Gabriella Napolitano - Un tempo tutto per sé 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/02/2019
Chi è Giorgio Barbero Corsetti, neodirettore del Teatro di Roma – Teatro Nazionale
19/02/2019
David Hockney racconta l’evoluzione delle immagini in un libro illustrato per bambini
19/02/2019
Scalare Machu Picchu con la sedia a rotelle? Da oggi si può, con Wheel the World
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva KESTE' ​ Via San Giovanni Maggiore Pignatelli Napoli 80134

Napoli - dal 24 aprile al 20 maggio 2007

Gabriella Napolitano - Un tempo tutto per sé

Gabriella Napolitano - Un tempo tutto per sé

 [Vedi la foto originale]
KESTE'
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via San Giovanni Maggiore Pignatelli (80134)
+39 0815513984
press@keste.it
www.keste.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le foto esprimono l’impulso delle donne a scappare dai limiti imposti sia dalla società che da se stesse
biglietti: free admittance
vernissage: 24 aprile 2007. ore 21
autori: Gabriella Napolitano
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Gabriella Napolitano con i suoi scatti ci porta in un mondo che da semsino al 20 maggio la mostra pre è stato maschile, che storicamente vede la donna come intrusa, difficilmente credibile, comunque sempre in ombra: Il mondo dei supereroi, il mondo delle supereroine! Le foto esprimono l’impulso delle donne a scappare dai limiti imposti sia dalla società che da se stesse. Anche nei fumetti la donna vive all’ombra del supereroe maschio, anche nel mondo della fantasia si trova in uno spazio minore, sicuramente diverso, limitato e limitante. E proprio da questo spazio le eroine fuggono, si alleano contro questo ennesimo preconcetto, ulteriore limitazione. Dal fumetto si passa alla contestazione politica, i simboli del “super” al femminile tentano letteralmente di fuggire dal disegno e forse dalla foto stessa. Si arrampicano, mandano segnali usando strisce di giornali, non più chiuse in un libro ma libere interpreti del loro “super destino”. Liberta' e' partecipazione! E per partecipare si ha bisogno di tempo, “un tempo tutto per sé” per cambiare, rileggere, reinventare le regole del nostro mondo. La partecipazione poltica delle donne può e deve contribuire allo sviluppo di nuove regole e nuovi rapporti tra le persone. Reinventando azioni e linguaggi la "supereroina" non viene piu' vista come surrogato del supereroe maschio ma inizia a rappresentare la forza di una nuova azione politica delle donne nella societa'. Concetti di forte senso politico espressi con una leggera, infantile ironia. Immagini che prima fanno sorridere, quindi riflettere...
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram