Salvador Dalì - L'opera grafica 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CENTRO SERVIZI PER LA CULTURA E L'IMPRESA ​ Largo Sandro Pertini 2 Inveruno 20010

Inveruno (MI) - dal 14 novembre 2008 al 6 gennaio 2009

Salvador Dalì - L'opera grafica

Salvador Dalì - L'opera grafica
CENTRO SERVIZI PER LA CULTURA E L'IMPRESA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Largo Sandro Pertini 2 (20010)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La rassegna presenta circa 50 opere grafiche di Dalì, realizzate dal 1928 al 1975, che a volte sono rielaborazioni di altrettanti suoi capolavori, come: Piccole ceneri, (1928), Il grande masturbatore, (1929), Reminiscenza archeologica dell’“Angelus” di Millet, (1934-35).
orario: martedì 20.30-22.30; sabato e domenica 10.30-12.30/15-17.30.
In occasione della Fiera di San Martino, 15, 16, 17 novembre 2008, orario 11-20 Chiuso 25 dicembre 2008 e 1° gennaio 2009. Durante la settimana apertura per le scuole e gruppi su appuntamento (con visite guidate).
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 novembre 2008. ore 18,30
catalogo: con testo di Ilaria Ortolina
editore: MAZZOTTA
autori: Salvador Dalì
patrocini: Regione Lombardia/Assessorato alle Culture, Identità e Autonomie
Provincia di Milano/Assessorato alla cultura, culture e integrazione
note: realizzazione in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano.
genere: personale, disegno e grafica
email: ufficiostampa@mazzotta.it
web: www.comune.inveruno.mi.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Comune di Inveruno dopo il successo, nello scorso autunno, della mostra dedicata alle incisioni di Marc Chagall, presenta quest’anno la rassegna Salvador Dalí - L'opera grafica, organizzata sempre in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta di Milano.
L’esposizione si preannuncia come uno dei principali avvenimenti culturali della città lombarda, sia per la ricchezza dell’esposizione, sia per l’importanza dell’artista catalano.
La rassegna presenta circa 50 opere grafiche di Dalì, realizzate dal 1928 al 1975, che a volte sono rielaborazioni di altrettanti suoi capolavori, come: Piccole ceneri, (1928), Il grande masturbatore, (1929), Reminiscenza archeologica dell’“Angelus” di Millet, (1934-35), Metamorfosi di Narciso (1936-37), Cigni riflessi in elefanti (1937), L’enigma senza fine (1938), Tristano folle (1944), La tentazione di Sant’Antonio (1946), Leda atomica, (1949), le due versioni di La Madonnna di Port Lligat, (1949 e 1950), La Madonna di Port Lligat, (1950), Alla ricerca della quarta dimensione (1979).
Salvador Dalí (Figueras 1904-1989) è universalmente riconosciuto come uno dei più grandi artisti del XX secolo e uno dei principali esponenti del movimento del Surrealismo - fondato nel 1924 da André Breton - nonostante la sua estromissione alla fine degli anni Trenta, in quanto non in linea con le posizioni ideolgiche dei compagni.
Dalì si è sempre considerato l’unico “surrealista integrale” e sicuramente del Surrealismo ne fece una regola di vita. Lungo il suo percorso ha però assimilato tutti gli stimoli del Novecento e a sua volta ha contribuito a definire alcuni dei paradigmi tipici dell’arte contemporanea. Entra a far parte del Surrealismo nel 1929 grazie alla mediazione del conterraneo Miró ed elabora una maniera del tutto personale in cui si fondono gli elementi della sua formazione, la profonda conoscenza della storia dell’arte e la curiosità per i fermenti più innovativi della cultura europea. Sviluppa quindi un suo metodo “paranoico-critico”, che espone nel saggio L’âne Pourri (pubblicato nel 1930 su “Le Surrèalisme au service del la rivolution”), creando opere tematiche di carattere psicoanalitico, con virtuosistici e paradossali accostamenti di immagini e situazioni che immancabilmente suscitano sorpresa e curiosità nell’osservatore.
Poeta, scrittore e uomo di cinema accanto a Buñuel e Hitchcock, oltre che pittore e scultore, Dalí fu anche un grande comunicatore che, alla pari di Andy Warhol e anzi precedendolo di qualche decennio, seppe imporre la propria personalità a livello internazionale grazie all’originalità delle sue teorie e dei suoi atteggiamenti spregiudicati e anticonvenzionali, ben riassunti nel famoso manifesto Mi lucha: “Contro la semplicità, complessità; contro la uniformità, diversificazione; contro il collettivo, l’individuale; contro la politica, la metafisica; contro la rivoluzione, la tradizione; contro la medicina, la magia; contro lo scetticismo, la fede”, ecc.

Main sponsor: National Suisse, Antico Laghetto Fincoin.
Sponsor: Antonio Nito Chiodini, Cerini Enrico Siderurgica Inverunese, Col.En., Zambelli, Elettromeccanica Colombo, San. Cor., Gruppo Ceriani, Mo.Be, Italdenim, Marcora. Media partner: Il Giorno
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram