Vento d'oriente. Storie di maestri e di allievi dal Giappone 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/03/2019
La casa di Philip Roth a New York è in vendita
26/03/2019
Addio ad Andrea Emiliani. Si spegne una voce forte della storia dell’arte italiana
25/03/2019
Bolzano29 è il nuovo spazio di Milano dove far circolare idee
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO FISICO ​ Via San Salvatore 11 Modena 41100

Modena - dal 15 dicembre 2007 al 12 gennaio 2008

Vento d'oriente. Storie di maestri e di allievi dal Giappone

Vento d'oriente. Storie di maestri e di allievi dal Giappone
SPAZIO FISICO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via San Salvatore 11 (41100)
+39 059234673 , +39 3397768603
info@galleriaspaziofisico.it
www.galleriaspaziofisico.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

orario: venerdì, sabato e domenica dalle 18 alle 20. Per visite di gruppo o guidate occorre prenotarsi chiamando il 3397768603
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 15 dicembre 2007. ore 18
curatori: Giancarlo Guidotti, Chiara Messori
autori: Ay–O, Ayako Isogai, Koyubi no Yakusoko, Loco, Motonari Nohara, Shozu Shimamoto, Sumi, Yuhei Takada, Saito Takako
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Puntualmente ogni anno “Spazio Fisico” propone una rassegna di giovani artisti giapponesi. Per questa terza edizione si rende necessario evidenziare l’intenzione che ha motivato questa iniziativa. Il sodalizio iniziato nel 2004 con Rosanna Chiessi col maestro Shimamoto ci ha spinto a riflettere su quello che il movimento Gutai e Fluxus ha prodotto e continua a produrre; infatti nell’assunto che nulla sia casuale, siamo ad indagare e a cercare nell’opera dei discepoli le radici che affondano nei movimenti che hanno caratterizzato la seconda metà del novecento in Giappone. Approfittando del profondo senso gerarchico che contraddistingue la struttura artistica giapponese, si è individuato in una sorta di inseminazione gestuale che ha prodotto un fiorire di artisti che pur nelle loro diversità, manifestano un comune senso di appartenenza, originato dalla casualità zen. Questo nesso comune che parte dai maestri presenti è ciò che voi spettatori siete invitati a cercare.


Chiara Messori

Giancarlo Guidotti
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram