Collage/Collages dal Cubismo al New Dada 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
È morto Philippe Zdar dei Cassius
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ​ Via Magenta 31 Torino 10128

Torino - dall'otto ottobre 2007 al 6 gennaio 2008

Collage/Collages dal Cubismo al New Dada
[leggi la recensione]

Collage/Collages dal Cubismo al New Dada
[leggi la recensione]
Breton
 [Vedi la foto originale]
GAM - GALLERIA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Magenta 31 (10128)
+39 0114429518 , +39 0114429550 (fax)
gam@fondazionetorinomusei.it
www.gamtorino.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il nucleo centrale raccoglie le provocazioni dadaiste di Max Ernst, Hannah Hoech, Grosz e Dix
orario: tutti i giorni 10-18, giovedì 10-22, chiuso lunedì. La biglietteria chiude un’ora prima
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 7,50 ridotto € 6,00
vernissage: 8 ottobre 2007. su invito
editore: ELECTA
curatori: Pier Giovanni Castagnoli, Maria Grazia Messina, Maria Mimita Lamberti
autori: Eileen Agar, Josef Albers, Karel Appel, Jean Arp, Enrico Baj, Roberto Baldessari, Giacomo Balla, Afro Basaldella, Erwin Blumenfeld, Georges Braque, Andrè Breton, Ronald Brooks Kitaj, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Carlo Carrà, René Char, Primo Conti, Joseph Cornell, Carlo Corsi, Otto Dix, Jean Dubuffet, Marcel Duchamp, Paul Eluard, Max Ernst, Juan Gris, George Grosz, María Gutiérrez-Queto Blanchard, Renato Guttuso, Raymond Hains, Raoul Hausmann, Georges Hugnet, Hannah Höch, Paul Joostens, Asger Jorn, Lajos Kassák, Paul Klee, Franz Kline, Gustav Klucis, Jiøí Kolar, Wilfredo Lam, Jacqueline Lamba, Alberto Magnelli, Piero Manzoni, Conrad Marca-Relli, Filippo Tommaso Marinetti, Henri Matisse, Joan Miró, Robert Motherwell, Vitezslav Nezval, Gastone Novelli, Meret Oppenheim, Giulio Paolini, Eduardo Paolozzi, Tancredi Parmeggiani, Roger Penrose, Pablo Ruiz Picasso, Fausto Pirandello, Enrico Prampolini, Jacques Prévert, Ivan Puni, Olga Carol Rama, Milton Ernst Rauschenberg, Juliette Roche, Mimmo Rotella, Dieter Roth, Antonio Saura, Alberto Savinio, Salvatore Scarpitta, Paolo Scheggi, Kurt Schwitters, Toti Scialoja, Gino Severini, Mario Sironi, Ardengo Soffici, Jindrich Stýsrský, Sophie Taeuber-Arp, Antoni Tàpies, Karel Teige, Filippo Tibertelli, Giulio Turcato, Léon Tutundjian, Otto van Rees, Emilio Vedova, Jacques Villeglé, Wolf Vostell, Adolf Wölffli
genere: arte moderna e contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nell'ambito di un ciclo di progetti espositivi dedicati all'arte del Novecento, introdotto dalla mostra internazionale Metropolis. La città nell'immaginario delle avanguardie 1910-1920 che ha ottenuto un ampio consenso di visitatori e di critica proponendo un percorso filologicamente rigoroso, la GAM - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino organizza una seconda esposizione dal titolo Collage/Collages dal Cubismo al New Dada, a cura di Maria Mimita Lamberti – docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Torino –, Maria Grazia Messina – docente di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università di Firenze - e Pier Giovanni Castagnoli, Direttore della GAM.


Questa mostra intende proporre al pubblico una lettura storica della tecnica del collage, nata dalla sperimentazione di Pablo Picasso e Georges Braque e largamente accettata dalle altre avanguardie, dai futuristi italiani ai dadaisti, come il mezzo più immediato e coerente per partecipare alle tensioni polemiche della contemporaneità. Partendo da questa premessa il percorso attraverserà la vicenda artistica del XX secolo, dagli anni Dieci ai primi anni Sessanta, per verificare la fecondità e la tenuta espressiva di una tecnica in apparenza banale e fragile ma in realtà disponibile a sofisticate diffrazioni di significati: dalle provocazioni dada alle impertinenze surrealiste, fino alle contaminazioni linguistiche più recenti, su uno scenario progressivamente ampliato dall'Europa agli Stati Uniti.



Il sottotitolo dal Cubismo al New Dada ne ribadisce l’ ampio arco cronologico, testimoniato dalle più di 160 opere in mostra: si inizia con preziosi papier collé di Picasso (dal Museum Berggruen di Berlino e dalla Collezione Peggy Guggenheim di Venezia), Braque (un papier collé dall’Ulmer Museum di Ulm), Gris (prestiti dalla Fundació Telefónica di Madrid), per offrire poi una ragionata e varia sequenza dei maggiori artisti italiani del futurismo, come Carrà (con tre capolavori: la Composizione con testa femminile del Museo di Stato Pushkin di Mosca, Il fanciullo prodigio del MART di Rovereto, Il fiasco di collezione privata), Severini, Balla, Sironi, Soffici , Prampolini sino alla svolta documentata nel collage metafisico di De Pisis e in quello, raro e poco noto, di Alberto Savinio.



Il nucleo centrale raccoglie le provocazioni dadaiste di Max Ernst, Hannah Hoech, Grosz e Dix, intorno a un’ampia scelta di collage di Schwitters tra i quali Merz 1 B, Bild mit Rotem Kreuz della Deutsche Bank Art Collection di Francoforte (a cui è accostato un frottage di Paul Klee “C” für Kurt Schwitters), le esperienze costruttive (fra gli altri gli Arp, Hans e Sophie, Alberto Magnelli), aprendo poi alla variegata presenza surrealista, intrisa di rispondenze letterarie, di Breton, Penrose, Karel Teige ed ancora Mirò, Ernst, presente anche con edizioni rare dei romanzi-collage La Femme 100 têtes e Rêve d’une petite fille qui voulut entrer au Carmel.



La sequenza finale del ventennio postbellico è ricca di sorprese, volendo verificare l’ampliarsi delle possibilità linguistiche nate dal collage: le carte ritagliate di Henri Matisse (dal Danske Kunstindustriemuseet di Copenhagen),gli strappi di Rotella e Villeglé, le ricerche materiche (Burri, Dubuffet, Tàpies) e informali (Motherwell, Appel, Jorn e lo stesso Enrico Baj), sino alle prove sperimentali e di grande impatto visivo delle superfici di Novelli, Afro, Tancredi, Kitaj (dal Museo Boijmans van Beuningen di Rotterdam), di Rauschenberg (con Memorandum of Bids dalla collezione Sonnabend di New York), negli anni in cui debuttano anche Piero Manzoni e Giulio Paolini.

La mostra intende offrire ai visitatori le molteplici applicazioni della tecnica del collage, seguite nella loro singolare evoluzione storica, ma aprendo a un'indagine trasversale, nel confronto diretto di opere di artisti differenti, grazie a una scelta resa possibile dalla collaborazione di collezionisti privati e grandi raccolte museali internazionali. Vi si svolge quindi un ragionamento non solo storico ma specificamente linguistico sul percorso e la molteplicità d’uso del collage, nato come sfida alla pittura, ma sviluppatosi in stretta coerenza con essa.



Il catalogo, edito da Mondadori Electa, contiene saggi di Maria Mimita Lamberti, Maria Grazia Messina, Flavio Fergonzi, Alessandro Nigro e Federica Rovati.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram