Eli Riva - Opera grafica 3091 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SALONE CIVICO DEL TORCHIO ​ Piazza Castello Carimate 22060

Carimate (CO) - dal 16 gennaio al primo febbraio 2009

Eli Riva - Opera grafica

Eli Riva - Opera grafica
Cavallo
 [Vedi la foto originale]
SALONE CIVICO DEL TORCHIO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Castello (22060)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una scelta di ottanta disegni dell’artista comasco Eli Riva (scomparso nel febbraio 2007).
orario: tutti i giorni.
Lunedi- Sabato: 10 - 12,30 / 15 - 19 Domenica 9 - 19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 16 gennaio 2009. ore 18
curatori: Enza Coratolo Riva
autori: Eli Riva
telefono evento: +39 031273572
genere: personale, disegno e grafica
email: giovanna.riva@rtsi.ch

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Una scelta di ottanta disegni dell’artista comasco Eli Riva (scomparso nel febbraio 2007) sarà esposta nel “Salone Civico del Torchio” a Carimate (Como) dal 16 gennaio al 1 febbraio. (foto 1-6)

Scultore per vocazione, Eli Riva, nato a Rovenna di Cernobbio (Como) nel 1921, ha operato con un’arte matura già a partire dal 1950 (vedi foto allegate 7,8 : “Due teste”, porfido,1950) e fino ai primi anni del nuovo secolo, portando la scultura da un’impostazione “di massa” degna del migliore Novecento storico ad un’arte spaziale ed aerea; e dal “figurativo” all’ ”astratto”.
Dotato di una eccezionale manualità, Riva si sentiva erede dei “Maestri Comacini” poiché eseguiva le sue opere “a taglio diretto” nel marmo.
Di formazione artigianale, si espresse dapprima con notevoli opere nello sbalzo e cesello, portando tale tecnica anche a grandi dimensioni, come nella realizzazione di portali di Chiese a Diano Marina (Imperia) - la Parrocchiale e il Santuario di Nostra Signora della Rovere (1956) – e nella “Via Crucis” di Madrona (Como) del 1953.
Passato alla scultura vera e propria, e culturalmente informato, fu sensibile a tutte le istanze dell’arte contemporanea della seconda metà del secolo scorso, talvolta anticipandole, come ad esempio nelle “Piastre” del 1956 (vedi foto 9).

Molta e intimamente vissuta con spirito profondamente religioso la sua produzione nell’arte sacra, con opere di ispirazione personale, con opere di committenza (fra le piú significative il Portale in bronzo della Parrocchiale di Chiasso - Svizzera - del 1967, il monumento a Papa Innocenzo XI sulla via Odescalchi in Como del 1994, alcune “Vie Crucis” – ad ex Campobasso, in marmo, 1953 - e numerose cappelle cimiteriali), ma soprattutto è interessante e specifico il suo intervento nelle soluzioni presbiteriali nelle nuove Chiese post-conciliari: S. Agata (Como) e Chiesa di Lipomo (Como).

Tutta la sua ricerca estetica si rispecchia nell’opera grafica, dalla “figurazione” all’”astrazione”.
Il disegno ha infatti accompagnato tutto il suo lavoro, come ricerca di nuove forme plastiche, come indagine spaziale, ma anche come ricerca del “segno”: un segno particolare, a punta di pennino ed inchiostro, non a tratteggio incrociato, ma sottile, ravvicinato, a creare plasticamente “chiari” e “scuri”, forma e volume.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram