Marco Mazzoni - Antropologia di un cannibale 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASTELLO VISCONTEO ​ Viale Pietro Toselli Legnano 20025

Legnano (MI) - dal 3 maggio al 5 luglio 2008

Marco Mazzoni - Antropologia di un cannibale

Marco Mazzoni - Antropologia di un cannibale
Quod me nutrit me destruit, matite colorate su carta, 50x50 cm, 2008
 [Vedi la foto originale]
CASTELLO VISCONTEO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Pietro Toselli (20025)
+39 0331471335
www.spaziartelegnano.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra dedicata al giovane artista Marco Mazzoni (Tortona, 1982) con 18 lavori appositamente realizzati per il Comune di Legnano, che acquisirà uno dei disegni per la sua collezione permanente
orario: dal martedì al sabato 15.00 - 19.00; domenica e festivi 10.00 -13.00 / 15.00 - 19.00. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 3 maggio 2008.
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: CLP
curatori: Flavio Arensi
autori: Marco Mazzoni
genere: giovane arte, personale
web: www.legnano.org

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Dal 3 maggio al 5 luglio 2008, all’interno dell’iniziativa SALE (Spazi d’Arte a Legnano), il Comune di Legnano dedica una mostra al giovane artista Marco Mazzoni (Tortona, 1982) negli spazi espositivi del Castello di San Giorgio. L’occasione è affatto importante perché si tratta di un doppio “battesimo”: la prima esposizione pubblica dell’artista, ma anche il primo appuntamento di un programma espositivo riservato, dall’amministrazione legnanese, allo studio dei giovani talenti e all’acquisizione delle loro opere.


Marco Mazzoni è un disegnatore eccezionale capace di riconquistare i grandi temi della contemporaneità in una forma stilistica nuova, fra sogno e verità. Le sue opere guardano tanto agli artisti del passato prossimo, come i realisti esistenziali (Guerreschi, Vespignani, Ferroni per citarne alcuni), quanto ai maestri del nostro oggi, in un linguaggio tuttavia caratteristico e incisivo. La peculiarità del disegno a matita è – almeno fino ad ora – una caratteristica saliente che aumenta il sentire drammatico delle opere, ma allo stesso tempo infonde un’aura trasognante, acuita dai colori accesi che delineano le figure o le avvolgono.


Il lavoro di Mazzoni è da tempo apprezzato da critici come Ivan Quaroni, Stefano Castelli, Alberto Zanchetta, che ne hanno sottolineato le ampie capacità espressive. La mostra legnanese – curata da Flavio Arensi – raccoglierà 18 lavori appositamente realizzati per il Comune di Legnano, che acquisirà uno dei disegni per la sua collezione permanente.


Per l’occasione sarà pubblicato un catalogo edito da Allemandi nella nuova collana DovevaAccadere, che integra quella di Palazzo Leone da Perego Arte&Cultura Legnano.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram