Michele Zuccaro - Atmosfere 3116 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/12/2018
La cultura dell’olio d’oliva. Fino al 21 dicembre aperte le candidature per il bando OLE@ART
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA MERLIANI 137 ​ Via Giovanni Merliani 137 Napoli 80129

Napoli - dal 23 febbraio al 3 marzo 2008

Michele Zuccaro - Atmosfere

Michele Zuccaro - Atmosfere

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA MERLIANI 137
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giovanni Merliani 137 (80129)
+39 0815586332 , +39 3475452737
galleria_merliani137@live.it
www.galleriamerliani137.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Opere e sensazioni nel tempo spazio, immerse nel tepore di cromie antiche e rilassanti; calore ed atmosfere metafisiche per un’indagine introspettiva
vernissage: 23 febbraio 2008. ore 18.30
curatori: Gianni Nappa
autori: Michele Zuccaro
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Opere e sensazioni nel tempo spazio, immerse nel tepore di cromie antiche e rilassanti; calore ed atmosfere metafisiche per un’indagine introspettiva.
Zuccaro accarezza lo sguardo e lo conduce in ambiti di emozioni e luoghi della mente, e oltre l'impressione, le opere vivono e si svelano a poco a poco, aprono porte sull'infinito e accompagnano verso il sogno, la visione trascendente dell'artista e la dolce maniera compositiva, che accoglie e riscalda senza retorica.
Pittura che si inonda di serene cromie per forti risvolti inconsci; contaminazioni figurate di un’astrazione notturna e di un senso inappagato di luce, che interna alle opere si irradia sul mondo reale.
Sogni, illusivi echi di un reale e del suo ricordo che Zuccaro propone come possibile interlocuzione tra il fare e il sognare ed in fondo l'artista ha il suo compito di aprire le porte del sogno ad un mondo materialmente annichilito sul reale.
Lune e volti sono in noi inconscia memoria e l’artista le svela nel sonno antico della maestria mediterranea con slanci e tensioni compositive che esitano il lavoro e riaprono la strada verso un bello non solo interiore, che sappia coniugare anche il concetto estetico.


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram