La politica dell’arte negli anni Trenta in Italia 3035 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE ​ Viale Emilio Alemagna 6 Milano 20121

Milano - lun 7 maggio 2007

La politica dell’arte negli anni Trenta in Italia

La politica dell’arte negli anni Trenta in Italia

 [Vedi la foto originale]
TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Emilio Alemagna 6 (20121)
+39 02724341 , +39 0289010693 (fax), +39 0272434208
info@triennale.it
www.triennale.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

conversazione con Carlo Fabrizio Carli, Silvia Evangelisti, Anty Pansera, Elena Pontiggia
biglietti: free admittance
vernissage: 7 maggio 2007. ore 18
editore: ELECTA
genere: presentazione, incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Pochi decenni, in Italia, sono culturalmente vivaci e articolati come gli anni Trenta. Sono anni nei quali si assiste nel nostro paese al progressivo affermarsi di nuovi linguaggi nelle arti visive come nell’architettura. Vi è la compresenza di movimenti e linee di ricerca con specificità diverse, senza un tema dominante. Nelle arti visive il futurismo continua la sua opera di sperimentazione del "nuovo", ma è anche il periodo di germinazione dell’astrattismo, così come di tentativi di un’arte sociale attraverso la pittura murale. In architettura sono gli anni del razionalismo, delle città di fondazione, ma anche del monumentalismo.

I fermenti e le linee di tendenza che si vanno definendo, con uno sguardo anche alle avanguardie europee, trovano adeguata sede di confronto in due istituzioni culturali che avevano visto la luce pochi anni prima: la Triennale di Milano (1923) e la Quadriennale di Roma (1927).

Per la prima volta, a più di mezzo secolo di distanza, Triennale e Quadriennale si incontrano per animare una riflessione a più voci sul clima artistico degli anni Trenta
. L’occasione è propiziata dalla recente uscita, presso la casa editrice Electa, di una pubblicazione La grande Quadriennale 1935. La nuova arte italiana (a cura di Elena Pontiggia e Carlo Fabrizio Carli) e promossa dall’istituzione romana anche per festeggiare i suoi ottant’anni, la cui ricorrenza cade proprio quest’anno.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram