Gabriela Carbognani Hess - Lux-Umbra 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO D'ARTE STELLANOVE ​ Via Stella 9 Mendrisio 6850

Mendrisio - dal 30 settembre al 27 ottobre 2007

Gabriela Carbognani Hess - Lux-Umbra

Gabriela Carbognani Hess - Lux-Umbra
SPAZIO D'ARTE STELLANOVE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Stella 9 (6850)
+41 793867556
dominiquerondez@bluewin.ch
www.stellanove.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Attraverso la riscoperta del valore artistico della tradizione calligrafica, Gabriela Carbognani Hess si avvicina allo statuto dello scriba in oriente, dove l'arte della scrittura non è differenziata dall'arte della creazione delle immagini e lo scrittore è considerato un artista
orario: giovedì 15-19 / sabato 10-17 / domenica 10-14
o su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 30 settembre 2007. ore 11
catalogo: in galleria
autori: Gabriela Carbognani Hess
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il lavoro di Gabriela parte dall'elaborazione del segno calligrafico, che si distacca dal suo essere supporto della parola letterale: il tratto si modifica, acquisisce corpo e si trasforma in immagine.

Tale tratto è inserito dall'artista in un contesto tridimensionale dove non è solo il segno a prendere vita in immagini, bensì anche il supporto in carta o plexiglas acquisisce forme differenti volumetriche e l'opera varca la soglia tra la pittura e la scultura.

L'incontro più interessante avviene quando l'evoluzione artistica del segno trova spazio sulla pietra, richiamando il tratto primitivo dell'uomo e la sua prima esperienza artistica e comunicativa. La specificità e particolarità di questo supporto millenario è la forma naturale in cui si presenta: la pietra è costituita di differenti strati, che l'artista ha potuto dividere e maneggiare come fossero pagine di un libro.

I lavori presentati esplorano il confine tra luce e ombra, tematica automaticamente relazionata con il passaggio che mette a confronto l'interno e l'esterno della caverna nel mito platonico: l'oscurità assoluta e la scoperta della luce, le immagini e le forme reali, l'ignoranza e il sapere. Allo stesso modo, il segno scuro sul bianco e vergine supporto cartaceo si confronta con il tratto lucente e vitale applicato sulla pietra aperta alla luce per la prima volta in assoluto.

La compenetrazione dei lavori di Gabriela Carbognani Hess con le musiche di Christian Benda, direttore d'orchestra, violoncellista e compositore, nasce dal sapore aleatorio delle forme libere e fugaci che hanno lasciato a terra il peso del significato della parola e prendono il volo insieme alla musica. Il segno compie un orbita circolare attraverso linguistica, musica e immagine: cessa di essere significante e significato letterario e diviene musicale, costituendo il partito stesso della musica.

Interessante il tentativo di rendere partecipe lo spettatore all'associazione tra determinate sculture e musiche attraverso un inaspettato oggetto facente parte del nostro quotidiano: il telefono cellulare. L'invasione attraverso un mezzo di comunicazione privato dello spettatore sorprende per la sua ventata di freschezza e per la visione futuristica degli artisti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram