Caravaggio ospita Caravaggio 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA DI BRERA ​ Via Brera 28 Milano 20121

Milano - dal 16 gennaio al 29 marzo 2009

Caravaggio ospita Caravaggio

Caravaggio ospita Caravaggio
Cena in Emmaus
 [Vedi la foto originale]
PINACOTECA DI BRERA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Brera 28 (20121)
+39 02722631 , +39 0272001140 (fax)
brera.artimi@arti.beniculturali.it
www.brera.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una mostra che mette a confronto quattro capolavori di Caravaggio: Il ragazzo con canestro di frutta della Galleria Borghese, i Musici del Metropolitan Museum di New York, la versione della Cena in Emmaus oggi alla National Gallery di Londra e la Cena in Emmaus della Pinacoteca. Un modo per rendere un duplice omaggio al genio del grande maestro del Seicento e alla storia di Brera.
orario: 8.30 -19.15 da martedì a domenica
(la biglietteria chiude 45 minuti prima)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: € 10,00 intero
€ 7,50 ridotto: per cittadini dell'UE e dello SEE di età compresa tra i 18 ed i 25 anni e docenti delle scuole statali dell'UE e dello SEE.
vernissage: 16 gennaio 2009. ore 19,30
editore: ELECTA
ufficio stampa: ELECTA, CIVITA
curatori: Mina Gregori, Amalia Pacia
autori: Michelangelo Merisi
patrocini: Sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Soprintendenza per il patrimonio storico artistico ed etnoantropologico per le province di Milano Bergamo Como Lecco Lodi Pavia Sondrio Varese
telefono evento: +39 0272263204
note: Sala XV. Evento inaugurale per le celebrazioni del Bicentenario. Conferenza stampa venerdi 16 gennaio 2009, ore 11.30, Sala della Passione
genere: arte antica, personale
email: mgargiulo@arti.beniculturali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Pinacoteca di Brera apre le celebrazioni del bicentenario con una mostra presentata nella sala XV dedicata alla celebre Cena in Emmaus di Caravaggio, giunta ad arricchire le collezioni del museo nel 1939, grazie anche al contributo dell’Associazione Amici di Brera e dei Musei Milanesi. L’opera, realizzata nei pressi di Roma intorno al 1606, è messa eccezionalmente a confronto con l’altra versione dello stesso tema, eseguita dal pittore nel 1601 e concessa in prestito dalla National Gallery di Londra.
La prima Cena, commissionata da Ciriaco Mattei, appare debitrice della tradizione pittorica lombarda del Cinquecento. Attorno ad una tavola imbandita, alla presenza di un oste, Cristo spezza il pane e col gesto benedicente si rivela ai due attoniti pellegrini di Emmaus. La luce fortemente convergente, evidenzia in modo uniforme lo spazio prospettico e le azioni, e dà risalto alla realistica natura morta, carica peraltro di valenze allegoriche e significati eucaristici e salvifici.
La versione della Pinacoteca di Brera della Cena in Emmaus, presente dal 1624 nella collezione del principe Patrizi di Roma, è dipinta da Caravaggio circa quattro anni dopo la Cena di Londra, quando l’artista si rifugia nel feudo laziale di Marzio Colonna, subito dopo l’omicidio di Ranuccio Tomassoni il 28 maggio 1606. L’artista sceglie di ritrarre un momento immediatamente successivo a quello rappresentato nella versione Mattei: il pane è già stato spezzato e Gesù benedice i discepoli congedandoli. In questa scena più essenziale e immersa nel buio, l’unica fonte di luce, fortemente laterale, sottolinea in maniera selettiva e puntuale l’intensità dei gesti, più semplici e naturali, e le espressioni concentrate degli astanti, rivelando un cambiamento di linguaggio che caratterizzerà tutte le opere seguenti.

Accompagnano la presentazione affiancata delle due Cene altri due dipinti appartenenti alla fase giovanile del maestro lombardo, il Concerto e il Ragazzo con canestro di frutta, concessi in prestito rispettivamente dal Metropolitan Museum di New York e dalla Galleria Borghese di Roma, che hanno inteso in questo modo partecipare alle celebrazioni braidensi.
Il Giovane con canestro di frutta è appartenuto a Giuseppe Cesari, detto Cavalier d’Arpino, pittore presso la cui bottega Caravaggio lavora appena arrivato a Roma. Ma già nel 1607, a seguito del sequestro dei suoi beni, l’opera entra a far parte delle collezioni del cardinale Scipione Borghese. Nel dipinto, realizzato tra il 1593 e il 1594 presso la bottega del D’Arpino, un giovane a mezza figura regge una bellissima natura morta, riprodotta con straordinaria aderenza alla realtà, che anticipa la celebre Canestra di frutta, oggi alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano.
Il Concerto del museo newyorchese è una delle prime opere eseguite a Roma dal giovane artista per il cardinale Francesco Maria Del Monte, citata persino dal suo rivale Giovanni Baglione come “una musica di alcuni giovani ritratti dal naturale” dipinta “assai bene”. La tela subisce molti passaggi di proprietà già nel Seicento fino a essere acquistata dal Metropolitan Museum nel 1953. L’opera, datata al 1594-1595, è particolarmente significativa nel percorso di Caravaggio, che sperimenta forse per la prima volta una composizione a più figure, ritraendo probabilmente, piuttosto che quattro modelli diversi, lo stesso ragazzo atteggiato in pose differenti. Il tema centrale è la musica, che deriva dalla tradizione veneta dei ‘Concerti’, inaugurata da Giorgione e Tiziano, mentre la presenza di un Eros con grappolo d’uva ha suggerito alla critica anche diverse interpretazioni allegoriche del soggetto.

Nell’adiacente sala XVIII è esposto il dipinto del maestro di Caravaggio Simone Peterzano, Venere e Cupido con due satiri in un paesaggio, normalmente non visibile per ragioni di spazio e per l’occasione presentato in relazione con le opere dell’allievo.


INFORMAZIONI

Sede Milano, Pinacoteca di Brera, Sala XV

Periodo 17 gennaio – 29 marzo 2009

Orari 8.30 -19.15 da martedì a domenica
(la biglietteria chiude 45 minuti prima)

Biglietto d’ingresso:
€ 10,00 intero
€ 7,50 ridotto: per cittadini dell'UE e dello SEE di età compresa tra i 18 ed i 25 anni e docenti delle scuole statali dell'UE e dello SEE.
Gratuito: per cittadini dell'UE e dello SEE di età inferiore a 18 anni o superiore a 65 anni, membri I.C.O.M., guide e interpreti turistici, personale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, studenti, giornalisti, portatori di handicap e accompagnatore.
Abbonamento Bicentenario € 20,00: include l'ingresso illimitato alla Pinacoteca di Brera dal 17 gennaio 2009 al 15 febbraio 2010, il noleggio scontato dell'audioguida per due persone, lo sconto del 15% presso il bookshop di Brera e presso la libreria Electa del Mondadori Multicenter Duomo, sconti presso mostre d'arte ed esercizi commerciali convenzionati.

Audioguida
€ 3,50 individuale/doppia per i titolati dell'Abbonamento Bicentenario
€ 5,50 doppia

Visite guidate Civita Servizi
€ 62,00 scuole
€ 83,00 gruppi
€ 100,00 lingua straniera

Informazioni tel. 02.72263204 – 02.72263239 – 02.72263268 - 02.72263262

Prenotazioni Civita tel. 02.89421146

Sito web www.brera.beniculturali.it

Attività didattica dei Servizi educativi della Pinacoteca: un incontro gratuito ogni sabato, su prenotazione obbligatoria, max. 40 persone (tel. 02.72263219 – 02.72263262 - 02.72263204)
Materiali didattici scaricabili dal sito web

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram