Carlo Cego (1939-2003) 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO COLLICOLA ARTI VISIVE - MUSEO CARANDENTE ​ Via Loreto Vittori 11 Spoleto 06049

Spoleto (PG) - dal 31 maggio al 29 giugno 2008

Carlo Cego (1939-2003)

Carlo Cego (1939-2003)

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO COLLICOLA ARTI VISIVE - MUSEO CARANDENTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Loreto Vittori 11 (06049)
+39 074346434 , +39 074346434 (fax)
www.palazzocollicola.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Circa cento opere nella più completa retrospettiva mai dedicata all’artista. I quadri di Carlo Cego affermano la dimensione poetica della pittura italiana, ritrovando nella più pura astrazione il valore vivo della pittura come materia assoluta
orario: tutti i giorni, a esclusione del martedì, dalle ore 10.30 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 31 maggio 2008. ore 18,00
editore: SKIRA
ufficio stampa: Antonella Manni
Cell. 339.5993281
e-mail: aciemme@virgilio.it
curatori: Martina Corgnati
autori: Carlo Cego Pernigotto
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Verrà inaugurata sabato 31 maggio 2008 alle ore 18 e sarà visitabile fino al 29 giugno nelle sale espositive della Galleria Civica d’Arte Moderna di Spoleto (Palazzo Collicola), la mostra Carlo Cego (1939 – 2003): circa cento opere nella più completa retrospettiva mai dedicata all’artista, a cura di Martina Corgnati. L’evento, è promosso dal Comune di Spoleto in collaborazione con la Galleria Civica d’Arte Moderna.


Astrazione geometrica e dimensione poetica si coniugano nella pittura di Carlo Cego artista nato a Valdagno il 10 luglio 1939 ma vissuto a Roma dal 1947 al 1966.

Carlo Cego si è laureato in Pittura con Gentilini all’Accademia di Belle Arti di Roma nel 1962. Nel 1966 si trasferisce a Genova, chiamato come scenografo per inaugurare il teatrino sperimentale del Teatro Stabile; vi rimane due anni. Nel 1968 Gastone Novelli lo nomina assistente alla sua cattedra all’Accademia di Brera di Milano, dove Cego rimane fino alla scomparsa, il 17 settembre 2003.

Dal 1980 al 2003 Carlo Cego ha trascorso lunghi periodi estivi ad Otranto dove ha molto lavorato approfittando della luce piena e chiara, così peculiare di quel luogo.


Proprio in quegli anni la sua pittura, vicina al minimalismo, si concentra in semplici linee, in cui si riconoscono approfondite riflessioni sulla lezione di Giacomo Balla e delle Compenetrazioni Iridescenti. Negli anni Novanta invece si assiste a una nuova emergenza del piacere della superficie e a una più sorgiva gioia del dipingere. D’altra parte Carlo Cego ha fatto parte di una generazione che ha cercato di coniugare i rigori dell’astrazione geometrica classica con una segreta essenza poetica: infatti i suoi quadri risentono della luce e delle circostanze ambientali in cui sono stati concepiti e realizzati, rivelando una presenza intensa e affascinante nelle scelte cromatiche e nella densità della materia pittorica. Per questo, più che di astrazione, nel suo caso è opportuno riferirsi a un “corpo della pittura” dotato di un alfabeto e una sintassi suscettibile di infinite variazioni; infatti, il vero soggetto di questa ricerca è la luce, le sue infinite sfumature e la sua illimitata capacità di trasformare le superfici pittoriche e “sospendere” i colori nello spazio della tela.

I quadri di Carlo Cego affermano ancora la dimensione poetica della pittura italiana, ritrovando nella più pura astrazione il valore vivo della pittura come materia assoluta.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram