Giuseppe Fiducia - Albe disattese. Opere 1988 - 2008 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO NAZIONALE D'ABRUZZO - CASTELLO CINQUECENTESCO ​ Viale Benedetto Croce L'aquila 67100

L'Aquila - dal 27 giugno al 27 luglio 2008

Giuseppe Fiducia - Albe disattese. Opere 1988 - 2008

Giuseppe Fiducia - Albe disattese. Opere 1988 - 2008
Tiro al volo (tecnica mista su carta del 2001)
 [Vedi la foto originale]
MUSEO NAZIONALE D'ABRUZZO - CASTELLO CINQUECENTESCO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Benedetto Croce (67100)
+39 0862633229
spsadaq@arti.beniculturali.it
www.museonazionaleabruzzo.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’arte di Giuseppe Fiducia si muove tra due poli psicologici : quello di un intenso e singolarissimo vitalismo cromatico e quello di una sottile malinconia
orario: dal martedì alla domenica, dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.30. Lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 27 giugno 2008.
editore: MAZZOTTA
patrocini: Provincia e Comune dell’Aquila
email: g.fiducia@tiscali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Venerdì 27 giugno 2008, presso il Castello Cinquecentesco dell’Aquila, s’inaugura una grandemostra del pittore Giuseppe Fiducia (nato ad Anversa degli Abruzzi, L’Aquila, nel 1952), spesso segnalato dalla critica come uno dei più interessanti artisti italiani della suagenerazione. La mostra, dal titolo GIUSEPPE FIDUCIA : ALBE DISATTESE. Opere 1988-2008, comprenderà 80 opere, realizzate appunto tra il 1988 e il 2008, e sarà visitabile fino al 31agosto 2008. Promosso dalla Presidenza della Giunta Regionale d’Abruzzo, con la collaborazione della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Abruzzo, della Sovrintendenza al Patrimonio Storico, Artistico ed Etno-antropologico dell’Abruzzo, con il Patrocinio della Provincia dell’Aquila e del Comune dell’Aquila, e la consulenza organizzativa dell’Associazione Culturale “Angelo Ribelle” dell’Aquila, l’evento espositivo sarà documentatoda un catalogo edito da MAZZOTTA, con testi di Ottaviano Del Turco, Anna Imponente, Enrico Crispolti e Silvia Pegoraro, curatrice della mostra. La mostra resterà aperta dal martedì alla domenica, dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.30. Lunedì chiuso. GIUSEPPE FIDUCIA, che attualmente vive e lavora a Pescara, ha esordito nell’ambito della mostra Condizioni di ricerca 1972 (Roma, Galleria Due Mondi, 1972), partecipando successivamente ad importanti rassegne, come Alternative Attuali/ Abruzzo 1987, curata da Enrico Crispolti e tenutasi proprio al Castello Cinquecentesco dell’Aquila (1987). Il critico Mario De Micheli, in occasione di una personale milanese di Fiducia nel 1982 , poneva al centro della sua arte “la tematica della modernità in un mondo che non cessa d'avere radici in un retroterra arcaico”, riferendosi anche alla contestualità sociologica della sua collocazione geo-culturale in terra d'Abruzzo. La sua pittura a olio su tela, di straordinaria perizia tecnica, è estremamente originale per la sua doppia natura: da un lato, si nutre della più nobile tradizione pittorica italiana, soprattutto quella del Cinquecento manierista, dall’altro presenta una forte ascendenza fumettistica, come scrive Crispolti nel suo testo in catalogo: “Non dimentichiamo infatti che Fiducia è stato vicino a Andrea Pazienza, e lo è a Tanino Liberatore, dunque ad un ambito molto avanzato, innovativo e vividamente spericolato del fumetto e dell'illustrazione. E del resto il fumetto stesso Fiducia ha praticato con esiti che hanno avuto fortuna anche fuori d'Italia”. L’arte di Giuseppe Fiducia si muove tra due poli psicologici : quello di un intenso e singolarissimo vitalismo cromatico e quello di una sottile malinconia (proprio Melanconia s’intitola un suo splendido
--------------------------------------------------------------------------------
Page 2
dipinto del ’95). Due poli che l’artista ha saputo unire efficacemente, creando un’irripetibile simbiosi di “reale” e “fantastico”. Le cromie acide e i silenzi irreali in cui sono immersi figure ed oggetti nei suoi dipinti producono un irripetibile effetto di straniamento, che rende unica la sua figurazione. E’ una narrazione per immagini, quella di Fiducia, secondo uno stile unico e immediatamente riconoscibile, che fonde le suggestioni del Manierismo di Rosso Fiorentino, Pontormo, Bronzino, con l’esacerbata, tagliente eleganza della grafica Jugendstil e Déco (Beardsley), e con l’immediatezzaaggressiva dell’iconografia Pop, del fumetto e dello story-board. A partire dal radicalismo critico e dall’impegno socio-politico degli anni ’70, questo artista ha tracciato un suo percorso alieno da ogni snobismo, come da ogni intellettualismo di posa: Fiducia incarna la figura di un artista che esce dalla sua torre d’avorio e scende in campo, entrando in stretto rapporto, seppur dialettico e contrastato, con quel reale che poi supera e trascende, guidandoci in un mondo che travalica la contingenza fenomenica e la realtà sociale. Nel corso degli anni ’80 e ‘90 si è andata rafforzando la vocazione narrativa della sua pittura, che si è fatta così sempre più ansia di racconto, inarrestabile flusso di memorie e di sogni, architettura difiabe e di incubi del moderno. Crispolti ha evidenziato, nelle opere di Fiducia a partire dagli anni ’90, “meno espressionismo d'un tempo” , e invece “più metafisica, più lucidità di visione, in una contestualità non più urlata”. Superata “la dimensione sociologica iniziale”, Fiducia è via via pervenuto a “una dimensione di valenza onirico-immaginativa”, a “situazioni che spaziano dal reale possibile all'irrealtà onirica”. E tutto ciò “Per dare figura tuttavia nuovamente, ma in modo più sottilmente inquietante, ad uno spaesamento che sembra essere oggi d'ogni possibile orizzonte, e non più soltanto di situazioni di comportamento”.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram