Salvatore Fiume - Ipotesi 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO FELICI ​ Via Don Giuseppe Celli 25 Cagli 61043

Cagli (PU) - dal 15 marzo al 4 maggio 2008

Salvatore Fiume - Ipotesi

Salvatore Fiume - Ipotesi

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO FELICI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Don Giuseppe Celli 25 (61043)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Fiume personalizza i frutti di un’acuta osservazione all’interno della quale ambienta alcune strepitose riproduzioni di capolavori rinascimentali che riportano il maestro idealmente ad Urbino
orario: 10.00 – 12.30 ; 15.00 – 18.30 (da martedì a venerdì); 10.00 – 19.00(sabato, domenica e festivi)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 15 marzo 2008.
editore: ELECTA
ufficio stampa: PIQUADRO
autori: Salvatore Fiume
telefono evento: +39 0722328183
genere: arte moderna e contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
A Palazzo Felici, Cagli (PU), fino al 4 maggio 2008, si terrà la mostra personale del grande artista Salvatore Fiume (1915 – 1997). I dipinti esposti appartengono al Ciclo delle Ipotesi, periodo artistico che abbraccia un arco cronologico compreso fra il 1983 e il 1989. Fiume personalizza i frutti di un’acuta osservazione all’interno della quale ambienta alcune strepitose riproduzioni di capolavori rinascimentali che riportano il maestro idealmente ad Urbino. Un armonico di dipinti, sculture, bozzetti e materiale fotografico che creano all’unisono dei paesaggi dello spirito, simboli di una nuova e sconcertante contemporaneità dei capolavori. L’ipotesi quindi si tramuta in possibilità di dialogo nel tempo fra i tempi, nello spazio fra gli spazi, la scoperta sconcertante dell’eterna simultaneità dell’opera d’arte. I quadri fanno riferimento a simboli e soggetti della pittura di Picasso, Modigliani, De Chirico. Fiume inserisce anche Raffaello, Tintoretto, Rembrandt, Rubens. Inoltre, in una delle sale di Palazzo Felici, è proiettato un interessante video sulla vita e le opere dell’artista. Ricordiamo la grande versatilità di Fiume, nato a Comiso (1915-1997) e studente in Urbino presso l’Istituto d’Arte dove acquisì una profonda conoscenza delle tecniche della stampa. Fu pittore, scultore, architetto e scenografo e le sue opere si trovano in alcuni dei più importanti musei del mondo quali i Musei Vaticani, il Museo Ermitage di S. Pietroburgo, il Moma di New York, la Galleria d’Arte Moderna di Milano. Curata da PiQuadro srl, società di Urbino, in collaborazione con la Fondazione Fiume di Canzo (Co) nelle persone di Luciano e Laura Fiume, figli del Maestro, la mostra dispone di un catalogo didattico-esplicativo sui percorsi creativi dei dipinti esposti. Una grande occasione per apprezzare le creazioni di questo importantissimo ed eclettico artista italiano.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram