Garibaldi 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DI SANTA GIULIA ​ Via Dei Musei 81/B Brescia 25121

Brescia - dal 3 maggio all'otto luglio 2007

Garibaldi

Garibaldi

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DI SANTA GIULIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Musei 81/b (25121)
+39 0302977834
santagiulia@bresciamusei.com
www.bresciamusei.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le immagini del mito nella Collezione Tronca
orario: utti i giorni tranne il lunedì, ore 9.30 – 17.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 8 euro
vernissage: 3 maggio 2007. su invito
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
patrocini: Comitato nazionale per le celebrazioni del Secondo Centenario della nascita di Giuseppe Garibaldi
genere: documentaria

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 4 maggio all’8 luglio 2007, la Fondazione Brescia Musei propone, a Santa Giulia, un’ampia sequenza di opere e testimonianze garibaldine tratte dalla Collezione Tronca, sino ad oggi mai esposta al pubblico.

Il primo contatto con un cimelio garibaldino segna, per il dottor Francesco Paolo Tronca, l’avvio di una passione che lo ha portato a raccogliere oltre 500 testimonianze di un Eroe e un’epopea che divennero mito in Italia, ma anche in molti altri Paesi.

“Trent'anni addietro - ricorda il dottor Tronca, oggi Prefetto di Brescia - ebbi occasione di apprezzare, al tatto, il calore proveniente dal manico in osso di un singolare coltello e tale era più che un vero e proprio pugnale, sia pure di foggia e materiali pregevoli. Era la «lama da combattimento» del Capitano dei Garibaldini Gaetano Criscione, lasciata in eredità, unitamente al cannocchiale, al nipote, peraltro figlioccio di battesimo: mio nonno. L'emozione provata era diversa da quella che avvertivo da bambino quando ascoltavo da mio nonno, nella sua casa di Palermo, i racconti dell’entrata dei Mille nella «capitale» ed i ricordi tramandati a lui dallo zio Capitano e dai genitori, testimoni diretti di quella lontana giornata del 27 giugno 1860. Per me questi non erano più vecchi cimeli di famiglia bensì testimonianze vive, immediate, della lotta per l'Unità d'Italia”.


Nacque così la Collezione Tronca, oggi una delle più ricche non tanto e solo di cimeli garibaldini quanto di quelli che oggi potremmo chiamare esemplari di una produzione vastissima che si sviluppò in Italia ma anche in numerosi altri Paesi europei.

Garibaldi fu, probabilmente, il primo personaggio storico italiano a far innamorare di sé, trasversalmente, tante nazioni in tutta Europa.

L'Italia e l'Europa dell’Ottocento sembravano impazzite per un personaggio tanto carismatico e affascinante. Così in ogni casa italiana, in molte case inglesi, francesi e di altre nazioni, veniva custodito, quasi venerato, qualcosa che lo riproduceva, dal ritratto in divisa da generale piemontese nelle famiglie nobili di fede monarchica, all'incisione acquerellata in camicia rossa in quelle delle famiglie repubblicane meno abbienti, dai piatti alle pipe, dai ricami ai busti. E sono proprio queste espressioni iconografiche create per coloro che volevano avere accanto un'immagine del Generale, che Francesco Paolo Tronca ha scovato e raccolto per questa sua preziosa e curiosa Collezione.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram