Camera con vista. Uno sguardo sulla videoarte a Napoli 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
12/12/2018
Kant nostro contemporaneo. A Villa Mirafiori, si celebra il pensiero di Emilio Garroni
12/12/2018
Nuditas. Da Maxima Gallery, le anatomie contemporanee di Lady Tarin e Roberto Kusterle
12/12/2018
Il cane, maestro di vita e di arte. Se ne parlerà a Palazzo Grassi
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA ​ Via Dei Mille 60 Napoli 80121

Napoli - dal 27 settembre al 17 novembre 2008

Camera con vista. Uno sguardo sulla videoarte a Napoli
[leggi la recensione]

Camera con vista. Uno sguardo sulla videoarte a Napoli
[leggi la recensione]

 [Vedi la foto originale]
PAN - PALAZZO DELLE ARTI NAPOLI - PALAZZO ROCCELLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Mille 60 (80121)
+39 0817958600
pan@comune.napoli.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Camera con vista nasce come una ricognizione, uno sguardo più che una indagine, senza pretesa di esaustività, sugli artisti napoletani che utilizzano il video sia come medium privilegiato che come una delle possibili vie di elaborazione in termini estetici della realtà.
vernissage: 27 settembre 2008. ore 19
editore: ELECTA NAPOLI
curatori: Adriana Rispoli, Eugenio Viola
autori: Bianco-Valente, Betty Bee, Giovanni Calemma, Sebastiano Deva, Donatella Di Cicco, Maurizio Elettrico, Iabo, Francesco Jodice, Mariangela Levita, Mara M, Mass, Antonello Matarazzo, Moio&Sivelli, Raffaella Nappo, Pasquale Pennacchio & Marisa Argentato, Giulia Piscitelli, Franco Scognamiglio, Lorenzo Scotto di Luzio, Marinella Senatore, Vedovamazzei
note: Camera con vista inaugura le attività della nuova video-room del PAN Palazzo delle Arti Napoli.
genere: arte contemporanea, giovane arte, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
CAMERA CON VISTA
Uno sguardo sulla videoarte a Napoli
a cura di Adriana Rispoli / Eugenio Viola
supervisione artistica di Julia Draganovic

27.09. - 17.11.2008
Betty Bee, Bianco-Valente e Mass, Sebastiano Deva, Donatella Di Cicco, Maurizio Elettrico, Iabo, Francesco Jodice, Giovanni Calemma / Mariangela Levita, Mara M, Antonello Matarazzo, Moio&Sivelli, Raffaella Nappo, Pasquale Pennacchio & Marisa Argentato, Giulia Piscitelli, Franco Scognamiglio, Lorenzo Scotto di Luzio, Marinella Senatore, Vedovamazzei
24.11. - 8. 12.2008
Guido Acampa: Ramp


Sabato 27 settembre alle ore 19 inaugura nella Sala PAN la rassegna Camera con Vista, a cura di Adriana Rispoli ed Eugenio Viola.
Diverse, negli anni passati, le mostre organizzate a Napoli sugli artisti o più in generale sul sistema dell’arte che ruota intorno alla città. Camera con vista è tuttavia la prima occasione espositiva, in uno spazio pubblico cittadino, che ha per protagonisti artisti napoletani e/o operanti a Napoli, incentrata sull’utilizzo di un medium specifico: il video.
Camera con vista nasce come una ricognizione, uno sguardo più che una indagine, senza pretesa di esaustività, sugli artisti napoletani che utilizzano il video sia come medium privilegiato che come una delle possibili vie di elaborazione in termini estetici della realtà.
Estremamente duttile e variamente declinato per contenuti e tecniche, il video oggi non può essere più considerato un linguaggio d’avanguardia, ma la naturale evoluzione dei media tradizionali. Lo sviluppo del digitale applicato al video ha causato negli ultimi dieci anni notevoli cambiamenti, portando materiali e supporti a sconfinamenti necessari ed evidenti da un campo di applicazione all’altro. Questo punto di vista ha influenzato la scelta dei materiali selezionati, che includono lavori sia di artisti già inseriti nel circuito nazionale e internazionale che emergenti.
Camera con vista adotta la logica espositiva della sala cinematografica, proponendo l’esperienza di una visione concentrata, di un approccio esperito per “immersione”. Il titolo, preso in prestito dal celebre film di James Ivory, e tratto dall’omonimo romanzo di E.M.Forster, se da un lato allude alle potenzialità immaginifiche dello schermo, dall’altro sottolinea la volontà del PAN di osmosi con la città e annuncia l’apertura di una “finestra” sull’esterno: una “camera con vista” tecnologica che con un ironico voyeurismo si apre sulla rassegna che si svolge all’interno della struttura.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram