Paesaggio Zero 3095 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CASCINA LE VALLERE ​ Corso Trieste 98 Moncalieri 10024

Moncalieri (TO) - dal 30 maggio al 6 luglio 2008

Paesaggio Zero
[leggi la recensione]

Paesaggio Zero
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
CASCINA LE VALLERE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Trieste 98 (10024)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

1° Biennale dell’Osservatorio del Paesaggio dei Parchi del Po e della Collina Torinese
orario: giovedì e venerdì ore 15-19; sabato e domenica ore 10-13 e 15-19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 maggio 2008. ore 18
ufficio stampa: STILEMA
curatori: Ippolito Ostellino
autori: andrea caretto, Gianluca De Serio, Massimiliano De Serio, Laura Pugno, Alessandro Quaranta, raffaella spagna
patrocini: Regione Piemonte – Direzione Ambiente e Direzione Cultura
Provincia di Torino
Parco Fluviale del Po Torinese
Osservatorio del Paesaggio dei Parchi del Po e della Collina Torinese
OCS - DITER - Politecnico e Università di Torino
genere: arte contemporanea, collettiva
web: www.paesaggiozero.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione del convegno “Rendez-vous Po, Confluenze Nord-Ovest - 2008”, che si terrà il 30 Maggio 2008, Cascina Le Vallere a Moncalieri, sarà presentata la prima edizione del progetto “Paesaggio zerO”, evento artistico a cadenza biennale che intende avviare ed alimentare nel tempo un processo di conoscenza del territorio del Parco, per mezzo del medium artistico della performance, dell’installazione ambientale, del reportage artistico video e fotografico, in grado di avviare il pubblico verso una percezione profonda di quella combinazione di trasformazioni naturali e antropiche che un paesaggio fluviale continuamente manifesta.


Gli interventi di arte contemporanea che inaugurano la 1° Biennale dell’Osservatorio del Paesaggio dei Parchi del Po e della Collina torinese, si pongono in dialogo diretto con gli studi sul paesaggio condotti dagli enti promotori e intendono offrire il proprio specifico contributo al programma di esplorazione del territorio e di conoscenza diretta dei paesaggi del fiume già da tempo avviato dall’Ente Parco.


L’attenzione sarà concentrata su quattro aree chiave del territorio del Parco, caratterizzate da condizioni ambientali, naturalistiche e produttive molto diverse:


l’area attrezzata della Cascina Le Vallere, sede dell’ente Parco, situata nel comune di Moncalieri e affiancata da un frammento di territorio agricolo affacciato sul fiume Po denominato Hortocampus;
l’area cave, area interessata dal sistema di attività estrattive di inerti localizzate nel territorio del Comune di Carignano a stretto contatto con il fiume Po;
l’area di confluenza Orco-Po, il territorio situato nel comune di Chivasso a ridosso del fiume Po in prossimità della derivazione di Canale Cavour, in parte occupato dall’imponente centrale termoelettrica Edipower;
le vestigia della fortezza di Verrua Savoia nei pressi di Crescentino, nella porzione più a nord-est del territorio del Parco del Po Torinese.


I singoli ambiti territoriali costituiranno il tema di ricerca di quattro artisti:

Laura Pugno (Carignano, i laghi di cava); Andrea Caretto/Raffaella Spagna (Moncalieri, l’Hortocampus alle Vallere), Alessandro Quaranta (Chivasso, confluenza Orco-Po) Massimiliano e Gianluca De Serio (Verrua Savoia, dalla Rocca-Fortezza) selezionati per l’attinenza della loro ricerca artistica ai temi ed alla metodologia che caratterizza il progetto.


Il contatto fisico con il luogo, l’esperienza sensoriale ed emotiva che ne derivano, costituiscono gli indispensabili strumenti di indagine utilizzati dagli artisti coinvolti nel progetto: “il camminare” infatti è considerato una modalità privilegiata del metodo di lavoro ed è parte integrante delle attività dell’Osservatorio del Paesaggio. Le cosiddette “Walkscapes - Percorrenze” organizzate dell’Osservatorio sono vere e proprie operazioni culturali, capaci di trasformare la camminata in un’esperienza di apprendimento del territorio. Gli artisti infatti sono invitati a sperimentare “il camminare” in modo sia individuale che collettivo, anche nel caso in cui esso non costituisca la pratica fondamentale del proprio fare artistico.


Un aspetto particolare del lavoro di coordinamento condotto dai curatori del progetto è dato dal realizzare e mantenere un sistema di relazioni e scambi di informazioni tra le diverse ricerche messe in atto dagli artisti sui rispettivi territori, creando in tal modo un temporaneo “gruppo di ricerca” che - seppur nell’individualità della propria poetica – sia in grado di dar vita ad un “sovraprogetto” unitario, percepibile sia durante i mesi di conduzione della ricerca, sia in fase espositiva finale.


Esposizione conclusiva presso la Cascina Le Vallere

L’accumulo progressivo di esperienze, individuali e collettive, avvenute attraverso il contatto fisico diretto con il territorio ed il fiume avrà come esito conclusivo l’esposizione che si terrà in concomitanza con il convegno Rendez-vous Po Confluenze NW, presso la sede della Cascina Le Vallere e che costituisce il momento nel quale verranno presentati al pubblico i “risultati” dell'indagine svolta dagli artisti sul territorio del Parco nei mesi precedenti.


Raccolta dei progetti sul sito web Paesaggio Zero

L’intero processo di lavoro, dagli iniziali sopralluoghi alla presa di contatto con il territorio, dall’elaborazione del progetto individuale alla sua realizzazione finale, saranno visionabili sul sito web Paesaggio Zero.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram