Lisa Borgiani / Massimo Nidini - Il tempo qui non ha tempo 3120 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA ​ Piazza Brà Verona 37121

Verona - dal 27 al 29 gennaio 2009

Lisa Borgiani / Massimo Nidini - Il tempo qui non ha tempo

Lisa Borgiani / Massimo Nidini - Il tempo qui non ha tempo

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DELLA GRAN GUARDIA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Brà (37121)
+39 0458033400
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il Memoriale alle vittime della Shoah, ideato dall’architetto Peter Eisenman a Berlino, visto e fotografato dalle opere fotopittoriche di Lisa Borgiani e Massimo Nidini in occasione della Giornata della Memoria in collaborazione con la Comunità Ebraica di Verona.
biglietti: free admittance
vernissage: 27 gennaio 2009.
autori: Lisa Borgiani, Massimo Nidini
patrocini: Comune di Verona
genere: fotografia, arte contemporanea, doppia personale
email: massimo.nidini@tin.it
web: www.lisaborgiani.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Il Memoriale alle vittime della Shoah, ideato dall’architetto Peter Eisenman a Berlino, visto e fotografato dalle opere fotopittoriche di Lisa Borgiani e Massimo Nidini in occasione della Giornata della Memoria in collaborazione con la Comunità Ebraica di Verona.

Le 20 opere, accompagnate da un video, saranno esposte dal 27 al 29 gennaio alla Gran Guardia.



Il lavoro fotografico consiste in una sequenza di venti immagini poste in sequenza scattate al Memoriale della Shoah di Berlino attraverso 2711 pilastri asimmetrici alti fino a 4 metri disposti su un’area di 19.000mq.

Una labirintica foresta di colonne di cemento diventa apoteosi del forte senso di angoscia evocato dal ricordo del genocidio degli ebrei ad opera del nazismo.

La successione di ogni singola immagine sfuocata è simbolo di veloci incontri e degli scambi di sguardi delle persone che camminano al Memoriale lungo il proprio percorso in un tempo contemporaneo senza tempo e in uno spazio senza entrata e senza uscita.

L’effetto di disorientamento percepito attraverso l’obiettivo della macchina fotografica ed accentuato dall’intervento pittorico è ricercato : il visitatore si trova solo faccia a faccia con il ricordo delle vittime.

“Da dove provengono queste voci? Chi urla? Chi corre?...”



Lisa Borgiani

Massimo Nidini
 
trovamostre
@exibart on instagram