Olivier Mosset 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO D'ARTE ​ Piazzetta dei Serviti 1 Mendrisio 6850

Mendrisio - dal 14 marzo al 17 maggio 2009

Olivier Mosset

Olivier Mosset

 [Vedi la foto originale]
MUSEO D'ARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazzetta Dei Serviti 1 (6850)
+41 0586883350 , +41 0586883359 (fax)
museo@mendrisio.ch
www.mendrisio.ch/Museo
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Una mostra personale di Olivier Mosset, artista svizzero contemporaneo di respiro internazionale la cui opera, ampiamente storicizzata, è stata finora poco esposta in area italiana.
orario: martedì-venerdì, 14-17; sabato e domenica 10-18.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 14 marzo 2009. ore 17
curatori: Simone Soldini, Paola Tedeschi
autori: Olivier Mosset
note: Conferenza stampa: giovedì 12 marzo ore 11.
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il Museo d’arte di Mendrisio presenta nei suoi spazi, dal 14 marzo al 17 maggio 2009, una mostra personale di Olivier Mosset, artista svizzero contemporaneo di respiro internazionale la cui opera, ampiamente storicizzata, è stata finora poco esposta in area italiana.

La rassegna si inserisce in quell’indagine sul significato del fare pittura oggi già avviata dal Museo con l’esposizione dei lavori di Rolando Raggenbass nel 2002-2003, e approfondita in seguito, soprattutto per quanto concerne le problematiche legate a una certa astrazione, con la recente personale di Gregorio Pedroli (2008). Allargando su un contemporaneo più vasto, il Museo propone con Mosset il caposcuola di un astrattismo che, al di là di matrici locali o nazionali, si manifesta nella sua essenza come valore assoluto.



Nato a Neuchâtel nel 1944, Olivier Mosset è sin dagli anni Sessanta un indubbio protagonista della scena artistica internazionale, specificatamente nel campo dell’astrattismo. La sua produzione è attenta a numerosi movimenti moderni, postmoderni e contemporanei, si sviluppa attraverso collaborazioni e contatti con altri artisti, ma si declina di fatto in maniera autonoma come riflessione sul medium pittura inteso nella sua più pura materialità. Dapprima assistente di Jean Tinguely e Daniel Spoerri, dopo un’esperienza parigina di carattere provocatorio e situazionista in associazione con Daniel Buren, Michel Parmentier e Niele Toroni, si trasferisce a New York nel 1977. Qui, la sua idea di una pittura da ricondurre al grado zero trova terreno fertile nello scambio con artisti come Marcia Hafif, Frederic Thursz, Günter Umberg, Steven Parrino o Jerry Zeniuk, e sfocia in quel Radical Painting espresso da grandi tele monocrome. Il ritorno a dipinti di tipo geometrico, maturato in un contesto vicino alle tendenze neo-geo, e le sperimentazioni tridimensionali nell’ambito della scultura e del quadro-oggetto (shaped canvas) costituiscono gli esiti di una ricerca che continua a rimettere in discussione la pittura attraverso un instancabile lavoro sulla forma, fra materialismo radicale e raffinata intellettualità.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram