Eva Marisaldi - Jumps 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAMBO - MUSEO D'ARTE MODERNA DI BOLOGNA ​ Via Don Giovanni Minzoni 14 Bologna 40121

Bologna - dal primo dicembre 2007 al 3 febbraio 2008

Eva Marisaldi - Jumps

Eva Marisaldi - Jumps

 [Vedi la foto originale]
MAMBO - MUSEO D'ARTE MODERNA DI BOLOGNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Don Giovanni Minzoni 14 (40121)
+39 0516496611 , +39 0516496637 (fax)
info@mambo-bologna.org
www.mambo-bologna.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Eva Marisaldi è interessata a esplorare processi creativi e cognitivi aperti, all’osservazione di tutto ciò che, ponendosi “al lato della vita attiva” e dando concretezza all’immaginario, suggerisce schemi logici e linguistici differenti
orario: martedì - domenica dalle 10 alle 18
giovedì dalle 10 alle 22
lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 1 dicembre 2007. su invito
editore: SKIRA
curatori: Roberto Daolio
autori: Eva Marisaldi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa


Eva Marisaldi è interessata a esplorare processi creativi e cognitivi aperti, all’osservazione di tutto ciò che, ponendosi “al lato della vita attiva” e dando concretezza all’immaginario, suggerisce schemi logici e linguistici differenti, all’aprirsi, cioè, di alternative di senso che contravvengano al modo comune di fare esperienza e che si pongano come possibilità sorprendenti ma realisticamente contemplabili, percorribili. Coinvolgendo il pubblico nell’incontro, più che nell’uso, di ambienti che delineano percorsi di ‘scoperta’ all’interno dello spazio espositivo (“palestra d’attenzione”), Marisaldi potenzia l’eccezionalità degli oggetti e delle situazioni banali e, contemporaneamente, rende plausibili scenari inattesi, aperture improvvise, scarti logici e linguistici imprevisti. In occasione della mostra al MAMbo Marisaldi presenta un’installazione composta da tre opere inedite - che verranno rivelate nel loro complesso al visitatore come al lettore solo al momento in cui vi si imbatterà ‘dal vero’. Il percorso espositivo formato da queste tre opere si delinea come un tracciato ad ostacoli “sormontabili”, continua affermazione delle ragioni per cui proseguire il percorso… per cui si è “usciti di casa”, dalla propria intensa vita mediata, entrando nel museo... Piccole costruzioni in legno simili ad ostacoli per gare d’equitazione, ma costruiti a misura d’uomo, una pedana a forma di L che richiama la mossa del cavaliere negli scacchi, una percussion band robot machine che "veleggia" su un pontile verso le acque alte… Birthday (party), un piccolo teatro portatile per feste di compleanno, ‘si augura’ infine di riuscire a coinvolgere il visitatore “nello spazio e nel tempo dell’opera”.

Catalogo MAMbo-Skira: un’intervista fra l’artista e Hans Ulrich Obrist e un saggio di Roberto Daolio e il programma informatico ‘George’.

Eva Marisaldi (Bologna, 1966) vive e lavora a Bologna.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram