Artissima Cinema 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA - MOLE ANTONELLIANA ​ Via Montebello 20 Torino 10124

Torino - dal 9 all'undici novembre 2007

Artissima Cinema

Artissima Cinema
MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA - MOLE ANTONELLIANA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Montebello 20 (10124)
+39 0118138511 , +39 0118390683 (fax)
info@museocinema.it
www.museocinema.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

vernissage: 9 novembre 2007. ore 19, anteprima del progetto e conferenza al Mirafiori Village
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: BizArt/Arthub, Alexander Brandt, Davide Quadrio
autori: Olivo Barbieri, Alexander Brandt, David Cotterrell, Pierre Giner, Huang Kui, Mattia Matteucci, Patrick Tuttofuoco, Xu Zhen, Yang Zhenzhong
genere: altro, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
ARTISSIMA CINEMA

A cura di Davide Quadrio, BizArt/Arthub, Shanghai



Shanghype!

portrait of the city from dawn to dusk







Mirafiori Motor Village

Venerdì 9 novembre - ore 19.00 - Anteprima del progetto e conferenza



Museo Nazionale del Cinema, Mole Antonelliana

Sabato 10 novembre ore 21.00 / 1.00 - Rassegna video



Artissima 14 - Cinebus

Domenica 11 novembre – ore 11.00 /20.00 - Rassegna video



Il primo appuntamento di Artissima Cinema, dedicata quest’anno alla città di Shanghai attraverso il lavori su video di un gruppo di artisti internazionali, è al Mirafiori Motor Village venerdì 9 novembre. Con la presentazione in anteprima del progetto e la conferenza “La storia OFF della rivoluzione artistica contemporanea a Shanghai”.



Alexander Brandt e Davide Quadrio propongono una visione della Shanghai non detta. Un viaggio attraverso tre mostre che hanno segnato l’esperienza artistica a Shanghai. Un collettivo d’artisti che ha sfidato la città di Shanghai dalla periferia. Immagini del passato della città, in un momento in cui la negoziazione con il Governo per una “giusta” visibilità era al centro della pratica artistica del gruppo avanguardista capeggiato da Xu Zhen, Yang Zhenzhong e Alexander Brandt e supportato dall’organizzazione di BizArt. “Art for sale”, 1999: “Fang Mingzhen and Fang Mingzhu”, 2004; “Solo exhibition”, 2006. L’aspirazione e desiderio di Shanghai di divenire nuovamente il luogo mitico che fu, il bisogno di essere una Cina internazionale e moderna e l’idea di potere che Shanghai rincorre tra identità locale e mondializzazione, sono in qualche modo simbolizzati e indagati in questa presentazione attraverso documenti, cataloghi e video documentari.



Corollario e back-ground di questa serata è la presentazione di Hipic.org, un’immagine per sempre: un progetto on-line come luogo dell’effimero, dove una foto riassume per 30 secondi l’urgenza della visione per poi scomparire in un nulla cibernetico: per sempre.

Hipic, luogo democratico dell’archiviazione senza speranza, ben corrisponde a Shanghai e alla Cina di ora: questa idea del passaggio continuo verso qualcosa d’altro, senza passato e forse senza neanche l’idea del futuro, questo impertinente presente, ottimista e lusinghiero che non lascia tempo se non per uno sguardo sommario sulla realtà, uno sguardo come tanti altri: inutile.



Sabato 10 novembre, nella notte della arti contemporanee, il Museo del Cinema ospita nella spettacolare Sala del Tempio una selezione di video d‘artista tutta dedicata a Shanghai con alcuni lavori inediti realizzati per questo evento.



Si vedranno lavori di artisti locali come Zhang Ding, Liang Yue e Song Tao e il famoso video di Yang Fudong, “Robber-south” del 2001, il video di animazione di Melanie Jackson, “Made in China” e un’istallazione multimediale, “The next second”, di Alexander Brandt, artista tedesco residente a Shanghai. E ancora il video clip “Hero” di David Cotterrell, il video storico di Xu Zhen, “Shouting” del 1998, il lavoro di Yang Zhenzhong, che ha come sottotitolo “Skycrapers: phallic symbols?”: la città come fallo, dove l’architettura non è altro se non uno spazio rubato al cielo.



La città si decompone poi in una valanga di immagini senza un preciso filo conduttore: Huang Kui con “Go away”, Pierre Giner con la sua ultima creazione e il duo Mattia Matteucci+Patrick Tuttofuoco con “The Green Sky”. Aprono e chiudono la rassegna “A Silent Story” e “Riverscape #1 Night, China Shanghai 07” di Olivo Barbieri.



Domenica 11 novembre, durante tutto l’orario di apertura della Fiera il pubblico potrà vedere o rivedere i video di questi artisti in una speciale location: un cinebus collocato davanti al padiglione della Fiera, lo spazio ideale per concludere questo sorprendente e affascinante viaggio urbano nella vera Shanghai “oltre i riflessi folgoranti, la Shanghai degli uomini che vi abitano e che mercanteggiano la loro sopravvivenza”.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram