Hermann Nitsch - Orgien Mysterien Theater 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA DE' FOSCHERARI ​ Via Castiglione 2B Bologna 40124

Bologna - dal 14 dicembre 2007 al 29 febbraio 2008

Hermann Nitsch - Orgien Mysterien Theater
[leggi la recensione]

Hermann Nitsch - Orgien Mysterien Theater
[leggi la recensione]
Hermann Nitsch
 [Vedi la foto originale]
GALLERIA DE' FOSCHERARI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Castiglione 2b (40124)
+39 051221308 , +39 051221308 (fax)
galleria@defoscherari.it
www.defoscherari.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La Galleria De’ Foscherari presenta nei suoi spazi una mostra dedicata all’artista Hermann Nitsch (Vienna, 1938) dal titolo Orgien Mysterien Theater (Il Teatro delle Orge e dei Misteri).
orario: Lunedi - Sabato 10-12.30 e 15.30 -19.30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 dicembre 2007. ore 18.30
catalogo: con scritti di Danilo Eccher Hermann Nitsch
editore: GLI ORI
curatori: Danilo Eccher
autori: Hermann Nitsch
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Galleria De’ Foscherari presenta nei suoi spazi una mostra dedicata all’artista Hermann Nitsch (Vienna, 1938) dal titolo Orgien Mysterien Theater (Il Teatro delle Orge e dei Misteri). Per l’occasione saranno esposti lavori recenti, alcuni dei quali realizzati appositamente per l’evento, che documentano attraverso diverse tecniche l’opera del maestro, protagonista assoluto dell’Aktionismus viennese e figura centrale nella storia dell’arte europea degli ultimi decenni.

Collage e dipinti di grandi dimensioni (200 x 300 cm) trasferiscono nella veemenza del gesto pittorico e nella forza cromatica delle vernici la potenza visiva delle azioni realizzate dall’artista. Colore e sangue si stagliano sulle superfici delle grandi opere, su cui sembrano essersi sedimentati i ricordi delle performance compiute negli ultimi decenni. Gestualità pittorica e atto performativo trovano dunque una consonanza inedita, generando immagini dotate dello spessore temporale e filosofico che caratterizza l’intera opera dell’artista.

Un’installazione composta da "relitti" di performance (lettighe, strumenti medici e altri oggetti utilizzati nel corso di diverse azioni), porta di fronte agli occhi dello spettatore gli aspetti più materiali del lavoro dell’artista: anche in questo caso gli oggetti sono pregni di significati e memorie, indizi e tracce di eventi avvenuti, testimonianze e reliquie dell’avverarsi miracoloso dell’atto artistico.

Un video sarà incluso nella mostra al fine di documentare alcune tra le più celebri performance e azioni dell’artista, in un percorso storico che dagli anni Sessanta giunge fino a oggi.

In occasione della mostra verrà prodotto un catalogo con un’intervista all’artista di Danilo Eccher e uno scritto autografo di Hermann Nitsch dal titolo Das Orgien Mysterien Theater, in cui egli espone le ragioni della propria poetica e delle proprie scelte espressive. Le immagini pubblicate in catalogo documenteranno l’opera di Nitsch dagli esordi risalenti alla fine degli anni Cinquanta fino alle più recenti realizzazioni della sua wagneriana opera d’arte totale, in cui convivono sfrenatezza dionisiaca e armonia apollinea.

Hermann Nitsch nasce a Vienna in Austria nel 1938. Fin dal 1957 concepisce una nuova forma di opera d’arte totale (Teatro delle Orge e dei Misteri), in cui vengono messi in gioco tutti e cinque i sensi nel corso di azioni e performance dal forte carattere rituale e religioso.

Nel 1961 fonda con Günter Brus e Otto Mühl il gruppo artistico del Wiener Aktionismus in cui le tecniche della pittura gestuale vengono applicate a una forma espressiva che unisce teatro, arte e musica, coinvolgendo in prima persona l’artista nelle condizioni più estreme.

L’artista ha combinato la propria attività performativa con esposizioni, conferenze e concerti in Europa, America e Asia. Sue opere sono incluse in prestigiose collezioni, tra cui quelle dello Stedelijk Museum di Amsterdam, della Tate Gallery di Londra, del Guggenheim Museum di New York. Ha esposto presso il Museum Moderner Kunst Stiftung di Vienna nel 1978, 1999, 2002 e 2004, alla Stadtische Galerie im Lenbachhaus di Monaco nel 1988, al Konsthallen Göteborg nel 1997. Ha inoltre partecipato a Documenta V e VII a Kassel e alla Biennale di Sydney nel 1988. Nel 2007 viene fondato a Mistelbach, a nord di Vienna, l’Hermann Nitsch Museum.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram