Joanpere Massana - Il libro dell’acqua Parte I 3117 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA ​ Via Dei Mille 60 Napoli 80121

Napoli - dal 16 novembre al 31 dicembre 2007

Joanpere Massana - Il libro dell’acqua Parte I
[leggi la recensione]

Joanpere Massana - Il libro dell’acqua Parte I
[leggi la recensione]
Tirar una pedra al riu per veure si arriba a Nàpols. 150x300 cms. (Mixta sobre fusta)
 [Vedi la foto originale]
PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Mille 60 (80121)
+39 0817958600
pan@comune.napoli.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Questa nuova serie: “Il libro degli alberi”, “Un libro per Jana”, “Il libro delle nuvole”, “Il libro dei giochi”, continua approfondendo temi concreti come se si trattasse appunto di un libro. Per questa esposizione Massana ha realizzato un nesso fra Catalogna e Napoli attraverso l’acqua.
orario: da lunedì a sabato dalle 9.30 alle 19.30, domenica e festivi dalle 9.30 alle 14.30, chiuso il martedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 16 novembre 2007.
ufficio stampa: CIVITA GROUP, VILLAGGIO DELLA COMUNICAZIONE
curatori: Julia Draganovic, Joanpere Massana
telefono evento: +39 0817958643
genere: arte contemporanea, personale
email: sarah.galmuzzi@palazzoartinapoli.net

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
L’artista catalano Joanpere Massana si presenta in Italia, a Napoli prima e a Milano poi, con una prestigiosa mostra dal titolo “Il libro dell’acqua”. L’evento, la prima personale che organizza il PAN nelle sue sedi, avrà carattere itinerante e si sposterà a gennaio da Napoli agli spazi espositivi della galleria Il Torchio di Milano per la seconda parte.


Questa nuova serie, successiva alle precedenti: “Il libro degli alberi”, “Un libro per Jana”, “Il libro delle nuvole”, “Il libro dei giochi”, continua approfondendo temi concreti come se si trattasse appunto di un libro.

Per questa esposizione Massana ha realizzato un nesso fra Catalogna e Napoli attraverso l’acqua.

Come elemento costante di questo ciclo di opere, l’artista intreccia un percorso immaginario tra il fiume del paese in cui vive, il Segre, il mar Mediterraneo e Napoli.

Di fatto la Catalogna, e più precisamente la Corona d’Aragona, già qualche secolo fa lasciò un segno tangibile in questa città.

Questo connubio Catalogna - Napoli trova un suggestivo riferimento nella video installazione che verrà proiettata nella prima sala dell’esposizione; in questo lavoro appare una immagine fissa del fiume: si ode e si vede l’acqua nel suo scorrere continuo, sassi che cadono nell’acqua e la voce di una bambina che chiede dove andranno a finire queste pietre. In un loop incessante, l’immagine si oscura e si sente lo scrosciare della pioggia; riappare il fiume ed il suono della pioggia si fonde con quello del fiume; l’immagine si oscura nuovamente e si ode il rumore del mare che a sua volta si fonde con quello del fiume quando l’immagine fissa sul Segre riappare.

Completano la video installazione una serie di piccoli tavoli bianchi che hanno sulla loro superficie una impronta di bambino/a all’interno della quale vi sono elementi del territorio e della iconografia infantile.

Nella seconda sala, Massana ha realizzato un’altra installazione intitolata “Corpo e anima”, dove la disposizione a forma di uovo di differenti lettere stampate sulla terracotta, cerca riferimenti simbolici con questo elemento con grandi richiami alla mandorla gotico-romanica, e trovando contrapposizione e confronto nella inclusione, a lato dell’uovo, di un orsetto posto sopra un libro; simboli quindi di primario e profondità, di spiritualità e materialismo.

L’esposizione continua in un altro spazio con opere su carta con richiami alle pagine di un libro. Le opere, dal titolo “Una piccola parte della storia” I, II, III etc., presentano pezzi di ceramica, sassi, fossili come elementi di un paesaggio evolutivo dove perennemente rimangono resti che ci parlano del passato.

Infine nella sala più grande verranno posti lavori di grande formato su tela e su tavola. Spiccano opere bianche con abbondanza di sfumature come “Tirare un sasso nel fiume e vedere se arriva a Napoli” (150 x 300 cm.), dove appaiono radici che nascono da un’anfora e si confondono con la stessa, sassi del fiume Segre insieme a pietre di natura lavica del Vesuvio. Quest’opera, come molte della serie, rivela un progetto del supporto come elemento oggettivo. In una certa maniera sono come gli altari di marmo che contengono reliquie nascoste e dove si depositano oggetti, scritti, riflessioni, simboli, ex voto etc.

Un’altra opera di grande formato è “Presenze” (150 x 270 cm.) dove le radici tornano ad apparire come elemento di memoria, questa volta in una forma delimitata, come se si trattasse della pianta di una casa. Un pezzo di corteccia con il suo tronco e con la immagine archetipica di una casa, ci rimandano al significato di territorio e del ciclo della natura. Elementi differenti come biglie e coralli ci rimandano a questo viaggio immaginario che propone l’autore, dall’infanzia alla maturità, dal passato al presente, dal fiume al mare.


Le stesse opere visibili al Pan, e altre di formato più ridotto, saranno esposte presso Il Torchio di Milano, che da anni è la galleria di riferimento in Italia di Joanpere Massana.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram