Gregorio Pedroli - Senza titolo 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO D'ARTE ​ Piazzetta dei Serviti 1 Mendrisio 6850

Mendrisio - dall'undici gennaio al 2 marzo 2008

Gregorio Pedroli - Senza titolo

Gregorio Pedroli - Senza titolo
MUSEO D'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazzetta Dei Serviti 1 (6850)
+41 0586883350 , +41 0586883359 (fax)
museo@mendrisio.ch
www.mendrisio.ch/Museo
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le opere attuali, organizzate in dittici e trittici, ampliano e approfondiscono un discorso che assume sempre più valenza di riflessione sul senso stesso del dipingere oggi. La pittura si fa più sospesa e rarefatta e dialoga con lo spazio attraverso raffinate velature e trasparenze cromatiche
orario: Ma-ve 14-17; sa-do 10-12 e 14-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 11 gennaio 2008. ore 18
curatori: Simone Soldini, Paola Tedeschi-Pellanda
autori: Gregorio Pedroli
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Museo d’arte di Mendrisio presenterà nei suoi spazi, dal 12 gennaio al 2 marzo 2008, una mostra dell’artista ticinese Gregorio Pedroli, già conosciuto da pubblico e critica per la personale del 1995 presso il Museo Epper di Ascona e per la rassegna che il Museo cantonale d’arte ha dedicato ai suoi lavori recenti nel 2004.

Nato nel 1951 a Sorengo e formatosi alla Kunstgewerbeschule di Basilea e all’Accademia di Brera a Milano, Pedroli avvia il suo percorso artistico proprio sulla base del confronto con queste due realtà: la scena artistica nordalpina e l’ambiente italiano ancora permeato del clima del naturalismo e dell’Informale lombardi. Facendo della pittura il suo medium privilegiato, l’artista si concentra da subito sulle potenzialità espressive del segno e del colore: da una figurazione biomorfa esplicita si passa gradualmente a una figura solo allusa, per giungere al sorprendente inserimento di elementi geometrici combinati con un segno sempre calligrafico e carico di tensione emotiva.

Le opere attuali, organizzate in dittici e trittici, ampliano e approfondiscono un discorso che assume sempre più valenza di riflessione sul senso stesso del dipingere oggi. La pittura si fa più sospesa e rarefatta e dialoga con lo spazio attraverso raffinate velature e trasparenze cromatiche; un vago biomorfismo permane nel segno ancora filamentoso. L’uso di una cromìa impura e volutamente quasi kitsch stempera il lirismo apparente in sottile ironia. Un linguaggio, contaminato pure da suggestioni provenienti dalla fotografia e dalla videoarte, che per mezzo di stridenti contrasti di carattere del segno e di spiazzanti scelte compositive trasforma il recupero della pittura tradizionale in atto critico e provocatorio, dando origine a uno degli esiti senz’altro più interessanti nel panorama artistico non solo ticinese del momento. Una nuova riflessione sul far pittura che di fatto inserisce Pedroli in un orizzonte più ampio, caratterizzato da una ricerca appena avviata anche su scala internazionale e che ha riportato la pittura – soprattutto astratta – al centro dell’attenzione di critica e pubblico.

Con la mostra dedicata a Gregorio Pedroli, il Museo d’arte Mendrisio prosegue nella serie di proposte incentrate su quelle individualità che attraverso un lavoro di ricerca e di sperimentazione, consolidatosi nel corso di anni, hanno messo in campo risultati stimolanti e di grande interesse per una riconsiderazione attuale del fare arte.



La mostra è stata realizzata con il sostegno di Cooperativa Migros Ticino

e della Repubblica e Stato del Canton Ticino, Fondo Swisslos

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram