Guyton / Walker 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MAMBO - MUSEO D'ARTE MODERNA DI BOLOGNA ​ Via Don Giovanni Minzoni 14 Bologna 40121

Bologna - dal 24 gennaio al 30 marzo 2008

Guyton / Walker
[leggi la recensione]

Guyton / Walker
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MAMBO - MUSEO D'ARTE MODERNA DI BOLOGNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Don Giovanni Minzoni 14 (40121)
+39 0516496611 , +39 0516496637 (fax)
info@mambo-bologna.org
www.mambo-bologna.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La prima mostra in Italia della coppia di artisti americani GuytonWalker
orario: martedì – domenica 10.00 - 18.00; giovedì 10.00 - 22.00; lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: euro 6, ridotto euro 4
vernissage: 24 gennaio 2008. ore 19
editore: SKIRA
ufficio stampa: Lara Facco, Tel. 051 6496618 / 654; ufficiostampaMAMbo@comune.bologna.it
curatori: Andrea Viliani
autori: Wade Guyton
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il MAMbo, Museo d’Arte Moderna di Bologna, è lieto di presentare dal 25 gennaio al 30 marzo 2008 la prima mostra in Italia della coppia di artisti americani GuytonWalker.


Il lavoro in collaborazione di Wade Guyton e Kelley Walker non è la semplice addizione di due ricerche e pratiche individuali ma rappresenta la modalità realizzativa di un vero e proprio “terzo artista”.

La ri-appropriazione, il riciclaggio e il riutilizzo di immagini preesistenti tratte dai mass madia, dalla pubblicità, dalla grafica e dall’arte contemporanea sono i presupposti di un operare che è ridefinizione e reinterpretazione prima che creazione, e che riprende e investiga ulteriormente le strategie e le modalità che furono di artisti come Andy Warhol.

La natura degli oggetti prodotti da GuytonWalker è eterogenea, così come i mezzi utilizzati: un mix di grafica computerizzata, serigrafia e stampa digitale applicato a tele, etichette, bandiere o, come in occasione di questa mostra, su due candele di proporzioni architettoniche come sui muri dello spazio espositivo. La piattezza e la natura consumistica delle immagini di partenza assumono, da un lato, un rilievo e una dimensione installativa dialogando con la tridimensionalità della sala, dall’altro, grazie anche alle tecnologie digitali e ai mezzi di produzione utilizzati, si volatilizzano quasi si rendessero trasparenti, potenzialmente sovrapponibili ad un infinità di immagini ulteriori.

Gli artisti scansionano frutti tagliati a rondelle o immagini tratte da riviste che vengono poi applicate sulla superficie dell’opera attraverso una successione di pratiche improprie e di incidenti di cui rimane testimonianza nell’opera finale. Per accentuare maggiormente questa precarietà e per confrontare l’immagine con la sintassi dei suoi stessi supporti, i dipinti serigrafati vengono disseminati nello spazio insieme a barattoli di vernice che ne diventano spesso la base. Sui barattoli vengono incollate etichette che replicano il soggetto della tela e dalle quali prende vita un gioco di rimandi, come se il contenuto del barattolo potesse far nascere il soggetto dell’opera.

Per GuytonWalker non solo le opere, ma il format stesso della mostra diviene oggetto di un continuo aggiornamento, di una verifica costante di mezzi di produzione e di presentazione che ridefinisce in tempo reale i termini e il significato della loro collaborazione. La mostra al MAMbo rappresenta allora per GuytonWalker il semplice “nesso” fra la loro ultima collaborazione (The Empire Strikes Back, Carpenter Center for Visual Ars, Harvard Univerity, Cambridge, 2005) e il processo stesso avviato dall’invito a concepire, due anni dopo, questa nuova mostra.


In occasione della mostra verrà pubblicato un catalogo edito da Skira con una conversazione fra Johanna Burton e Bettina Funcke e testi di Vincent Pécoil e Andrea Villani.

***





Wade Guyton

Nato ad Hammond (Indiana) nel 1972. Vive e lavora a New York.

Kelley Walker

Nato a Columbus (Georgia) nel 1969. Vive e lavora a New York.


Mostre personali

2006

Guyton Walker: Empire Strikes Back, invitati da S. Prina, Carpenter Center for the Visual Arts, Harvard University, Cambridge, MA

2005

The Failever of Judgement Part III, Greene Naftali Gallery, New York

2004

The Failever of Judgement, a cura di J. Rasmussen, Rheinschau, Cologne

XXXXX BBB XXXXXFFFFFF FFFF, a cura di J. Rasmussen, Midway Contemporary Art Center, St. Paul MN


Mostre collettive

2007

Uncertain States of America, a cura di D. Birnbaum, G. B. Kvaran, H. U. Obrist, Herning Art Museum, Herning; Centrum Sztuki Współczesnej Zamek Ujazdowski, Warszawa; Le Musée de Sérignan, Sérignan; Galerie Rudolfinum, Praha

2006

Bring the War Home, a cura di D. Heitzler, QED Gallery, Los Angeles

Imagination Becomes Reality. Part IV: Borrowed Images, a cura di I. Goetz, S. Urbaschek, Samlung Goetz, München

An Ongoing Low-Grade Mystery , a cura di B. Nickas, Paula Cooper Gallery, New York

Uncertain States of America, a cura di D. Birnbaum, G. B. Kvaran, H. U. Obrist, Center for Curatorial Studies-Bard College, Annandale-on-Hudson; Serpentine Gallery, London; Reykjavik Art Museum, Reykjavik

Collection 2005-06, a cura di B. Nickas, Galerie Rodolphe Janssen, Brussels

2005

Uncertain States of America, a cura di D. Birnbaum, H. U. Obrist, G. Kvaran, Astrup Fearnley Museum of Modern Art, Oslo

Make It Now: New Sculpture in New York, a cura di M. Ceruti, A. Huberman, F. Sirmans, Sculpture Center, Long Island City, NY

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram