Une certaine idée de la France 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PROVINCIA DI CUNEO - CENTRO INCONTRI ​ Corso Dante 41 Cuneo 12100

Cuneo - dal 24 gennaio al 3 febbraio 2008

Une certaine idée de la France

Une certaine idée de la France

 [Vedi la foto originale]
PROVINCIA DI CUNEO - CENTRO INCONTRI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Dante 41 (12100)
+39 0171445894
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Le settanta immagini immagini esposte evitano una rappresentazione stereotipata della Francia, e riescono a evocare tutto il fascino della
terra transalpina con immagini che mediano tra una visione fotografica, che risente della scuola francese e una rappresentazione del paesaggio
tipicamente italiana
orario: dal lunedì al venerdì,
dalle 16 alle 19 e sabato e domenica 10-12/16-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 24 gennaio 2008.
autori: Valerio Bianco, Franco Bussolino, Marco Corongi, Emilio Ingenito, Giorgio Veronesi, Pier Paolo Viola
genere: fotografia, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il gruppo di ricerca "Il Terzo Occhio photography" composto dai fotografi torinesi Valerio Bianco, Franco Bussolino, Marco Corongi, Emilio Ingenito, Giorgio Veronesi e Pier Paolo Viola, la Provincia di Cuneo e l'Alliance Française di Cuneo presentano la mostra fotografica Une certaine idée de la France . Le settanta immagini immagini esposte evitano una rappresentazione stereotipata della Francia, e riescono a evocare tutto il fascino della terra transalpina con immagini che mediano tra una visione fotografica, che risente della scuola francese e una rappresentazione del paesaggio tipicamente italiana. Viene fuori nell'insieme quella "certa idea" della Francia, fatta di sentimenti, di piccole botteghe in tranquille cittadine di provincia ma anche di quella grandeur che si manifesta nelle nuove architetture urbane, oggi tra le più innovative in Europa.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram