L’Impero del fuoco 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BANCA ARNER - CASA AIROLDI ​ Piazza Alessandro Manzoni 8 Lugano 6900

Lugano - dal 24 maggio al 31 luglio 2007

L’Impero del fuoco

L’Impero del fuoco
BANCA ARNER - CASA AIROLDI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Alessandro Manzoni 8 (6900)
+41 919126222
www.arnerbank.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

bronzi africani del Benin
biglietti: free admittance
vernissage: 24 maggio 2007. su invito
catalogo: in mostra
curatori: Luca M. Venturi
genere: arte etnica

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Viene proposta una selezione di 20 straordinari pezzi unici di scultura africana tradizionale di ottone e bronzo, realizzati con la tecnica antichissima e complessa della fusione a cera persa, sui modelli della corte dell’Impero Edo, o del Benin, in Africa occidentale, nell’attuale Nigeria, che raggiunse il suo splendore tra il XV e XVI secolo. Nel 1670, il medico olandese Olfert Dappert descrisse Benin come una capitale con un castello "vasto quanto la città di Harlem, dotato di "lunghe, bellissime gallerie grandi quanto la Borsa di Amsterdam", il cui esterno era tappezzato da placche di bronzo che raccontano la storia locale. Il bronzo era il materiale favorito dal re divino perché non si corrode né arrugginisce, simboleggiando così la durata e la continuità della monarchia.

L’antologia presentata da Banca Arner a Lugano offre una panoramica di arte africana tratta da un’appassionata e intensa raccolta di sculture dell’Africa occidentale di Fabrizio Sommaruga in cui sopravvivono la tradizione formale e le identiche tecniche antiche, mantenendo la totale aderenza alla storia, alla bellezza artistica e all'autenticità dei soggetti e del loro stile caratteristico, raggiungendo il livello di vere e proprie creazioni d’arte. Sono anche esposti due straordinari esemplari d’alto antiquariato del XVI secolo, dalla collezione di Augusto Panini.

I primi esempi d’arte africana giunsero in Europa ad opera di viaggiatori, principi e mercanti. Notizia certa si ha nel 1470 e dal XVI secolo si diffusero dall’Africa manufatti straordinari per la raffinata lavorazione e per la rarità dei materiali. Ma è con la spedizione inglese del 1897 che l’Europa scopre l’arte africana, quando la capitale del regno di Benin venne incendiata e si salvarono solo 900 ‘bronzi’ rappresentanti figure umane, animali, divinità e scene di corte, portati in Inghilterra e venduti sul mercato europeo, costituendo il nucleo di molti musei attuali. Così, la fine di un impero segnò la scoperta della grandezza e delle capacità espressive dell’arte africana, recepite dall’arte d’avanguardia, come il Cubismo e che hanno ispirato a Joseph Conrad il racconto Cuore di tenebra.

Questa nuova mostra interviene in una fase in cui la cultura europea, i musei più attenti e le case d’asta internazionali stanno rivalutando il patrimonio d’arte antica e contemporanea dell’Africa. Un’autentica e urgente moda culturale, riflessa anche nel gusto e nelle tendenze di oggi, dall’arte alla musica, all'arredamento, ai preziosi.

Il catalogo, nelle edizioni Arner Quaderni, è disponibile agli sportelli di Banca Arner. La mostra è stata curata da Luca M. Venturi e allestita in collaborazione con la Galleria Nerart, Via Somaini 6, Lugano, www.nerart.com
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram