Antonio Pizzolante - Stanzesenzatempo 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO D'ARTE STELLANOVE ​ Via Stella 9 Mendrisio 6850

Mendrisio - dall'otto giugno al 27 luglio 2008

Antonio Pizzolante - Stanzesenzatempo

Antonio Pizzolante - Stanzesenzatempo

 [Vedi la foto originale]
SPAZIO D'ARTE STELLANOVE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Stella 9 (6850)
+41 793867556
dominiquerondez@bluewin.ch
www.stellanove.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La plasticità delle forme, la costruzione delle superfici, attraverso l’integrazione dei diversi materiali (terracotta, carta, pietra, ferro, legno) evidenziano l’atemporalità della manifestazione creativa, concedendo il titolo alla mostra
vernissage: 8 giugno 2008. ore 11
catalogo: in mostra, con testi di Claudio Rizzi, Alberto Veca, Consuelo Farese
curatori: Gabrielle-Dominique Rondez
autori: Antonio Pizzolante
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Lo Spazio d’Arte Stellanove di Mendrisio presenta contemporaneamente al Museo Internazionale Design Ceramico Civica Raccolta di Terraglia a Cerro di Laveno (VA) e negli spazi di Villa Frua a Laveno (VA) recenti opere di Antonio Pizzolante. Lo spazio della galleria ticinese accoglie opere prevalentemente bidimensionali ma che conservano una struttura scultorea ben definita e radicata ormai da anni nella poetica dell’artista. La plasticità delle forme, la costruzione delle superfici, attraverso l’integrazione dei diversi materiali (terracotta, carta, pietra, ferro, legno) evidenziano l’atemporalità della manifestazione creativa, concedendo il titolo alla mostra di “stanzesenzatempo”. Intime stanze che hanno la forza di contenere ed esprimere la capacità dell’uomo di oggi di specchiarsi nella storia ma al tempo stesso con schiettezza e semplicità arcaica ri-flettersi negli avvenimenti che verranno.

“L’arte di Antonio Pizzolante non è contemporanea, ma atemporanea. La sfera magico-sacrale e mitologico-rituale da cui attinge essenziali morfologie e icastiche simbologie appartiene ad una condizione organicamente “timeless” del nostro essere profondo.

Nell’era dell’isteria da progresso, è bene che qualcuno affermi con poetica forza che si procede comunque e sempre verso l’origine. Pizzolante è in tal senso un’artista radicale, sia nel senso che procede sempre diretto al suo scopo espressivo, sia nel senso che lo fa attingendo alle radici. Le radici sono qui, non sono lontane, sono al centro della nostra psiche, il centro inconscio, archivio sterminato di emblemi ed essenze. Essere connessi con questa sfera dell’esistere è l’arte più segreta dell’artista Pizzolante, il farne riaggallare sensi e silenzi è il suo rito di sacerdote di se stesso. Elementi circolari o ellittici orizzonti e semicerchi, riquadri con quasi niente dentro e sospese imbarcazioni, questo lo sparuto lessico dell’artista, che cromaticamente è ancora più severo, limitandosi alle tenui tonalità del beige, con rari accenti bruni. L’opera è epifania del tutto impalpabile del mondo, non può che manifestarsi per sottrazioni, per svuotamenti. L’aura di sacralità è garantita dalla “messa in scena” dell’evento dell’immagine, una sapiente regia che è in sé già simbolo, già laica preghiera, il primario che non muore è l’archetipo perenne è il lato dimenticato della nostra storia, il lato atemporaneo, come l’arte quando è veramente tale.” (Guglielmo Gigliotti, storico dell’arte)




Dalle prime esperienze scenografiche legate agli anni ’70 e l’avvio verso una scultura che si interessava ad uno spazio pensato e vissuto, l’ultima ricerca di Antonio Pizzolante privilegia soluzioni archetipe, primarie, essenziali, intese a ritrovare nella memoria e nella centralità dell’uomo il ruolo dell’arte. Intenso in questi ultimi anni il percorso espositivo, con partecipazioni in rassegne nazionali e internazionali a Parigi, Lugano, Milano, Lamezia Terme, Bad Voslau, Girona, Caen, Saragozza. Tra riconoscimenti più importanti il primo premio alla XXII Rassegna nazionale di Disegno Contemporaneo “Giovanni Segantini” e il primo premio alla 14°edizione per l’Arte Contemporanea del Comune di Sarezzo in provincia di Brescia. Nel 2005 è tra gli artisti premiati alla prima Biennale di Ankara in Turchia. Tra le recenti partecipazioni, le più importanti si possono annoverare in: Progetto Esserci - Padiglione Italia a Venezia, mostra sostenuta, tra gli altri, da Jean Blanchaert e Philippe Daverio, “Contemporaneo Italiano” presso l’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles , “Porelarte” Feria General de Saragozza, Spagna, “Timeless” Archivio di Stato di Roma e “Dall’Ideale all’Arte Contemporanea - Identità e Umanesimo Palazzo Ducale di Sabbioneta .

Vive e lavora a Laveno in provincia di Varese dove insegna Disegno e Storia dell’Arte .


 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram