Angelo Cagnone - Bagaglio a mano. Opere (1987-2007) 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASA DEL MANTEGNA ​ Via Giovanni Acerbi 47 Mantova 46100

Mantova - dal 19 aprile al 25 maggio 2008

Angelo Cagnone - Bagaglio a mano. Opere (1987-2007)

Angelo Cagnone - Bagaglio a mano. Opere (1987-2007)
Recitativo il colore interrotto, 2005, 130x97
 [Vedi la foto originale]
CASA DEL MANTEGNA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giovanni Acerbi 47 (46100)
+39 0376360506 , +39 0376326685 (fax)
casadelmantegna@provincia.mantova.it
www.provincia.mantova.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una significativa mostra dedicata agli ultimi 20 anni del percorso creativo di Angelo Cagnone, uno dei più originali esponenti della pittura italiana come punto di incontro delle tendenze astratte o figurali
orario: da martedì a domenica 10.00 – 13.00, 15.00 – 18.00. Lunedì chiuso - 25 aprile e 1 maggio aperto
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 2,00 euro
Ingresso gratuito per:
- i minori di anni 14 e i superiori ad anni 65;
- l'accompagnatore di un disabile;
- l'insegnante accompagnatore di una classe;
- un accompagnatore di gruppo composto almeno da 15 visitatori
vernissage: 19 aprile 2008. ore 11
editore: SKIRA
curatori: Luca Massimo Babero, Claudio Cerritelli
autori: Angelo Cagnone
patrocini: Provincia di Mantova
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sabato 19 aprile 2008 si inaugura presso la Casa del Mantegna di Mantova una significativa mostra dedicata agli ultimi 20 anni del percorso creativo di Angelo Cagnone, uno dei più originali esponenti della pittura italiana come punto di incontro delle tendenze astratte o figurali.

Il suggestivo titolo “Bagaglio a mano” indica la dimensione delle opere come segni indispensabili per occupare le sale espositive della Casa del Mantegna, immagini di un viaggio simultaneo nella storia e nel presente che l’artista conduce sul filo della memoria, vera e propria matrice visiva del suo sconfinato immaginario. Attraverso una selezione di immagini di circa 50 opere, il linguaggio di Cagnone mostra i meccanismi visivi che raccontano le mutazioni dello spazio interiore, le oscillazioni nel buio dei ricordi e nei tragitti abbaglianti dell’occhio, dove ogni immagine nasce dai molteplici orientamenti dell’inconscio.

Per questa speciale occasione, Cagnone ha dedicato alla figura del Mantegna sette opere con altrettante variazioni intorno alla planimetria della Casa. Riprende infatti i dettagli architettonici, li elabora mescolandoli con storie private, ma soprattutto intende fissare attraverso diverse temperature cromatiche quelle che possono simbolicamente considerarsi le tavolozze del grande maestro. Più che avvalersi di fredde citazioni l’artista sogna molteplici apparizioni, una sequenza visiva in cui gli elementi pittorici ed architettonici entrano in scena evocando il mondo del Mantegna, il clima della sua splendida dimora dove l’arte contemporanea si pone a confronto con il Passato.

In questo modo Cagnone non rinuncia alle prerogative del suo singolare linguaggio in quanto mostra il massimo delle tensioni espressive nell’articolazione calibrata di ogni sala espositiva. Si passa dai temi della luce agli spazi socchiusi del buio, dai racconti della realtà alle immaginazioni della mente, sempre attraverso la qualità delle materie sperimentate con modalità operative che non hanno paragone con le attuali esperienze della pittura italiana.

In occasione della mostra è stato pubblicato un volume monografico per le edizioni Skira con testi dei critici curatori Luca Massimo Barbero e Claudio Cerritelli, un’antologia critica e apparati bio-bibliografici.













Biografia



Angelo Cagnone è nato in Liguria nel 1941. Si è dedicato interamente alla pittura, senza alcuna frequentazione accademica, dal 1961, dopo il trasferimento a Milano. La prima mostra personale risale al 1965, alla Galleria del Cavallino di Venezia. Da allora l’attività espositiva si è susseguita sia in Italia che all’estero, documentando un continuo evolversi del linguaggio pittorico, espresso attraverso itinerari molteplici e diversi seppur strettamente connessi fra loro da cicli lenti e naturali, di cui ciascuno è continuità del precedente. Attualmente vive e lavora a Milano.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram