LeoNilde Carabba / Marcela Pavia - Danzando attorno all'Uno 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO ECLECTIKA ​ Via Bartolomeo Eustachi 4 Milano 20129

Milano - dal 14 dicembre 2007 all'undici gennaio 2008

LeoNilde Carabba / Marcela Pavia - Danzando attorno all'Uno

LeoNilde Carabba / Marcela Pavia - Danzando attorno all'Uno
SPAZIO ECLECTIKA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Bartolomeo Eustachi 4 (20129)
+39 0229517653
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

la musica di Marcela Pavia si coniuga armoniosamente con le immagini di LeoNilde Carabba ed è in questa seria, tenace, difficile autonomia che vive l’Arte, che ci riporta l’eterna immagine del cigno che canta prima di morire nel momento di ricongiungimento con il suo Dio
biglietti: free admittance
vernissage: 14 dicembre 2007. ore 21.00
curatori: Patrizia Gioia
autori: LeoNilde Carabba, Marcela Pavia
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Danzando attorno all’UNO. Queste parole, di per sé stesse, già evocano in ognuno di noi l’Indicibile. Ed è sull’asse d’equilibrio di questo “indicibile” che l’essere umano vive, tentando il suo umano racconto, il più delle volte tenendo troppo lontane le sue finitezze, che da sempre lo spaventano, per tendere invece ad un assoluto che pare in certi momenti essere l’arrivo. Mentre è il porto di una nuova partenza. Danzare è saper ascoltare l’Indicibile. E nulla è più indicibile della Musica, anzi la Musica è il linguaggio per eccellenza dell’Indicibile, persino la filosofia ammette di non poter fare a meno della Musica; ma mentre Schopenhauer dice che la musica è rinuncia ad ogni relazione con l’esteriorità, Nietzche dice essere la totale immanenza, dove la Musica è un mondo a sé in quanto implica un irreversibile sì alla vita, non in un al di là, ma oltre la vita, dove il superuomo sarà colui tutt’uno con la totale immanenza. E’ così che i veri rivoluzionari trasformano la tradizione, portando alle estreme conseguenze e senza compromesso alcuno ciò che è già immanente ed esplicito nel linguaggio ereditato, rinunciando a tutto il resto, senza perdere la propria autonomia. Perché chi tende ad essere altro da sé perderà per sempre la propria autonomia, condannandosi in un mondo senza musica e privo di armonia. E’ in questa dimensione di autonomia che la musica di Marcela Pavia si coniuga armoniosamente con le immagini di LeoNilde Carabba ed è in questa seria, tenace, difficile autonomia che vive l’Arte, che ci riporta l’eterna immagine del cigno che canta prima di morire nel momento di ricongiungimento con il suo Dio, dove si purifica di ogni disarmonia per cantare in onore di A-pollo, dove i molti si superano e si ricongiungono all’unità divina (A-pollos). Mancanza di dualità. Ogni volta creando il composto che già c’è, dove perfino il cosmo, armonia visibile per eccellenza, è mortale. L’Arte è affamata di compimento, è nostalgia verso, è lamento e consolazione. L’Arte è redenzione che ci aiuta a guardare tra le crepe di ciò che sembra ermetico e di cui ci sentiamo colpevoli, è spiare nelle fessure, è non essere ancora. Arte è raccogliere in unità i molti, come un buon politico dovrebbe fare, come ogni essere umano dovrebbe quotidianamente fare mai tradendo i molti che in ognuno vivono e reclamano conoscenza. E se l’intero non è immagine dell’Uno, perché ha necessità di essere articolato nel finito, l’Arte spacca l’imene dell’infinito e fa ciò che la filosofia comprende ed è solo in questo senso che la filosofia è più grande. Ecco perché se siamo in Verità, il Logos è Amore.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram