Luci sull'Alto Adriatico. Paesaggi di mare tra Venezia e Trieste nell’Ottocento 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEI CIVICI SANDONATESI - GALLERIA CIVICA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA ​ Piazza Indipendenza 1 San Donà Di Piave 30027

San Donà Di Piave (VE) - dal 14 giugno al 3 agosto 2008

Luci sull'Alto Adriatico. Paesaggi di mare tra Venezia e Trieste nell’Ottocento

Luci sull'Alto Adriatico. Paesaggi di mare tra Venezia e Trieste nell’Ottocento
MUSEI CIVICI SANDONATESI - GALLERIA CIVICA D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Indipendenza 1 (30027)
+39 0421590221 , +39 0421590739
ufficio.stampa@sandonadipiave.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una sequenza di oltre sessanta opere ripercorre l’evoluzione della pittura di paesaggio nell’area veneta e giuliana attraverso la specializzazione della pittura di marine, lungo tutto l’Ottocento fino alle soglie del Novecento. Tale produzione, alimentata dalla grande tradizione pittorica veneta e dal confronto con le nuove scuole paesistiche europee, attende ancora una adeguata valorizzazione
orario: 17-20. Lunedì anche 10-13. Dal 1° luglio al 3 agosto apertura serale il venerdì fino alle 22. Chiuso il martedì.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 giugno 2008. ore 11
catalogo: a cura di Maria Masau Dan e Isabella Reale
editore: MAZZOTTA
curatori: Maria Masau Dan, Isabella Reale
autori: Pieretto Bianco, Eugenio Bosa, Emanuele Brugnoli, Lorenzo Butti, Ippolito Caffi, Guglielmo Ciardi, Thomas Ender, Bernhard Fiedler, Ugo Flumiani, Pietro Fragiacomo, Guido Grimani, Pietro Lucano, Giuseppe Miceu, Alessandro Milesi, Antonio Rotta, Ettore Tito, Umberto Veruda, Giovanni Zangrando
genere: collettiva, arte moderna
email: cultura@sandonadipiave.net
web: www.sandonadipiave.net/portale/galleriadarte.asp

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Città di San Donà di Piave su iniziativa dell’Assessorato alla Cultura, con il sostegno della Regione Veneto e di FriulAdria Crédit Agricol, promuove per l’estate del 2008 una esposizione dedicata alla pittura di marina nell’Ottocento che nasce dalla collaborazione istituita con il Museo Revoltella di Trieste e la Galleria d’Arte Moderna di Udine. Una sequenza di oltre sessanta opere ripercorre l’evoluzione della pittura di paesaggio nell’area veneta e giuliana attraverso la specializzazione della pittura di marine, lungo tutto l’Ottocento fino alle soglie del Novecento. Tale produzione, alimentata dalla grande tradizione pittorica veneta e dal confronto con le nuove scuole paesistiche europee, attende ancora una adeguata valorizzazione, e la mostra sarà un’occasione unica per ammirare capolavori di grandi artisti italiani e stranieri che hanno indagato dal vero le mutevoli luci dell’Alto Adriatico, dipingendo tra le lagune, Venezia e le sue isole, il golfo di Trieste e la costa istriana e dalmata.

L’interesse mai sopito per l’immagine di Venezia ha alimentato infatti, a partire da Giuseppe Bernardino Bison, passando per Guglielmo Ciardi e Pietro Fragiacomo, una nuova fase della pittura veneta di paesaggio, alla quale hanno concorso anche artisti italiani e stranieri, sotto l’impulso di un realismo che spinge il pittore a fissare sulla tela i mutevoli effetti luministici e atmosferici indagati tra le superfici specchianti della laguna, ambientandovi la vita quotidiana di pescatori e gondolieri, i traffici mercantili, il diporto e il lavoro, sullo sfondo anche di un profondo mutamento storico ed economico che vede lo sviluppo del porto emporiale di Trieste e il declino del ruolo di Venezia, regina dell’Adriatico ormai solo per prestigio culturale e artistico. Dal vedutismo scenografico, ai bozzetti e alle “impressioni” nate dal vero, si passa, nell’evoluzione del genere, per il graduale sovrapporsi di una visione soggettiva anche venata da toni sentimentali, attraverso le sperimentazioni del divisionismo, gli influssi simbolisti, fino alle stilizzazioni dell’art nouveau,

Tra le opere in mostra spiccano i protagonisti sulla scena dell’arte veneziana a partire da Ippolito Caffi, Eugenio Bosa, Antonio Rotta, Guglielmo Ciardi, Ettore Tito, Alessandro Milesi, Emanuele Brugnoli, accanto ai triestini Lorenzo Butti, Giuseppe Miceu, Umberto Veruda, Guido Grimani, Pieretto Bianco, Ugo Flumiani, Giovanni Zangrando, Pietro Lucano e molti altri. Una sezione particolare è dedicata a Pietro Fragiacomo, il pittore di origine istriana protagonista a Venezia accanto a Ciardi del rinnovamento in senso realistico del paesaggio e considerato dalla critica il vero poeta della laguna, presente con dipinti, disegni, bozzetti e un prezioso ventaglio con scene di pesca. L’interesse inoltre di artisti stranieri e nordici in particolare per il paesaggio marino dell’alto adriatico sarà documentata da dipinti oltre che del tedesco Bernhard Fiedler anche del paesista viennese Thomas Ender.

Un ideale itinerario geografico fissa inoltre i temi prediletti del genere, a partire dalle vedute veneziane più lagunari, dalle scene di vita dei pescatori chioggiotti, approdando alle isole della laguna, con Burano come meta prediletta da più generazioni di artisti, alle spiagge del Lido o di Grado, al porto animato dai traffici mercantili di Trieste, fino all’isola di Lussino, fissando l’immagine di velieri e vapori, bragozzi e piroscafi, battaglie navali legate ai moti indipendentisti di Venezia contro l’Austria, ma anche i nuovi riti balneari della Belle Epoque. Fa da cornice lo scenario sempre mutevole dell’alternarsi delle albe e dei tramonti sull’Alto Adriatico, delle calme distese marine e delle improvvise tempeste, l’incessante rincorrersi delle onde che riflettono i raggi del sole e della luna.

La mostra è accompagnata da un catalogo a cura di Maria Masau Dan e Isabella Reale per le edizioni Mazzotta che, oltre a riprodurre a colori tutte le opere in mostra, provenienti in gran parte dai musei di Trieste e di Udine oltre che da molte altre collezioni con importanti inediti, è corredato da ricchi apparati e da saggi di Dino Casagrande, Sara Campaner e Susanna Gregorat oltre che delle due curatrici

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram