A.N.G.E.L.I e Tracce d'Infinito aleatori numeri generano emissari leggeri in(di)visibili 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION ​ Via Ur Strdón 11 Cademario 6936

Cademario () - dal 14 novembre al 21 dicembre 2008

A.N.G.E.L.I e Tracce d'Infinito
aleatori numeri generano emissari leggeri in(di)visibili

A.N.G.E.L.I e Tracce d'Infinito - aleatori numeri generano emissari leggeri in(di)visibili
NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ur Strdón 11 (6936)
+41 0919118809
info@nellimya-exhibition.ch
www.nellimya-exhibition.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Durante il periodo espositivo - 15 novembre / 21 dicembre 2008 – il Salotto Culturale della Gallery curato dall’Associazione OlosNOProfit propone ogni giovedì sera incontri al confine: arte-scienza, cinema-videoart, poesia-letteratura, performance-teatro. Calendario eventi sul sito www.myalurgo.com
orario: lu. mer. ve. 10 - 12:30 / 15 - 19
ma. gio. 15 - 21
sa. 10 - 13
Festivi su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 14 novembre 2008. 18:30
catalogo: in galleria. a cura di Mya_Lurgo_Gallery
autori: Olga Cabezas, Jean-Pierre Landau, Tamara Landau, Mya Lurgo, Alessandro Perini, Piera Pizzelli, Tiziana Priori, Tobia Ravà
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Gli artisti che partecipano a questa mostra si confrontano con le tematiche espresse dal Manifesto dell’Acentrismo - corrente artistica costituita da Mya Lurgo nel 2007 - proponendo la loro personale visione in un dialogo aperto e costruttivo.

estratto dalla presentazione critica di cristina trivellin:


(…) L’imprinting catalizzante di Mya Lurgo nel suggerire il filo conduttore della mostra, mette in luce sin dal titolo l’alternanza e il conflitto ragione-emozione racchiuso in esso: l’acronimo A.N.G.E.L.I. rappresenta la parte razionale e speculativa, in antitesi alla parola Angeli, la cui sola evocazione rimanda a ricordi infantili, a quel bisogno dell’essere di percepirsi custodito, vegliato, amato, alla paura di essere soli. L’Angelo, essere alato e asessuato, vola sopra i mali del mondo e da sempre rappresenta nel nostro immaginario una figura sospesa tra umano e divino, soave connessione tra terra e cielo. Come il mitologico Hermes, messaggero degli dei, ci permette di entrare in contatto con essi. Ma fuori dai demoni infantili, dalle credenze e raffiugurazioni religiose, fuori e oltre le dicotomie bene-male, angelico-diabolico, c’è l’Arte. Perché l’arte, se non fosse superamento, ne è certamente tentativo, impulso. Se Rilke non osa dire che siamo della stessa sostanza ma che c’è in loro, un po’ come per sbaglio un po’ di essere nostro, non sarà peccato osare e ribaltare la frase dicendo che in ognuno di noi c’è una parte di angelo, una porzione di infinito che conteniamo e che ci permette di riappropriarci della nostra forza vitale, di quell’energia cosmica di cui ogni essere, animato o inanimato, partecipa (…)
Così, percorrendo questa mostra dal titolo insolito entriamo nella dimensione di ascolto sinestetico, di come gli artisti vedono e esprimono, attraverso linguaggi e poetiche eterogenee, il loro trovarsi in quel fluire (…)
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram