Roberto Ciaccio - Le Son des Ténèbres 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ISTITUTO CENTRALE PER LA GRAFICA - PALAZZO POLI ​ Via Poli 54 Roma 00187

Roma - dal 14 novembre al 14 dicembre 2008

Roberto Ciaccio - Le Son des Ténèbres

Roberto Ciaccio - Le Son des Ténèbres

 [Vedi la foto originale]
ISTITUTO CENTRALE PER LA GRAFICA - PALAZZO POLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Poli 54 (00187)
+39 0669980242
www.grafica.arti.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione presenta un corpus di opere nate da una straordinaria consonanza spirituale con lo stampatore Giorgio Upiglio di Milano e in un dialogo costante e serrato con la filosofia e con la musica
orario: 10 – 19 chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 novembre 2008.
editore: MAZZOTTA
curatori: Remo Bodei
autori: Roberto Ciaccio
telefono evento: +39 0669980242
genere: arte contemporanea, personale, disegno e grafica
email: mghio@beniculturali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
R O B E R T O C I A C C I O Le Son des Ténèbres Opere 1990 – 2008 Roma, Palazzo Poli 14 novembre – 14 dicembre 2008 Anteprima per stampa e televisioni, alla presenza dell’artista venerdì 14 dicembre ore 17.00 L’Istituto Nazionale per la Grafica di Roma nella sua prestigiosa sede di Palazzo Poli (Fontana di Trevi) ospiterà a partire dal 14 novembre 2008 una vasta esposizione monografica dell’opera di Roberto Ciaccio proveniente dal Kupferstichkabinett dei Musei Statali di Berlino e curata dal filosofo Remo Bodei, docente alla Ucla – University of California Los Angeles - e Direttore scientifico del Festival Internazionale della Filosofia di Modena. L’esposizione presenta un corpus di opere (1990-2008) nate da una straordinaria consonanza spirituale con lo stampatore Giorgio Upiglio di Milano, a cui l’Istituto Nazionale per la Grafica ha recentemente reso omaggio, e in un dialogo costante e serrato con la filosofia ( Martin Heidegger, Jacques Derrida, Remo Bodei ) e con la musica, da cui trae origine l’opera Leçons de Ténèbres/Le Son des Ténèbres. Revenants che in questa sede per la prima volta viene presentata. La mostra costituisce un momento ulteriore e complementare rispetto a quella tenutasi al Kupferstichkabinett. Se a Berlino l’opera di Roberto Ciaccio veniva interpretata secondo una prospettiva prevalentemente filosofica ( si è tenuto in quella sede un convegno Arte-Filosofia dal titolo “Matrici di Tempo”) l’esposizione romana indagherà invece i molteplici legami dell’opera di Roberto Ciaccio con la musica. Verrà infatti presentata nel cuore di questa esposizione l’opera Leçons de Ténèbres/Le Son des Ténèbres . Revenants dedicata a Jacques Derrida, opera che alla musica si rivolge e con la musica condivide spazi di suggestione espressiva e poetica. L’opera ha ispirato due partiture musicali per pianoforte - una di Philip Corner e l’altra di Daniele Lombardi – che in prima assoluta verranno eseguite in occasione della inaugurazione della mostra. – venerdì 14 e sabato 15 novembre – eseguite direttamente dagli autori. Antonio Ballista eseguirà invece brani scelti per la loro assonanza con le opere esposte e linguisticamente vicini alla poetica dell’artista. Accanto all’artista e ai musicisti interverrà il filosofo Remo Bodei, e Bruno Corà.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram