Achille Quadrini - Ambienti 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ISTITUTO BIANCHI ​ Piazza Montesanto 25 Napoli 80135

Napoli - dal 18 maggio al 3 giugno 2007

Achille Quadrini - Ambienti

Achille Quadrini - Ambienti

 [Vedi la foto originale]
ISTITUTO BIANCHI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Montesanto 25 (80135)
+39 08154964945
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

opere recenti
orario: tutti i giorni, anche la domenica, dalle 9 alle 13
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 18 maggio 2007. ore 17
curatori: Maurizio Vitiello
autori: Achille Quadrini
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
L’artista Achille Quadrini è di nuovo a Napoli, città che ama molto.
Achille Quadrini lavora a Frosinone, viaggia molto in Italia ed in Europa, ora all’Est. Preferisce organizzare delle esposizioni anche fuori dai confini nazionali per meglio farsi conoscere. L’artista cerca di confermare e configurare muta sostanza alle attese e coglie, nelle sue diversificate pitture, certezze acute di soglie e di limiti. Nelle dinamiche di pensieri riflessi propone orientamenti e fa di tutto perché ci sia un varco, un respiro, un’apertura, insomma una possibilità di andare oltre. Il suo carattere ed il suo intendimento indugiano, con severa e tesa discrezione, sull’esterno del mondo e mantengono un sincero e pudico contatto con il sentiero del limite; l’artista non ravvede soglie di preclusione. Un sentimento di riappropriazione lo spinge a riempire e colmare la tela bianca ed, allora, “legge” i moti e i movimenti della società all’angolo della strada e le aritmie determinate dagli eventi mondiali. Il nostro quotidiano che precisa il nostro vivere, con sussulti brevi e/o lunghi, può essere controllato, condensato ed esaminato grazie ad una profonda presa di coscienza, corroborata anche dalla disamina di ciò che si sedimenta. Il “focus” dell’azione pittorica di Achille Quadrini prende spunto da vene intimistiche e cala, poi, il suo interesse sulle odierne umane vicende tangendo una chiave più vicina all’astrazione. Le sue attuali pitture si presentano ancor più interessanti e compatte ed il senso della realtà domina gli scenari e, difatti, ecco nuovi inaspettati scorci: paesaggi mitteleuropei, su cui incombono centrali nucleari che minacciano prove atomiche, vengono considerati dall’artista, rimasto impressionato in un recente viaggio nell’Est. Non dimentica, però, paesaggi di forte sapore mediterraneo, sagaci e spericolate visioni d'insieme, scenografie pulite da assillanti e da assillate metropoli, macchie di scenari verdi e di netti azzurri guadagnano lo spazio della tela. La mano di Quadrini conquista tessiture ed orditi di panorami reali, ma anche immaginati, e visioni si sospendono, tra sogno ed emozione, e s’elevano cromatismi mediterranei segnati e contrappuntati da minime figurazioni, intervallati da intersecate luci e dettagliati da ombre.
I suoi ultimissimi lavori dettagliano su precarietà e contrasti, su problematiche odierne ed epocali.

Maurizio Vitiello
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram