186)
+39 0639967800
info.museicapitolini@comune.roma.it
www.museicapitolini.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

volume a cura di Sergio Guarino e Patrizia Masini
biglietti: free admittance - su invito
vernissage: 15 febbraio 2007. ore 17
editore: ELECTA
genere: presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In uscita per Electa il Catalogo Generale della Pinacoteca Capitolina, una pubblicazione che in modo rigoroso colma una lacuna nella catalogazione scientifica del patrimonio pittorico romano.

I tre saggi introduttivi narrano la storia della Pinacoteca, istituita nel 1749 per volontà di papa Benedetto XIV, negli ambienti costruiti appositamente in Campidoglio da Ferdinando Fuga, l’acquisizione delle collezioni di dipinti dei marchesi Sacchetti e del principe Pio di Savoia, e i diversi allestimenti delle raccolte arricchitesi nel tempo anche grazie a lasciti e acquisti.

Il catalogo si articola cronologicamente, per autori maggiori, per scuole pittoriche e per aree geografiche seguendo fedelmente l’attuale percorso espositivo, mentre un nutrito regesto rende il necessario conto delle opere collocate nei magazzini o in altri palazzi comunali.

Di notevole utilità anche gli apparati documentali e inventariali. La bibliografia specifica è aggiornata al 2006. Le schede si completano di testi di confronto e di notizie sui restauri e sulle esposizioni ricavate dalle schede museali, veri “palinsesti” compilati dai primi anni cinquanta del Novecento.

Le schede più ampie sono dedicate alle opere che fanno celebre questo museo: quelle dei maestri del Rinascimento (Bellini, Tiziano, Savoldo, ecc.), i due Caravaggio, i capolavori del Guercino e del Domenichino, la rassegna dei Guido Reni e Pietro da Cortona, le vedute orizzontali di van Wittel, gli intensi ritratti di Van Dyck e Velázquez.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram