Bernardo Cavallino - Una mistica visione. L'Immacolata Concezione 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA DI BRERA ​ Via Brera 28 Milano 20121

Milano - dal 19 marzo al 10 settembre 2008

Bernardo Cavallino - Una mistica visione. L'Immacolata Concezione

Bernardo Cavallino - Una mistica visione. L'Immacolata Concezione

 [Vedi la foto originale]
PINACOTECA DI BRERA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Brera 28 (20121)
+39 02722631 , +39 0272001140 (fax)
brera.artimi@arti.beniculturali.it
www.brera.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'opera di Bernardo Cavallino, ora riproposta all'attenzione dei visitatori della Pinacoteca, interpreta il tema dell'Immacolata Concezione con una vena assolutamente intimistica: un' immagine semplice davanti alla quale pregare e commuoversi, al di là degli infuocati dibattiti che continueranno a impegnare le correnti pro e contro la tesi di Maria nata immune da ogni peccato - compreso quello originale
orario: 8.30 -19.15 da martedi a domenica
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: euro 5 (compreso Pinacoteca), euro 2,50 ridotto
vernissage: 19 marzo 2008.
editore: ELECTA
autori: Bernardo Cavallino
genere: arte antica, personale
web: www.brera.beniculturali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Bernardo Cavallino (1616 - 1656), pittore napoletanissimo che mai si mosse dalla sua città natale, dedico' quasi tutta la sua attività alla realizzazione di dipinti -da cavalletto-:
opere di media grandezza per raccolte private o ad uso devozionale per cappelle e piccoli oratori. Fra queste si contano ben dodici tele, tutte dedicate al tema dell'Immacolata Concezione: originali, copie da opere perdute, repliche realizzate dallo stesso Cavallino a testimonianza del successo che questo tema ebbe nella Napoli della metà del XVII secolo.

Alcune di piccole dimensioni, che non superano i settanta centimetri di altezza, erano sicuramente riservate alla devozione privata, agli appartamenti di nobili badesse, di aristocratiche signore o di quelle donne - le bizzoche -, votate ad una vita di castità e di dedizione alla preghiera; altre di piu' grandi dimensioni, erano invece destinate al culto pubblico o ad entrare a far parte di una delle tante collezioni private che in quegli anni si stavano formando nella capitale del Viceregno spagnolo.

Nulla si sa della destinazione originaria dell'Immacolata Concezione, cui e' dedicata la XXIII edizione di Brera mai vista: giunta in Pinacoteca nel 1955 a seguito di un acquisto per diritto di prelazione, essa fu eseguita da Bernardo Cavallino intorno al 1645, poco prima dell'unica opera realizzata su commissione pubblica, la Santa Cecilia in estasi, oggi dopo una serie di fortunose vicende finalmente esposta al Museo Nazionale di Capodimonte accanto al suo bozzetto.

Nel catalogo, che accompagna, come di consueto la piccola esposizione, e' affrontato il tema dell'iconografia dell'Immacolata Concezione, cui il popolo napoletano fu sempre particolarmente devoto e che divenne nel 1656, principale patrona della città accanto a san Gennaro.
All'assetto iconografico della Madonna vestita di bianco e azzurro e circondata da angioletti recanti alcuni dei simboli delle virtu' mariane, contribuirono i dettami imposti dalla controriforma in materia di immagini sacre, e la descrizione di una serie di mistiche visioni : fra queste quelle di santa Brigida da Uppsala e della beata Beatrix de Silva y Menenses.

L'opera di Bernardo Cavallino, ora riproposta all'attenzione dei visitatori della Pinacoteca, interpreta il tema dell'Immacolata Concezione con una vena assolutamente intimistica: un' immagine semplice davanti alla quale pregare e commuoversi, al di là degli infuocati dibattiti che continueranno a impegnare le correnti pro e contro la tesi di Maria nata immune da ogni peccato - compreso quello originale.

Il dipinto pero', oltre alla sua valenza puramente devozionale, e in considerazione della sua alta qualità artistica, avrebbe potuto trovare posto anche in una delle tante collezioni private napoletane: magari in doppia fila su una delle pareti di una sala, non molto diversa da quella che Michele Regolia ci tramanda in un piccoli dipinto (ora in collezione privata) e che raffigura un interno di casa napoletana: qui fra eleganti mobili, sedie, portiere in tessuto che nascondono l'accesso ad altri vani del palazzo, per noi ancora sconosciuto, trovano posto in un ordine ben distribuito, dipinti sacri e profani, e fra questi al di sopra di una porta una Immacolata Concezione non molto diversa da quella cui e' dedicata questa XXIII edizione di Brera mai vista.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram