Mimmo Rotella - Lamiere 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MARCA - MUSEO DELLE ARTI CATANZARO ​ Via Alessandro Turco 63 Catanzaro 88100

Catanzaro - dal 29 marzo al 28 settembre 2008

Mimmo Rotella - Lamiere
[leggi la recensione]

Mimmo Rotella - Lamiere
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
MARCA - MUSEO DELLE ARTI CATANZARO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alessandro Turco 63 (88100)
+39 0961746797
info@museomarca.com
www.museomarca.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Inaugura il primo Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Catanzaro e della Calabria, il MARCA, con una mostra dedicata a Mimmo Rotella
vernissage: 29 marzo 2008. ore 19,30
editore: ELECTA
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Alberto Fiz
autori: Mimmo Rotella
genere: arte contemporanea, inaugurazione, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 29 marzo inaugura il primo Museo d'Arte Moderna e Contemporanea di Catanzaro e della Calabria: il MARCA. Un progetto grande e ambizioso, voluto dalla Provincia di Catanzaro, uno di quei rari casi in Italia in cui si unisce l'intervento conservativo di un vasto patrimonio d'arte del passato con l'esigenza di apertura al contemporaneo, grazie ad esposizioni temporanee in successione.
Il nuovo museo si colloca nel cuore storico della città e occupa gli spazi di un antico palazzo recuperato e restaurato ad hoc, edificio che ospitava, sino a qualche decennio fa, un istituto per sordomuti e una tipografia.
Il palazzo si sviluppa su tre piani ed è dotato di un ampio cortile e una terrazza che si affaccia sulla città.
MARCA è un polo museale multifunzionale sviluppato su tre piani, che ambisce a confermarsi come "un museo vivo e attivo" dove possono convivere momenti artistici diversi dall'arte antica al linguaggio contemporaneo, espresso in tutte le sue forme.
Al pianterreno è stata allestita la Pinacoteca e Gipsoteca della Provincia con circa 120 opere tra dipinti e sculture, una collezione permanente che va dal XVI al XX secolo: dalla splendida tavola di Antonello de Saliba, a Battistello Caracciolo, Mattia Preti, Salvator Rosa e Andrea Sacchi. Sono inoltre conservate ed esposte un numero assai ricco di opere di Andrea Cefalì, oltre a gessi e marmi di Francesco Irace. L'esposizione delle opere è stata resa possibile grazie ad un lungo e prezioso intervento di restauro compiuto su quasi tutte le opere e reso possibile grazie alla collaborazione con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Calabria.
Al primo piano si trova la collezione Rotella, il più celebre degli artisti catanzaresi, e in concomitanza si inaugura una mostra, a cura di Alberto Fiz, che per la prima volta presenta in uno spazio pubblico italiano le sue grandi opere su lamiera, realizzate tra il 1980 e il 2004.
Il seminterrato ospita il centro polivalente di cultura contemporanea che, in occasione dell'inaugurazione, del Marca presenta il progetto Archeologia del presente, a cura del direttore artistico del museo, Sergio Risaliti. Gli artisti invitati in questa occasione sono Paola De Pietri, Flavio Favelli e Davide Rivalta. L'intento è quello di legare il linguaggio contemporaneo al territorio e alla sua storia: Paola De Pietri, fotografa, presenta 15 scatti inediti: ritratti e paesaggi di Catanzaro e dintorni (o provincia); Flavio Favelli, autore del bar del Mambo, oltre ad aver progettato il bar del museo, situato sul piano, esibisce due installazioni site-specific; Davide Rivalta espone diverse sculture in gesso, bronzo e resina, in parte inedite, che raffigurano una capra, un asino, un'aquila, un tacchino. Gli stessi animali compaiono, trasfigurati, anche nelle tele dei paesaggisti ottocenteschi della Pinacoteca e Gipsoteca, quasi a stabilire un dialogo, un collegamento tra le opere dello stesso museo, anche se di epoche diverse, oltre che con il paesaggio locale.
Il seminterrato verrà anche utilizzato per ospitare mostre temporanee e eventi culturali di altro genere, in collaborazione con istituzioni locali, come L'Accademia di Belle Arti di Catanzaro.
Biglietteria e bookshop sono previsti al pianterreno; un altro spazio che potrà contenere installazioni e ospitare manifestazioni è il cortile interno.
Per la definizione del percorso museologico e per la razionalizzazione degli spazi che l'edificio presenta la Provincia di Catanzaro si è avvalsa dell'intervento di Sergio Risaliti, direttore artistico del Museo.
L'inaugurazione sarà accompagnata dalla pubblicazione da parte di Electa di tre volumi volti ad illustrare i tre piani del museo: Pinacoteca/Gipsoteca e centro polivalente a cura di Sergio Risaliti; primo piano con mostra di Rotella a cura di Alberto Fiz.L'operazione MARCA rappresenta un'altra scommessa importante per la Provincia di Catanzaro, che già con successo conduce l'ormai accreditata manifestazione estiva Intersezioni al Parco Archeologico di Scolacium che coniuga e fa dialogare l'arte contemporanea con la cultura stratificata del luogo e con il paesaggio naturale del parco.


***
L'inaugurazione del MARCA, il Museo delle Arti Catanzaro, coincide con un omaggio al più celebre degli artisti catanzaresi, Mimmo Rotella scomparso nel 2006 all'età di 88 anni.
Per la prima volta, in uno spazio pubblico italiano, viene presentata una mostra esclusivamente dedicata alle opere su lamiera.
L'esposizione, curata da Alberto Fiz, organizzata in collaborazione con la Fondazione Mimmo Rotella, propone una serie di grandi opere realizzate tra il 1980 e il 2004.
Il maestro del décollage, attraverso questa serie di lavori, ha avuto la capacità di rinnovare radicalmente il suo linguaggio.
Come ha scritto Fiz nel catalogo edito da Electa "l'artista, giunto all'età di settant'anni, rimette indietro le lancette dell'orologio ed è nuovamente pronto a stupirsi, come se quei fogli di metallo sottili su cui sono attaccati i manifesti non fossero altro che gli appunti di un diario segreto ancora tutto da scoprire".
Non c'è più lo slancio ideologico degli esordi, ma la medesima volontà d'interpretare i crepitii della materia, le lacerazioni anonime della strada, i trascinamenti segnici, le impronte stratificate e contingenti. Tutto questo in perfetta sintonia con quanto aveva affermato Rotella nel 1957: "Non potrei sopportare di essere schiavo di un'arte prevedibile e scontata. La mia ricerca si affida non all'estetica, ma all'imprevisto, agli stessi umori della materia. E' come una tromba, un tamburo, un sassofono che suonino da soli. Io sostengo la tromba, il tamburo, il sassofono".
In tal senso, le opere su lamiera rappresentano un ciclo a se stante dove il supporto entra direttamente in causa partecipando al rinnovamento linguistico. A Catanzaro, dove Rotella era nato nel 1918, sono esposte alcune opere fondamentali come Senza titolo del 1981, un blank, ovvero una copertura monocroma di sei metri di lunghezza o La lezione di anatomia del 1987 dove i messaggi della strada caratterizzano una composizione fortemente trasgressiva ponendo Rotella in diretta relazione con Robert Ruaschenberg e Jean-Michel Basquiat.
Ma al Marca non mancano nemmeno gli omaggi ai maestri del futurismo come dimostra Formula 1 del 1988 o a Giorgio De Chirico con un manichino visto di spalle catapultato dalle Piazze metafisiche al contesto urbano. L'universo rotelliano, poliedrico e multidirezionale, spazia da San Sebastiano alle immagini del circo, da Elton John allo spettacolo sul ghiaccio Holiday on Ice.
Rotella non si limita a strappare i manifesti dai muri, come faceva negli anni cinquanta, ma s'impadronisce fisicamente e psicologicamente del contesto urbano, inteso esso stesso come spazio su cui interagire con il proprio gesto.
Insieme ai manifesti, si appropria delle scritte sui muri, di ogni forma di segnale o d'impronta più o meno casuale estendendo la dimensione spaziale ben oltre il décollage tradizionale in base ad una costruzione dove le traccia della pittura e quelle del manifesto stampato creano una parcellizzazione degli elementi compositivi. In questo senso, appare emblematica un'opera come Virus del 1987 dove l'artista si rifà esplicitamente ad un messaggio dei writers scritto con rabbia sui muri.
Insomma, nell'ambito di un'estetica globale, l'artista concepisce la sua operazione in termini di architettura ambientale.
Che si tratti di una nuova virata nel percorso, lo sottolineava con chiarezza nel 1987 Pierre Restany, il teorico del Nuoveau Réalisme il movimento a cui Rotella partecipa come unico artista italiano: "Dopo tante versioni dello strappo e tante interpretazioni della fenomenologia lacerante, Mimmo Rotella ci propone oggi un nuovo concetto operativo di intervento fisico sul manifesto strappato. Sulle lamiere metalliche destinate all'affissione pubblicitaria in città e ricoperti di frammenti di carta - avanzi della memoria dei messaggi tipografici anteriori - l'intervento grafico di Rotella segna il marchio vitale del discorso urbano. I graffiti rotelliani si presentano come una calligrafia mimetica del discorso anonimo della città".
Le lamiere, insomma, rappresentano il mezzo più idoneo per riconquistare nuovi spazi in una fase di profondi cambiamenti. Gli anni ottanta segnano il ritorno alla pittura intesa come recupero di un'identità storica soggettiva dove il segno, nella sua persistenza, decreta l'annullamento del tempo storico in base ad un orizzontalità linguistica. "Nel caso di Rotella", afferma Alberto Fiz, "le lamiere rappresentano il luogo dove i manifesti squarciati convivono con le interferenze di una pittura sovraesposta e rapsodica, apparentemente casuale e anonima, nata dal desiderio di mimetizzarsi con le infinite stratificazioni del metallo che assorbe, nelle pieghe, ogni forma di tracciato".
Sovrapitture e décollage raggiungono la loro sintesi espressiva compiuta nel contesto dialettico delle lamiere dove i differenti elementi creano un ritmo sincopato, obliquo e provocatorio. Sono scoppi imprevisti della materia, segnali devianti in un contesto disarticolato dove lettere e parole sono incise sulla superficie indelebile. La lamiera, del resto, nella sua discontinuità e nel suo ritmo accidentato, appare come il ricettacolo di ogni forma di scrittura, di ogni intreccio multisensoriale. Nell'ultimo capitolo di quell'immenso romanzo sulla strada iniziato nel 1953, Rotella ipotizza il deragliamento finale del segno sfidando con le sue lamiere la società globalizzata.
Il museo MARCA dedicherà a Rotella uno spazio permanente a cura di Alberto Fiz dove si svilupperà un programma di mostre e d'iniziative culturali destinate a valorizzare e ad approfondire l'indagine dell'artista calabrese.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram