Attilio Petruccioli - Fathpur Sikri. La capitale dell'impero Moghul, la meraviglia di Akbar 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MEGASTORE MONDADORI ​ Piazza Del Duomo 1 Milano 20121

Milano - mar 18 dicembre 2007

Attilio Petruccioli - Fathpur Sikri. La capitale dell'impero Moghul, la meraviglia di Akbar

Attilio Petruccioli - Fathpur Sikri. La capitale dell'impero Moghul, la meraviglia di Akbar
MEGASTORE MONDADORI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Duomo 1 (20121)
+39 0272022640
www.electaweb.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Presentazione del libro di Attilio Petruccioli. Ne parleranno insieme all'autore
Giuliano Boccali e Francesco Dal Co
biglietti: free admittance
vernissage: 18 dicembre 2007. ore 18.30
editore: ELECTA
genere: presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa

“Fathpur Sikri, per il suo particolare significato politico e religioso, è l’unico luogo che parla dritto al cuore degli indiani. In questo momento che vede in quel Paese prevalere le tendenze centrifughe dei particolarismi religiosi e regionali, credo sia un contributo doveroso da parte nostra portare questa testimonianza”.

L’autore, Attilio Petruccioli, presenta così il nuovo volume monografico, edito da Electa, sul complesso imperiale di Fathpur Sikri, la città costruita a partire dal 1571 dall’imperatore Akbar come nuova capitale dell’impero moghul.

E’ la sovrapposizione, avvenuta lungo i secoli, delle diverse culture che offre alle rovine di Fathpur Sikri l’alone di mistero e, insieme, l’estremo fascino che da sempre attirano ricercatori e archeologi, oltre che semplici viaggiatori. Si può affermare comunque che, nonostante questa unione di culture, la quasi totalità delle architetture di Fathpur Sikri è stata voluta e costruita da Akbar, l’imperatore architetto che è il protagonista di questo libro.
A differenza di molti monumenti dell’India, le architetture del palazzo di Akbar a Fatphur Sikri colpiscono per la combinazione dei componenti di diversi stili, e quindi per l’attualità del loro messaggio: qui per la prima volta un’ideazione intellettuale sofisticata sposa una consolidata e tradizione popolare.
Costruita a ritmo forzato nel tempo record di quattordici anni dall’imperatore Akbar tra il 1571 e il 1585 in onore di Salim Chishti, il celebre santo sufi, Fathpur Sikri fu per poco più di un decennio la capitale dell’impero moghul. Straordinario esempio di città murata, Fathpur Sikri, interamente costruita in arenaria rossa, racchiude in sé esempi di architettura indù e islamica tra i quali spiccano per ricchezza dei particolari e imponenza delle forme la moschea, il palazzo imperiale, le porte d’ingresso alla città, gli ampi spazi pubblici.

L’autore ripercorre la storia di Fathpur Sikri a partire dalle sofisticate tecniche progettuali degli architetti basate su una naturale capacità di composizione degli elementi architettonici, un raffinato senso della geometria e un’estrema attitudine nell’organizzazione del cantiere.
Rilievi architettonici e topografici uniti a una campagna fotografica realizzata appositamente per il volume restituiscono l’unicità della città rossa, ora monumento Unesco dell’India centrale.


Biografia dell’autore
Attilio Petruccioli (classe 1945) si è laureato in Architettura nel 1970 e in Lingue e letterature orientali nel 1980. E’ professore ordinario presso la facoltà di Architettura di Bari. Autore di numerose pubblicazionui sull’architettura iscalmica e dei Paesi in via di sviluppo, ha diretto la rivista Journal of the islamic Environmental Design Research Centre.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram