Gianni Cestari - Lettere da Stellata 3061 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/04/2019
Whisky e arte a go go, nella nuova distilleria di Bob Dylan
18/04/2019
Cannes 2019: ecco tutti i film in concorso alla 72esima edizione del Festival
18/04/2019
Weekend romantico nella Maison Blu di Monet a Giverny
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ROCCA POSSENTE ​ Via Comunale Per Stellata Bondeno 44012

Bondeno (FE) - dal 5 settembre al 12 ottobre 2008

Gianni Cestari - Lettere da Stellata

Gianni Cestari - Lettere da Stellata
ROCCA POSSENTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Comunale Per Stellata (44012)
www1.comune.bondeno.fe.it/rocca.htm
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Esposizione di pittura e disegni
vernissage: 5 settembre 2008. ore 21.30
catalogo: presentazione di Paul Bright.
autori: Gianni Cestari
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Le stelle sono entità complicate. Semplici da osservare in un primo momento: per rappresentarle disegniamo una semplice figura con le punte. Ma in una notte limpida e senza luna, quando guardandole il loro numero sembra essere infinito, (magari vicino al mare, dove ci sono poche persone e scarsi sono i segni della loro presenza), molte delle più luminose sono pianeti o, raramente, comete. Alcune si sono estinte ma la loro luce, con un ritardo di millenni, arriva a noi ora. Luce emessa dalla propria origine come un inimmaginabile lungo dardo, improvviso ma limitato; luce così antica e tuttavia così presente.

Anche il Po è antico ma molto più lento. Molto, molto tempo fa i suoi sedimenti formarono quella parte in alto a destra del continente che in seguito sarebbe diventato l’Africa. Il Po ora serpeggia con le sue acque in Emilia Romagna come una imprevedibile cometa che infine si tuffa nell’Adriatico. Noi sappiamo ciò che gli antichi non sapevano. In tutta la loro luminosità le comete sono insiemi di ghiaccio e sabbia in disintegrazione. La scienza ci ha privato delle illusioni poetiche ma ci ha rivelato la loro alchimia. Gianni Cestari mi ha detto che il Po, come una cometa, ha poche pietre in questo punto. Le sue acque scorrono su sabbia fine e terra. Ma dall’alto, all’altitudine di un aereo o alla distanza di un satellite, le sponde sabbiose del Po luccicano, in modo intermittente, nelle insenature dove l’acqua non preme.

La Rocca di Stellata veglia sulle acque scintillanti del Po da tempi recenti, se rapportati al fiume o agli anni-luce. Mentre la Valle Padana costituiva un’antica frontiera geologica, così la Rocca costituiva il punto più ad ovest di Ferrara. Acquattata e caparbia, ha fatto da sentinella. Il Rinaldo dell’Ariosto nota Stellata nel suo viaggio lungo il Po per raggiungere Ferrara: già stelle nei suoi occhi.

I lavori di Gianni Cestari che occuperanno per un breve periodo la Rocca di Stellata iniziano pacati e calmi, nelle parti più profonde, con brevi testi poetici di Graziano Campanini, relativi a riflessioni e sentimenti notturni e alle acque che scorrono vicine. Schermi video, punteggianti pannelli che sorreggono i libri, (visibili attraverso aperture verticali simili a feritoie per arcieri), mostrano dei piccioni: ignari ma inconsapevoli corrieri di questi messaggi. Cestari ha indicato una colonna, una struttura ripresa ad ogni livello dell’edificio, che si innalza centrale in tutta la sua solidità come un camino. In cima ci sono i piccioni fra frammenti scintillanti: luce e tempo incastonati che irradiano emivite di colore. Questo livello comunica con quello sotterraneo attraverso il piano centrale, dove sono presenti i quadri di Cestari su quadranti con richiami primordiali: evocazioni di uno spazio fluido e cromatico, sia acqueo che stellare.


Paul Bright

Assistant Director, Hanes Art Gallery, Wake Forest University, North Carolina, USA

agosto 2008





traduzione dall’inglese di Lucia Rossi
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram