Fra' Galgario - La ritrattistica della realtà nel '700. Opere dall'Accademia Carrara e dal... 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
25/05/2019
Massimo Osanna riconfermato alla guida del Parco Archeologico di Pompei
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CIVICO MUSEO D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA - CASTELLO DI MASNAGO ​ Via Monguelfo Varese 21100

Varese - dal 12 settembre 2008 all'undici gennaio 2009

Fra' Galgario - La ritrattistica della realtà nel '700. Opere dall'Accademia Carrara e dalla Collezione Koelliker
[leggi la recensione]

Fra' Galgario - La ritrattistica della realtà nel '700. Opere dall'Accademia Carrara e dalla Collezione Koelliker
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
CIVICO MUSEO D'ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA - CASTELLO DI MASNAGO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Monguelfo (21100)
+39 0332 820409
musei.masnago@comune.varese.it
www.museidivarese.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Da due grandissime collezioni, famose in tutto il mondo, una pubblica e una privata, nasce quindi questa mostra che raccoglie 65 dipinti di straordinaria importanza, realizzati da Fra' Galgario ma anche da artisti con cui egli intrattenne a Bergamo rapporti sia di apprendistato che di lavoro
orario: da martedì a domenica: 10-12.30/14.30 - 18.30. Terzo sabato di ogni mese: chiusura posticipata alle ore 22.00
Chiuso: lunedì, 1° novembre e 25 dicembre 2008, 1° gennaio 2009
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Euro 4,00; ridotti: Euro** 3,00, Euro* 1,00
L'ingresso ai Musei è gratuito per i bambini fino a 6 anni di età
**ridotti: da 6 a 18 anni / oltre 60 anni / gruppi di almeno 10 persone / convenzioni (Carta Amico Treno, Touring Club Italiano, Associazione Castelli e Ville in Lombardia, Associazione Albergatori, Fondo Ambiente Italiano, US Card)
*ridotti: Varese Corsi - Scuole, tessera card mondiali
vernissage: 12 settembre 2008. ore 18.30
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: ufficiostampa@comune.varese.it
curatori: Francesco Rossi, Giovanni Valagussa
autori: Paolo Maria Bonomino, Gian Battista Cesareni, Antonio Cifrondi, Cesare Femi, Fra' Galgario, Pietro Gauldo, Bartolomeo Nazzari, Andrea Torresani
genere: arte antica, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Comune di Varese, in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano e con la Regione Lombardia, con il contributo della Fondazione Banca Popolare di Bergamo, presenta a settembre una grande mostra curata da Francesco Rossi e Giovanni Valagussa, dedicata a “Fra' Galgario la ritrattistica della realtà nel '700”, con opere provenienti dall'Accademia Carrara di Bergamo e dalla Collezione Koelliker di Milano.

Da due grandissime collezioni, famose in tutto il mondo, una pubblica e una privata, nasce quindi questa mostra che raccoglie 65 dipinti di straordinaria importanza, realizzati da Fra' Galgario ma anche da artisti con cui egli intrattenne a Bergamo rapporti sia di apprendistato che di lavoro.

Quasi dimenticato, e certo frainteso, per circa due secoli dalla morte avvenuta a Bergamo nel 1743 (dove era nato) all'età di 88 anni - Vittore Ghislandi detto il Frate di Galgario, recuperò il suo ruolo primario nell'arte italiana del Settecento nel 1952, in occasione della memorabile Mostra milanese dei “Pittori della Realtà”. In essa, Roberto Longhi assegnava al frate bergamasco la condizione di terminale cronologico di una successione di artisti lombardi il cui capofila era stato Vincenzo Foppa, quasi tre secoli avanti. A distanza di cinquant'anni ormai, e vistane la riedizione curata ora da Mina Gregori (2004), non si può che apprezzare la genialità della intuizione critica del Longhi, che va molto al di là della sua sostanziale infondatezza a livello storico.


Percorso mostra

La mostra è divisa in tre sezioni principali. Le prime due, curate da Francesco Rossi, sono dedicate al frate Bergamasco. La prima presenta un excursus nella sua intera opera (Fra' Galgario e i rapporti con Venezia; Fra' Galgario ritrattista a Bergamo; la pittura “con le dita”), mentre la seconda è suddivisa in aree tematiche (L'immagine del gentiluomo; del sacerdote; del ragazzo; dell'artista; Ritratti multipli; Apertura su Milano).

La terza parte (denominata: Fra' Galgario e la ritrattistica a Bergamo nel '700) è curata da Giovanni Valagussa e presenta opere di artisti discepoli o collaboratori di Ghislandi (Paolo Maria Bonomino, Pietro Gauldo, Bartolomeo Nazzari, Gian Battista Cesareni, Antonio Cifrondi, Cesare Femi, Andrea Torresani).

Grazie ai prestiti concessi dalla Accademia Carrara, la mostra offrirà ai visitatori alcuni ritratti particolarmente significativi, quali quelli di Gerolamo Secco Suardo, Elisabetta Piovano Ghiotti, Francesca Maria Bruntino, Beltrame Daina Valsecchi. Dalla Collezione Koelliker, tra le più ampie raccolte private al mondo, si potranno invece ammirare Ritratto di gentiluomo, Ritratto di Prelato, Ritratto di Fanciullo con bolle di sapone.

Il catalogo edito da Mazzotta riproduce a colori tutte le opere in mostra. Contiene testi critici dei curatori e le presentazione del sindaco di Varese Attilio Fontana e del presindente della Fondazione Banca Popolare di Bergamo Emilio Zanetti.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram