Matteo Basilé - Apparitions 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
È morto Philippe Zdar dei Cassius
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MART ​ Corso Angelo Bettini 43 Rovereto 38068

Rovereto (TN) - dal 22 giugno al 26 agosto 2007

Matteo Basilé - Apparitions
[leggi la recensione]

Matteo Basilé - Apparitions
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Angelo Bettini 43 (38068)
+39 0464438887 , +39 0464430827 (fax), 800397760
info@mart.trento.it
www.mart.trento.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un percorso di grandi immagini fotografiche, un video e la sua prima opera scultorea, attraverso il quale l’artista intende raccontare la sottile linea che separa la visione del folle dal Santo, l’uomo dalla donna, la bellezza dalla mostruosità: una serie di rappresentazioni che sfiorano, metaforicamente, il mistero della vita e dell’universo
orario: mar. – dom. 10.00 - 18.00
ven. 10.00 - 21.00
lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: 8 € Ridotto: 5 €
Ridotto scolaresche: 1€ a studente
Biglietto famiglia: 20€
Amici del museo: gratuito
vernissage: 22 giugno 2007. ore 18
editore: SKIRA
curatori: Gianluca Marziani
autori: Matteo Basilè
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Apparitions è il titolo del progetto di Matteo Basilè, a cura di Gianluca Marziani.

Un percorso di grandi immagini fotografiche, un video e la sua prima opera scultorea, attraverso il quale l’artista intende raccontare la sottile linea che separa la visione del folle dal Santo, l’uomo dalla donna, la bellezza dalla mostruosità: una serie di rappresentazioni che sfiorano, metaforicamente, il mistero della vita e dell’universo.

La fotografia digitale di Basilè, in “Apparitions”, ritrae personaggi in atteggiamenti fortemente teatrali, con sguardi penetranti e posture del corpo che rimandano a una ieratica sacralità. A fare da sfondo, scenari scenograficamente caratterizzati dal punto di vista storico e artistico – come la Reggia di Caserta – oppure affascinanti paesaggi barocchi che Gianluca Marziani, nel testo in catalogo, definisce da “retromondo fantascientifico: ambienti dove il futuro della specie umana si edifica sulle permanenze del passato.”

Ad accomunare le persone ritratte da Basilè è la tensione verso la diversità: modificazioni corporee, atteggiamenti di sfida, esibizione di caratteristiche transgender che, secondo Marziani, rendono queste “entità” “più vere del vero, […], oneste perché già oltre il rischio del giudizio. Il loro coraggio si assume il peso della Storia e diviene atto morale.”

Matteo Basilé, nato a Roma nel 1974, dove vive e lavora, ha esordito giovanissimo, verso la metà degli anni Novanta utilizzando e sfruttando, da subito, le potenzialità del digitale, trovando continuamente nuovi e personali linguaggi espressivi
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram