La Divina Proporzione. Triennale 1951 3131 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE ​ Viale Emilio Alemagna 6 Milano 20121

Milano - mer 17 ottobre 2007

La Divina Proporzione. Triennale 1951

La Divina Proporzione. Triennale 1951

 [Vedi la foto originale]
TRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Emilio Alemagna 6 (20121)
+39 02724341 , +39 0289010693 (fax), +39 0272434208
info@triennale.it
www.triennale.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nel Salone d'onore, presentazione del libro "La Divina Proporzione. Triennale 1951" di Annachiara Cimoli e Fulvio Irace (Electa). Interverranno James Ackerman, Guido Canella, Gillo Dorfles e Vittorio Gregotti
orario: ore 18.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 17 ottobre 2007. ore 18.30
editore: ELECTA
genere: incontro - conferenza

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 27 al 29 settembre 1951, la Triennale ospita un convegno dedicato alla Divina Proportione. Consulente d’eccezione Rudolf Wittkower, il simposio vanta un parterre di relatori prestigioso di architetti (Rogers, Mollino, Gardella, Nervi), artisti (Severini, Fontana, Vantongerloo), storici dell’arte e della scienza (Ackerman, Giedion, Ghyka, Speiser, Zevi). La partecipazione di Le Corbusier rappresenta il momento apicale dell’intero convegno: la sua partecipazione è segno di una precisa volontà di autolegittimazione all’insegna di quella sintesi delle arti che riassume le aspirazioni della nuova cultura del dopoguerra.

Il volume ripropone per la prima volta i resoconti di quelle giornate, i cui atti non videro mai la luce: a raccontarli è uno dei giovani attori di allora – il decano degli studi storici d’architettura, James Ackerman – e le testimonianze di Guido Canella, Gillo Dorfles e Vittorio Gregotti. A traghettarli sino all’oggi, invece, il saggio di Toyo Ito che spinge fino all’attualità la riflessione sulla misura e il corpo.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram