Lucy+Jorge Orta - 70x7 The Meal Atto XXIX 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva REGGIA ​ Piazza Della Repubblica 4 Venaria Reale 10078

Venaria Reale (TO) - gio 30 ottobre 2008

Lucy+Jorge Orta - 70x7 The Meal Atto XXIX

Lucy+Jorge Orta - 70x7 The Meal Atto XXIX
REGGIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Della Repubblica 4 (10078)
+39 0114992333 , +39 0114597805 (fax)
info@lavenaria.it
www.lavenaria.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Arte, cibo e impegno umanitario sono le componenti del 29esimo atto di 70x7 The Meal, la cena-performance per 150 invitati che gli artisti Lucy+Jorge Orta hanno realizzato dal 1997 in numerose città in tutto il mondo. Il progetto consiste in una cena in una unica tavolata con piatti prodotti appositamente da Limoges: per questa occasione sarà prodotta una nuova serie di piatti con un disegno realizzato dagli Orta stessi.
vernissage: 30 ottobre 2008.
ufficio stampa: XSLEEK
curatori: Maria Perosino, Bartolomeo Pietromarchi
autori: Lucy + Jorge Orta
patrocini: Regione Piemonte e Consorzio Venaria Reale
telefono evento: +39 3336535410
note: In collaborazione con: Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus e Galleria Continua. Organizzazione: The Family Events (Gruppo The Family)
genere: arte contemporanea, performance - happening, serata - evento
email: barbara.papuzzi@gmail.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
GIOVEDÌ 30 OTTOBRE 2008, A LA VENARIA REALE DI TORINO
IL XXIX ATTO DI 70X7 THE MEAL
PROGETTO DI LUCY+JORGE ORTA
UNA CENA, UNA PERFORMANCE, UN’ISTALLAZIONE E UN INVITO ALLA RIFLESSIONE.



The Meal atto XXIX a La Venaria Reale nasce da una iniziativa di The Family Events e rappresenta un naturale prosieguo nel percorso di collaborazione tra la casa di produzione di eventi culturali The Family e gli artisti Lucy+Jorge Orta , iniziato già nella scorsa primavera con la grande retrospettiva Antarctica presso l’ Hangar Bicocca Spazio d’Arte Contemporanea a Milano.

All’importante appuntamento che Lucy e Jorge Orta realizzano dal 1997 in numerose città in tutto il mondo, coniugando arte, cibo ed impegno umanitario, saranno invitate a partecipare 150 persone.

L’iniziativa, patrocinata dalla Regione Piemonte e dal Consorzio Venaria Reale, realizzata in collaborazione con la Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus e con Galleria Continua, è curata da Maria Perosino e Bartolomeo Pietromarchi ed ha per tema la biodiversità alimentare con l’obiettivo di sostenere il progetto Cooperativa Cauqueva (Cooperativa Agropecuaria y Artesanal Union Quebrada y Valles) per la salvaguardia della produzione delle preziose patate andine, risorsa alimentare ed economica fondamentale per la popolazione argentina.

E’ proprio traendo ispirazione da questo importante progetto che Lucy+Jorge Orta hanno disegnato un piatto da collezione, prodotto in serie limitata da Royale Limoges, dedicato ad una pietanza tra le più semplici ed universali, presente da sempre in tutte le cucine del mondo: la zuppa. “Gira tutto intorno alla zuppa – raccontano gli artisti– tutte le zuppe del mondo dai paesi più poveri a quelli più ricchi, con diversa origine e diversi colori: zuppa verde di legumi, zuppa nera di fagioli, zuppa rossa di pomodoro, zuppa arancione di zucca, zuppa bianca di aglio o di cipolla”.

Per la realizzazione del menù, lo chef Alfredo Russo, del ristorante Dolce Stil Novo a la Venaria Reale, ha tratto ispirazione proprio dal disegno del piatto : “In occasione della cena a la Venaria Reale la zuppa è filo conduttore: un piatto sostenibile che accomuna i popoli e le culture di tutti i continenti. Per le mie zuppe, dal primo al dessert, utilizzerò materie prime cosiddette ‘povere’- anche se io preferisco definirle ‘democratiche’ – come la patata e i legumi, per dare, anche dal punto di vista culinario, un contributo coerente al tema della serata”.













GLI ARTISTI
Lucy e Jorge Orta sono una coppia di artisti anglo-argentini che lavorano insieme dal 1991, anno in cui fondano lo Studio Orta in un un ex-edificio industriale, nel villaggio di Saint Siméon, sulle sponde del fiume Grand Morin, a cinquanta chilometri da Parigi.
Il loro lavoro, conosciuto ed esposto da tempo in tutto il mondo, spazia tra arte, architettura e design. Attraverso tecniche diverse - dalla scultura all’installazione, dagli oggetti ai disegni, dalla performance alle strategie di comunicazione - affrontano tematiche dell’attualità contemporanea: la comunità e la coesione sociale, il nomadismo e la mobilità, lo sviluppo sostenibile e l’ecologia. Tra i loro progetti-chiave ricordiamo Refuge Wear e Body Architecture: la costruzione di micro ambienti che mescolano architettura e abbigliamento; HortaRecycling sulla catena alimentare in contesti globali e locali; Nexus Architecture sui metodi alternativi per ricreare il legame sociale; The Gift -Life Nexus: la metafora del cuore sul tema dell’etica biomedica delle donazioni di organi; e OrtaWater: dalla generale scarsità di questa risorsa naturale per via dell’inquinamento a un controllo sociale per ottenere acqua pulita. Lucy e Jorge Orta credono fermamente che la disciplina creativa debba dibattere e ripensare i principi tradizionali delle strutture sociali e introdurre nuove idee attinenti all’impegno di ciascun individuo per il miglioramento delle condizioni del pianeta, alla pianificazione urbanistica, alla trasmissione di valori culturali, politici, ecologici. Per questo la sede del loro studio è diventato una sorta di Think Tank internazionale dove artisti, docenti universitari, studenti provenienti da tutto il mondo, sviluppano i temi cruciali della nostra società in seminari ed incontri che confluiscono poi nei loro progetti. La scorsa primavera una grande retrospettiva in Italia all’Hangar Bicocca Spazio d’arte contemporanea dal titolo Antarctica, ha presentato al pubblico italiano una importante selezione di lavori, tra cui i più recenti, frutto della spedizione in Antartide fatta nel 2007 in occasione della prima bienal al fin del mundo in Argentina.

70x7 THE MEAL
Nel linguaggio biblico, 70x7 è simbolo di infinito. Sette persone, con i loro sette ospiti, partecipano a una cena che si svolge all’interno di una sorprendente istallazione ideata dagli artisti. Un rito antico come quello del mangiare convivialmente è trasformato dagli artisti in un’occasione di confronto tra persone che appartengono a culture diverse.
Tra le opere più conosciute degli Orta, il progetto 70x7 The Meal, che giunge ora alla sua 27esima edizione, consiste in una cena/performance di un numero di persone di volta in volta variabile, in una unica tavolata con piatti prodotti appositamente da Limoges (famosa fabbrica di porcellana francese) su disegni di artisti di fama internazionale: per questa occasione sarà prodotta una nuova serie di piatti con un disegno appositamente realizzato dagli Orta stessi.
Alla cena vengono invitate persone molto in vista dal mondo della cultura, finanza/economia, media, politica, per affrontare una tematica di ‘emergenza’ che in questa occasione sarà quella della biodiversità alimentare, con un progetto in collaborazione con Slow Food.
Questi temi saranno oggetto di una performance che si svolgerà nel corso della cena.
Alla fine del tavolo stesso, chiude la performance una composizione di cibi biologici che gli artisti distribuiranno in sacchetti sigillati e firmati.

Per la realizzazione di The Meal, Lucy e Jorge Orta hanno richiamato alla memoria Padre Rafael Garcia (Colombia 1909 – 1990) che inaugurò una serie di banchetti benefici per sostenere un programma di sviluppo sociale chiamato El minuto de Dios, che consisteva nella costruzione di scuole e spazi culturali – teatro, università, musei – oltre che al sostegno per la formazione di piccole aziende in uno dei distretti più depressi di Bogotà. L’iniziativa ebbe così successo che padre Rafael riuscì a costruire un intero quartiere completo di università e museo d’arte contemporanea.
L’opera di Padre Rafael Garcia dimostra quale ruolo può svolgere la cultura e la formazione nello sviluppo sociale ed economico.


FONDAZIONE SLOW FOOD PER LA BIODIVERSITA’ ONLUS – Presidio Slow Food delle patate andine della Quebrada de Humauaca (Argentina)

L’associazione internazionale Slow Food, che coinvolge più di 100.000 persone in 153 Paesi di cinque continenti, promuove l’educazione del gusto e si batte per preservare la biodiversità agroalimentare.
La Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus promuove e coordina oltre 300 Presìdi in tutto il mondo.
I Presìdi sono progetti nati per tutelare i piccoli produttori e per salvare i prodotti artigianali di qualità. Il loro obiettivo è garantire un futuro alle comunità locali: organizzando i produttori, promuovendo e valorizzando i loro territori unici, ma spesso marginali.
In questa occasione la Fondazione Slow Food sposa il progetto dei due artisti per sostenere il Presidio delle patate andine della Quebrada de Humauaca e tutelare i suoi produttori, riuniti nella Cooperativa Cauqueva (Cooperativa Agropecuaria y Artesanal Union Quebrada y Valles).
La Quebrada de Humahuaca si trova al centro della provincia di Jujuy, in prossimità del confine settentrionale argentino. Attraversata dal Rio Grande, questa regione va dai 1800 ai 3.800 metri sul livello del mare. La sua ricchezza di ecosistemi ha consentito lo sviluppo di numerose specie e varietà vegetali, selezionate e salvaguardate dal paziente lavoro delle popolazioni locali. È il caso di molte varietà di patate e di mais, ma anche della kiwicha, della quinoa, della oca e della papa lisa, specie dimenticate dal tempo dei conquistadores o addirittura proibite, perché considerate piante sacre dai nativi e dunque indicate dagli occidentali come pericolose fonti di superstizione.
Oggi le colture andine rappresentano una risorsa inestimabile: come patrimonio genetico, ma anche per le potenzialità economiche.
Nata ufficialmente nel 1996, la cooperativa Cauqueva riunisce 126 piccoli produttori (di patate ma anche di oca, papa lisa e mais). Il suo obiettivo principale è il miglioramento della qualità della vita degli abitanti della Quebrada de Humahuaca, attraverso la commercializzazione dei prodotti, l’assistenza tecnica, il sostegno economico e la formazione dei produttori.



THE FAMILY EVENTS

The Family Events è una struttura specializzata nell’ideazione e nella produzione di eventi. Oltre a sviluppare attività di marketing e comunicazione mettendo in relazione diretta aziende, brand e prodotto con clienti e partner, The Family Events si dedica anche a progetti culturali a committenza diretta costruiti ad hoc per aziende e istituzioni, con la collaborazione di qualificati protagonisti dell’arte e della creatività contemporanea italiana ed internazionale e dei maggiori centri di ricerca, dipartimenti universitari e associazioni del terzo settore.

Alla sua prima partecipazione al ‘European Best Event Awards 2007’, il più importante premio del settore in Europa, The Family Events ha ottenuto un primo e due secondi posti con il progetto Emergenze, un programma di conferenze, mostre, rassegne e progetti d’artista sui temi dell’emergenza umanitaria e sociale.

The Family Events nasce dall’esperienza di The Family, casa di produzione pubblicitarie fra le più importanti in Italia.




Con il patrocinio di: Regione Piemonte, Consorzio Venaria Reale
In collaborazione con: Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus, Galleria Continua
Partner culturali: Hangar Bicocca Spazio per l’Arte Contemporanea, London College of Fashion, University of Arts London, Associazione Arte Giovane, Associazione culturale ARMESprogetti
Con il sostegno di: Lavazza, Rottapharm|Madaus, Residence du Parc, Andrea e Luisa Accornero, Studio Notarile Chianale
A cura di: Maria Perosino, Bartolomeo Pietromarchi

Organizzazione e produzione: The Family Events (Gruppo The Family)

Sponsor tecnici: Franco Martinetti & C., Sogein srl, Edibas

Grafica: Pocko Lab
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram